Pinterest LinkedIn

La decima edizione della bottiglia di ceramica della Birra di Natale FORST sarà decorata con una figura particolarmente importante nella storia dell’azienda: San Sisto. La decima edizione della bottiglia di Natale rappresenta quindi un prezioso pezzo da collezione e si colloca nella serie ad edizione limitata delle bottiglie di ceramica della Birra di Natale FORST il cui decoro ricercato e particolare cambia ogni anno.

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

Il decoro di quest’anno vede San Sisto, SIXTUS in lingua latina, con in mano un manifesto con la scritta latina “150 annos Fam. Fuchs”. Infatti 150 anni fa Josef Fuchs acquistò nel 1863 lo stabilimento con i terreni adiacenti. Il disegno, che si rifà ad un affresco degli anni 60, posto all’ingresso della Sala Sixtus del Forsterbräu di Merano, è stato reinterpretato con l’aggiunta di un caldo color oro dall’artista Waltraud Wilhalm, sotto l’accorta regia di Cellina von Mannstein, Creative Director di Birra FORST. Sul tappo meccanico invece spicca la dicitura “10th Edition” a dare ulteriore lustro a questa edizione speciale e limitata. La Birra di Natale FORST viene appositamente prodotta per le festività natalizie. Dal colore marcatamente ambrato, è una birra gradevolmente luppolata con un aroma inimitabile dato dalle migliori miscele di malto. Per questo la Birra di Natale FORST è l’accompagnamento ideale per gustose pietanze natalizie.

La bottiglia di ceramica da due litri sarà disponibile a partire da metà novembre in tutti i Ristoranti-Birrerie FORST, presso i Mercatini di Natale in Alto Adige e le Birrerie Spiller di Padova, Vicenza, Piazzola sul Brenta, Verona e Brescia. Inoltre, la Birra di Natale FORST viene commercializzata anche in fusti da 15 e 30 litri e nel pratico FORSTY da 12,5 litri.

Per maggiori informazioni sull’acquisto della birra speciale di Natale è possibile rivolgersi direttamente a Birra FORST SpA al numero telefonico 0473/260111 oppure scrivendo a ucs@forst.it.

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)