Pinterest LinkedIn

Sebbene il no-alcohol sia destinato a guidare la crescita complessiva del no/low nei prossimi anni, una serie di innovazioni nel settore del vino, della birra e degli alcolici contribuirà a stimolare il consumo futuro di prodotti a basso contenuto alcolico.

Si prevede che i volumi dei prodotti a basso contenuto alcolico nei 10 principali mercati no/low del mondo cresceranno a un CAGR del +3% tra il 2023 e il 2027. Gran parte della crescita della categoria dovrebbe provenire da alcuni dei più grandi mercati a basso contenuto alcolico, tra cui Germania, Stati Uniti, Francia e Regno Unito.

Il vino rimane il più forte tra i mercati a basso contenuto di alcol, con le previsioni dell’IWSR che indicano un CAGR del volume del 2023-27 del +12% per la categoria, davanti a RTD (+9%) e birra/sidro (+2%), mentre gli alcolici dovrebbero diminuire (-2%).

Ma tutte le categorie sono attualmente fonte di grande innovazione, dall’esplorazione dei vini “a media gradazione” alle estensioni di marchi affermati e al lancio di prodotti a basso contenuto alcolico che mirano a sfruttare i cambiamenti del contesto normativo.

Formazione continua

Per i consumatori che desiderano moderare l’assunzione di alcol, le proposte a basso contenuto alcolico possono talvolta creare confusione. “I consumatori non sanno necessariamente che un marchio di alcolici si attesta normalmente sul 30-40% di ABV, quindi non sempre sanno cosa significhi un 20% di ABV per un marchio di gin, o come un 20% di ABV possa essere correlato a un vino al 5% di ABV o a una birra all’1% di ABV”, afferma Susie Goldspink, Head of No/Low-Alcohol Insights, IWSR. Inoltre, spesso non è chiaro ai consumatori quante bevande a basso contenuto alcolico possono consumare e rimanere entro il limite legale di guida in stato di ebbrezza.

Per questo motivo, i marchi potrebbero aver bisogno di continuare a educare i consumatori alla proposta di bevande a basso contenuto alcolico. In una pubblicità online di Nice Drinks nel Regno Unito, ad esempio, un’illustrazione mostra quanti bicchieri del loro vino Sessions a basso contenuto alcolico equivalgono a un bicchiere di vino a gradazione piena.

Marchi affermati

Come nel settore no-alcohol, le estensioni di linea di marchi affermati a piena forza nello spazio a basso contenuto alcolico sono un modo per reclutare i consumatori per provare prodotti con livelli ridotti di alcol.

I marchi di vino affermati stanno esplorando sempre più il potenziale delle varianti “a media gradazione”, così come alcuni marchi di birra di punta. Ad esempio, Asahi ha lanciato Asahi Super Dry Dry Crystal nel mercato giapponese nel 2023, un prodotto con un livello alcolico ridotto al 3,5% ABV, segnando la prima volta che l’azienda ha cambiato la ricetta Super Dry dalla sua creazione.

Nuova tecnologia enologica

La tecnologia di vinificazione sta migliorando il gusto e la qualità del vino senza alcol o a bassa gradazione alcolica. Nel 2023, è stato avviato il progetto “Advancement of Australian Lifestyle Wines” per promuovere la produzione di questi vini in Australia con il supporto finanziario del governo federale. Ciò riflette un riconoscimento dell’opportunità di crescita nel settore dei vini a basso contenuto alcolico. Gli investimenti in nuove tecnologie mirano a migliorare ulteriormente la qualità di questi vini, nonostante la sfida dell’acquisto ripetuto da parte dei consumatori.

Vini di media gradazione  e cambiamenti normativi

I produttori di vino affermati stanno lanciando sempre più prodotti a bassa gradazione alcolica, ampliando le loro linee principali con varianti a media gradazione. Questo trend è evidente soprattutto in Australia, con nuovi spin-off di marchi importanti come Elephant in the Room, Squealing Pig Mid Pig, Pepperjack Mid e McGuigan Black Mid. Anche in Giappone e negli Stati Uniti c’è un interesse crescente per vini con meno alcol, riflettendo una tendenza verso prodotti “migliori per te”. Le modifiche normative, come quelle introdotte nel Regno Unito nel 2023, stanno incoraggiando ulteriori sviluppi in questo settore, con una crescente attenzione verso birre e vini a media gradazione.

Spirits che si fanno strada

Gli alcolici a basso contenuto alcolico stanno cedendo quote di mercato al vino a basso contenuto alcolico, in particolare negli Stati Uniti, dove le previsioni dell’IWSR prevedono che i volumi di vino a basso contenuto alcolico cresceranno a un CAGR del +14% tra il 2023 e il 2027, mentre gli alcolici a basso contenuto alcolico dovrebbero diminuire a un CAGR del -9% nello stesso arco di tempo.

Ciononostante, i proprietari dei marchi continuano a rivolgersi ai consumatori che cercano livelli alcolici più bassi, attraverso prodotti come Decem, distillato con botaniche profumate per un’alternativa di gin al 10% dal gusto pieno, e Quarter, che offre alternative di gin e tequila al 12%, oltre a un Margarita e un Negroni più leggeri pronti da servire.

Ricevi le ultime notizie! Iscriviti alla Newsletter


“Questo approccio genera interesse per i prodotti a bassa gradazione, anche se non rientrano nella definizione di alcolici a bassa gradazione dell’IWSR”, afferma Goldspink. “Gli alcolici a bassa gradazione sono messi in ombra dal vino a bassa gradazione, ma i marchi si stanno facendo strada con prodotti che riflettono il cambiamento del comportamento dei consumatori, in particolare la preferenza per esperienze di consumo più leggere”.

+ INFO: www.theiwsr.com/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

undici + 3 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina