Beverfood.com
| Categoria Notizie Distribuzione - Ristorazione | 3899 letture

INDAGINE CDA: IN CALO NEL 2008 IL CONSUMO DI BEVANDE FUORI CASA IN ITALIA

Indagine Consumo Bevande Fuori Casa Italia

Casa Italia Bevande Fuori Indagine Consumo

Dalla consueta indagine realizzata da CDA (Consorzio Distributori Alimentari), attraverso il proprio Data Wharehouse consortile, emerge per il 2008 un bilancio purtroppo tutt’altro che positivo per i consumi di bevande nel “fuori casa” L’estate, che da sempre caratterizza ed influisce sui consumi, quest’anno non ha aiutato il settore che sin dall’inizio dell’anno aveva fatto registrare preoccupanti andamenti negativi. Non stupisce quindi che il dato relativo al periodo Gennaio/Ottobre, parli di un preoccupante -4,89% in termini di volumi.


Se la media nazionale si attesta intorno ad un minaccioso -4,89%, la ripartizione per tra le varie areee italiane presenta dati in linea con l’andamento generale:
-6,48% nel Nord Ovest (Area Nielsen 1),
-6,30% al Nord Est (Area Nielsen 2),
-2,66% nel Centro (Area Nielsen 3)
-3,89% al Sud (Area Nielsen 4).
I canali più colpiti da questa crisi dei consumi sembrano essere i bar tradizionali, dove il calo si attesta intorno al -5,20%, e tutto il comparto della ristorazione che fa registrare un netto -5,28%. Migliore invece la situazione dei locali dedicati al tempo libero serale, dove, complice la stagione, il calo è “solo” del 3,01%.

Sintomo di una crisi che è assolutamente trasversale, è anche il fatto che non esistano merceologie in grado di fare segnare andamenti differenti. Si registrano infatti cali su
…acque minerali (-3%),
…bibite gassate (-4,34%),
…birre (-8,50%),
…succhi di frutta (-6,78%),
…aperitivi analcolici (-8,55%)
…vini (-5,12%).

“Questi dati non possono che metterci in allarme, poiché confermano il trend di un calo generalizzato dei consumi in tutti i comparti, come avevamo già previsto all’inizio del 2008 – commenta Lucio Roncoroni, direttore di CDA. “Nemmeno la stagionalità ci ha aiutato, mentre l’inflazione, che nel nostro settore sfiorava nel primo semestre dell’anno il 2,80%, si attesta a fine ottobre ad un preoccupante 3,19% con prospettive di aumento. La crisi del settore – anche se in qualche misura prevista – è andata dunque oltre le più pessimistiche previsioni. Il dato sconfortante è che non vi sono elementi che facciano prevedere un cambio di direzione, almeno nel breve periodo….Il settore dei consumi delle bevande sta subendo una forte crisi, dovuta sua volta dalla crisi del pubblico esercizio e della predisposizione alla spesa in questo canale. I prezzi delle consumazioni in continuo aumento, l’attenzione ai consumi degli alcolici, il clima generale di preoccupazione che coinvolge tutto e tutti si riverberano su una non predisposizione ai consumi spesso reale, a volte psicologica. Come se non bastasse, all’orizzonte si profilano aumenti dei prodotti che, se giustificabili sotto certi aspetti, non faranno che peggiorare una situazione già di per sé critica”.

+FONTE: comunicato del 13/11/2008 cda

Logo Consorzio Distributori Alimentari CDA VentennaleINFOFLASH SUL CONSORZIO CDA
Il Consorzio Distributori Alimentari nasce nel 1988 in Lombardia e, quindi, festeggia quest’anno il suo ventennale. Da gruppo regionale, nel giro di pochi anni, CDA si è consolidato in una struttura dal carattere nazionale: il consorzio infatti conta oggi ben 91 associati distribuiti in tutte le regioni italiane, per un fatturato di 450 milioni di euro nel 2005, ottenuto per il 75% nel canale Horeca, CAD vanta un quota di mercato pari al 11% e serve, grazie ai suoi 600 venditori, oltre 40.500 pubblici esercizi su tutto il territorio nazionale. +info: www.cdaweb.it

Se volete ricevere con regolarità la segnalazione di tutte le nostre news sul settore del beverage, iscrivetevi gratuitamente alla nostra bevernews. –> ISCRIZIONE

ALTRE NEWS SUL SETTORE -> distribuzione

DOCUMENTAZIONE SUL SETTORE -> distribuzione

+ COMMENTI (0)

Limoncello Pallini - premiato dai consumatori al Quality Award 2019 - inimitabile qualità italiana da 140 anni

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Casa Indagine Bevande Consumo Fuori Italia

Tags/Argomenti:

ARTICOLI COLLEGATI:

Le previsioni IRI sull’andamento del Largo Consumo per la chiusura 2019

Le previsioni IRI sull’andamento del Largo Consumo per la chiusura 2019

17/07/2019 - IRI, leader mondiale nelle informazioni di mercato per il Largo Consumo, il Retail e lo Shopper, ha elaborato le previsioni sull’andamento dei mercati del Largo Consumo C...

Indagine AssoBirra – AstraRicerche: la birra in Italia è sempre più una bevanda da pasto

Indagine AssoBirra – AstraRicerche: la birra in Italia è sempre più una bevanda da pasto

25/10/2018 - Un italiano su due beve più birra di 5 anni fa e lo fa perché si abbina perfettamente ai pasti.  La tendenza di mercato emerge dall'indagine "Gli italiani e la birra" con...

Ricerca Italiani.coop: le tribù della tavola

Ricerca Italiani.coop: le tribù della tavola

05/09/2018 - Gli italiani potrebbero non essere più i così affezionati alla tipica tavola della tradizione nazionale. Nella primavera di quest’anno l’Ufficio Studi Coop ha realizzato ...

Italian Sounding: l’utilizzo improprio di nomi e immagini evocative del Belpaese vale 90 miliardi

Italian Sounding: l’utilizzo improprio di nomi e immagini evocative del Belpaese vale 90 miliardi

07/08/2018 - ASSOCAMERESTERO presenta i risultati dell’Indagine 2018 sui prodotti alimentari “Italian Sounding” in Europa e Nord America. 90 miliardi di euro l’impatto economico globa...

Indagine Blogmeter: i brand di caffè più social

Indagine Blogmeter: i brand di caffè più social

19/07/2018 - L’analisi svolta da Blogmeter sulle performance di tutte le pagine ufficiali Facebook, Twitter e YouTube dei 30 principali brand di Caffè presenti sul mercato italiano in...

Indagine Business Strategies – Wine Monitor: solo 2 cinesi su 10 associano il vino all’Italia

Indagine Business Strategies – Wine Monitor: solo 2 cinesi su 10 associano il vino all’Italia

06/06/2018 - La pasta e il Barolo sarebbero il cibo e il vino italiani più conosciuti dall’upper class cinese. Ma a vincere è la non conoscenza del made in Italy, con la metà dei cons...

Indagine Doxa/Groupon: motivazioni e comportamenti degli italiani al ristorante

Indagine Doxa/Groupon: motivazioni e comportamenti degli italiani al ristorante

22/05/2018 - Un'indagine Doxa* per conto di Groupon analizza il mondo della ristorazione a 360 gradi. Il 94% dei nostri connazionali dichiara di avere manie e fissazioni al ristorante...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

10 + sette =