Pinterest LinkedIn

Lo Spirits Market Report 2021 dell’ente commerciale Drinks Ireland|Spirits ha rivelato che le esportazioni complessive di alcolici irlandesi sono state valutate lo scorso anno a circa 1,2 miliardi di euro (1,2 miliardi di dollari USA).

 

Contatti email Aziende Beverage And Food Distribuzione Ingrosso Alimentari Banchedati CSV Excel

 

Le vendite di alcolici domestici sono rimbalzate l’anno scorso, con un aumento dell’8% a 2,55 milioni di litri venduti, poiché i locali on-trade nel paese hanno riaperto nella seconda metà del 2021. Gli aumenti hanno invertito il calo delle vendite registrato nel 2020, superando sia le vendite interne che i dati sulle esportazioni registrati nel 2019.

Bryan Fallon, amministratore delegato di Heaven Hill Ireland, proprietario del liquore alla crema irlandese Carolan’s e del liquore al miele Irish Mist, e presidente di Drinks Ireland|Spirits, ha dichiarato: “L’anno scorso è stato un altro anno difficile per il settore degli alcolici irlandese, che ha dimostrato ancora una volta una forte resilienza dopo la pandemia di Covid-19. È stato positivo vedere un rimbalzo delle vendite e delle esportazioni interne nella seconda metà dell’anno con la riapertura delle strutture ricettive”.

Vodka (29,9%), whisky irlandese (25,04%) e gin (14,43%) erano gli alcolici più consumati in Irlanda. L’unica categoria di alcolici a diminuire in Irlanda è stata lo Scotch whisky, che è sceso del 10%. Inoltre, il gruppo commerciale ha notato che il consumo complessivo di alcol ha continuato a diminuire in Irlanda, in calo del 4,7% lo scorso anno, secondo i dati dell’autorità fiscale e doganale irlandese Revenue.

Le vendite globali di whisky irlandese hanno raggiunto 14 milioni di casse nel 2021, con una crescita del 22,81%. Poitín ha registrato un aumento del 94,17% nel 2021. La crema irlandese (+18,38% nel 2021) dovrebbe raggiungere per la prima volta 10 milioni di casse quest’anno.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

L’anno scorso, le vendite di cocktail ready-to-drink (RTD) e long drink in Irlanda sono aumentate del 60%, mentre gli hard seltzer sono aumentati del 46% e le bevande alcoliche aromatizzate sono cresciute del 27%. Le vendite dei marchi irlandesi RTD sono aumentate del 7,4% lo scorso anno. Le vendite di analcolici e di drinks a basso contenuto di alcol sono cresciute vertiginosamente l’anno scorso, ma da una base bassa. Inoltre il travel retail globale ha registrato un “recupero migliore del previsto”, ma le vendite non si sono avvicinate ai livelli pre-pandemia.

Fallon ha chiesto un taglio delle accise per gli alcolici nel prossimo budget per aiutare a sostenere l’economia. “Con la terza più alta accisa sugli alcolici nell’UE, l’Irlanda riscuote una percentuale sproporzionata del carico fiscale sulle distillerie che stanno promuovendo l’Irlanda sulla scena mondiale”, ha aggiunto Fallon.

Il più grande marchio di whisky irlandese del mondo, Jameson, punta a 15 milioni di casse entro il 2030.

Fonte:
www.thespiritsbusiness.com/2022/07/irish-spirits-exports-rise-by-25-in-2021/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo: No. 3 London Dry Gin  - Food is The Key - distribuito in Italia da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina