Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Basta poco, decisamente, per essere contenti. Ingredienti naturali e di qualità, miscele mai complesse, una location dalle linee sobrie. Meno è meglio, e l’incontro tra Italicus – Rosolio di Bergamotto e Bioesserì in Porta Nuova, a Milano, è stata una serena occasione per ribadirlo.

Annuario Bevitalia Bevande Analcoliche Beverfood.com acquista ora o scarica gratis il pdf
Annuario Bevitalia Bevande Analcoliche Beverfood.com acquista ora o scarica gratis il pdf

Il brand ideato da Giuseppe Gallo, e distribuito da Pernod Ricard, ha fatto tappa nell’ultima apertura di Bioesserì, il format già lanciato a Milano in zona Brera, che si concentra su una apprezzabile proposta food griffata dai concetti di salutare, bio, chilometro zero e funzionale. Varata a settembre 2019, aveva finora trovato pochissimo spazio per poter davvero esprimere il proprio potenziale, stanti le misure di apri e chiudi che l’intero paese di è visto imporre a causa della pandemia. I tempi paiono però migliorare, e il nuovo bar manager Carlo Simbula (nome notissimo della scena da bere, già bar manager del The Spirit) ha potuto finalmente presentare la sua signature drink list.

Bioesserì Milano Porta Nuova

L’appuntamento con Italicus è stato impreziosito dalla presenza di Mattia Pastori, consulente per la mixology del brand e titolare della scuola NonSoloCocktail: quattro cocktail realizzati per l’occasione, ciascuno caratterizzato da estrema eleganza e bevibilità, a certificare come, molto spesso, pochissimi ingredienti possano dare vita a ricette di grandissimo gusto. Ad accompagnarli, le proposte della cucina di Bioesserì, capitanata dal nuovo arrivato Antonio Lucatelli (ex Armani Ristorante) sui binari dell’artigianalità e del gusto semplice: chips, pizza fatta in casa, finger food con formaggio di capra, costina di maiale al BBQ.

Mattia Pastori

I cocktail di Pastori sono stati un inno alla semplicità: Italicus Spritz, probabilmente il perfect serve del prodotto, che esplode in tutte le sue note amabili e caratteristiche: rapporto 2:1 con una bollicina italiana, ghiaccio e l’aggiunta di un’oliva a dare la nota sapide che completa un mosaico pericolosamente gradevole. Non a caso, è la ricetta che si trova in etichetta sulle iconiche bottiglie celesti e dorate di Italicus. Italicus Tonic, altrettanto semplice, con un semplice fill di acqua tonica, che insieme a una fetta di pompelmo rosa bilancia, con l’amaricante, la dolcezza intrinseca di Italicus. Un twist sul Daiquiri e infine il Mezcalidus, splendida rivisitazione di uno stile Old Fashioned, che all’Italicus vede aggiungere una dose salutare del distillato d’agave primordiale: affumicato, vero, estremamente godibile. Stare bene, molto spesso, è così facile. 

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia - The Art of Perfection - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

tre × cinque =