Pinterest LinkedIn

L’industria del Beverage, come altri, ha individuato come mezzo fondamentale il digital per interagire con i consumatori, informarli e imparare da loro stessi così da vendere. Le normative hanno reso la vendita online di alcol più complicata rispetto ad altri settori e questo ne ha limitato lo sviluppo, anche se questo sta cambiando. IWSR, l’esperto mondiale nell’indagine relativa alle bevande alcoliche,  sta analizzando gli andamenti della vendita digitale.

 

Anche se inevitabilmente esistono scostamenti tra i mercati, i risultati globali per il 2018 mostrano che l’1,8% del valore di tutte le bevande alcoliche viene venduto attraverso l’e-commerce. A sfruttare al meglio il potenziale di questo canale è stato il vino. L’anno scorso il 3,6% delle vendite in questo comparto derivava dall’online, una cifra che si traduce in quasi 8 miliardi di dollari di vendite.

La rapida espansione delle vendite di vino online ha persino minacciato nel Regno Unito la redditività dei negozi fisicamente esistenti. In questo paese hanno raggiunto il 6,5% del valore totale delle vendite, spingendo uno dei principali rivenditori di vino, Majestic, ad annunciare che stanno vendendo gran parte dei loro terreni al dettaglio per concentrarsi sul loro business online, Naked Wines. L’ampio numero di produttori nel settore e la diversità di scelta hanno fatto sì che esistesse sempre una cultura di sperimentazione. L’ambiente online si è dimostrato adeguato per servire la curiosità dei bevitori di vino e per educare e informare le scelte di consumo. L’esponenziale sviluppo dei mercati del vino online come Vivino, che dopo soli nove anni di trading sostiene ora di avere 10 milioni di vini diversi e ben 35 milioni di utenti, ha dimostrato quanto sia favorevole la vendita di questi prodotti online.

Le vendite di altri alcolici attraverso l’e-commerce potrebbero non essere così pronunciate come il vino, ma la ricerca dell’IWSR mostra che circa 6,5 ​​miliardi di dollari di alcolici sono stati venduti online nel 2018, una cifra che rappresenta il 2% delle vendite di valore di tutti gli spirits globali. Ad esempio, l’e-commerce è ora considerato il canale in più rapida crescita per Pernod Ricard. La vendita diretta su piattaforme online di proprietà si è rivelata meno efficace per gli operatori di alcolici rispetto alle partnership o acquisizioni con rivenditori online e servizi di consegna affermati, forse perché comprometteva la scelta di vendere esclusivamente i propri marchi.

 

Wine Marketing Agra
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Il trend recente è stato quello di consentire agli operatori di collaborare con le piattaforme online esistenti per massimizzare l’esposizione e mostrare i loro marchi da una prospettiva diversa ai consumatori. Lo sviluppo del mercato online sta avvenendo a ritmi diversi, con bevitori in alcuni mercati più rapidi ad adottare nuove pratiche e abitudini di acquisto rispetto ad altri. Gli 800 milioni di utenti cinesi di Internet segnalati sono stati pronti ad abbracciare l’avvento dell’e-commerce. L’esplosione nell’uso degli smartphone, nelle app dei social media e nell’e-commerce mobile ha facilitato questo cambiamento nelle abitudini di acquisto e ha significato che il 6,5% delle vendite off-premise di tutte le bevande alcoliche sono ora ordinate online in Cina. Il canale di e-commerce si è rivelato particolarmente popolare per le vendite di vino in Cina.

 

Fonte: www.theiwsr.com/wp-content/uploads/Press-Release-IWSR-Impact-of-Ecommerce-on-Beverage-Alcohol-July2019.pdf

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

undici + due =