Pinterest LinkedIn

Bar, ristoranti, hotel e anche operatori di distributori automatici hanno registrato pesanti perdite nel corso del 2020. Molte piccole imprese sono a rischio e c’è la minaccia della disoccupazione all’interno del settore. Ecco le tendenze, sviluppate da COFFEEBI.COM, in relazione al consumo di caffè fuori casa all’interno dei principali paesi europei.

 

Scarica Gratis l'ebook annuario Coffitalalia con tutti gli operatori del settore caffè italia

 

IL CAFFÈ FUORI CASA IN EUROPA NELL’ANNO DEL COVID

A fine 2020 si prevede che le vendite di caffè fuori casa in Europa registreranno un forte calo (-56,1%). La crescita è prevista nel 2021, principalmente a causa della ripresa delle imprese nella seconda metà dell’anno, tuttavia, per tornare ai livelli pre-crisi, bisognerà attendere il 2022. Le perdite più significative saranno associate al consumo di caffè in ufficio (-61,8%) per effetto delle politiche di telelavoro ampiamente adottate in molti paesi europei. Il consumo di HORECA dovrebbe diminuire del 48,3% Si prevedono perdite leggermente inferiori alla media in alcuni paesi del nord Europa, supportate dalle politiche iniziali meno restrittive adottate dai governi locali, mentre le perdite più significative si registreranno nei paesi dell’Europa orientale.

ITALIA: A fine 2020 in Italia si prevede un calo medio in valore del 45% del consumo di caffè fuori casa. Rispetto ad altri grandi paesi, le politiche iniziali molto restrittive che hanno portato alla sospensione completa delle attività per diversi mesi, avranno un impatto maggiore su HORECA, mentre la diminuzione dei consumi in ufficio sarà leggermente più contenuta rispetto alla media europea.

FRANCIA & SPAGNA: In Spagna il calo delle vendite di caffè sarà prossimo al 50% , mentre in Francia le politiche iniziali, più permissive su chiusure e orari di apertura, hanno rallentato la diminuzione dei consumi all’interno di HORECA. Il calo dei consumi in ufficio inciderà maggiormente sull’andamento annuo del mercato fuori casa (-48,1%), a causa del telelavoro su larga scala.

GERMANIA: Il mercato del caffè in Germania è il più grande d’Europa. Nel 2019 il consumo di caffè fuori casa ha registrato un aumento del 2,5% in valore, con un incremento ancora maggiore nel segmento uffici. Nel 2020, la riduzione dei consumi dovrebbe essere del 41% in valore. La perdita sarà maggiore nel segmento ufficio, a causa delle rigide politiche di home-working adottate, mentre HORECA è stata interessata da normative regionali restrittive e anche a causa dell’aumento delle vendite di caffè da asporto.

REGNO UNITO: Nonostante l’incertezza legata alla “Brexit”, il mercato del caffè fuori casa nel Regno Unito ha continuato a crescere fino al 2019 (+ 2,9% in valore). Nel 2020, le restrizioni sul funzionamento di molte strutture dovrebbero aver portato a una riduzione del 42,7% del consumo di caffè fuori casa. Le perdite maggiori si registreranno negli uffici, mentre il calo delle vendite nel settore HORECA sarà parzialmente mitigato dall’uso diffuso del caffè d’asporto e dall’aumento dei servizi di consegna.

 

gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS
gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS

 

IL FUTURO DEL CAFFÈ FUORI CASA

Sulla base delle tendenze previsionali di COFFEEBI, solo alla fine del 2022 i valori del consumo di caffè fuori casa dovrebbero tornare ai livelli pre-pandemici. Per gli operatori è impensabile aspettare fino ad allora o affidarsi agli interventi del governo, perché potrebbe essere tardi. Indipendentemente dalla durata, la pandemia sta cambiando i tempi e i luoghi della pausa caffè e, come per ogni cambiamento, c’è bisogno di adeguarsi e trovare nuove soluzioni.

Ogni cambiamento genera nuove opportunità per gli operatori che potranno innovare, non solo in termini di prodotti, ma soprattutto in relazione a servizi e modelli di business.

Nei prossimi anni si dovranno considerare alcuni punti chiave:

  • la gente non berrà meno caffè di prima, ma berrà caffè in tempi e luoghi diversi;
  • bisognerà ripensare al modo in cui è stato servito il caffè fino ad ora;
  • Il sovraffollamento deve essere evitato mantenendo elevati standard di igiene.

 

Databank torrefatori torrefazioni caffè Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

I macro-cambiamenti potrebbero interessare i luoghi di lavoro, con molte più persone che soggiornano o preferiscono rimanere e lavorare nelle città più piccole, piuttosto che nei grandi centri urbani. In questo caso, ad esempio, i bar indipendenti o locali giocherebbero un ruolo fondamentale e vedrebbero aumentare le opportunità. Tuttavia, sarà necessario per innovare l’offerta, con prodotti di qualità per i più esigenti clienti; va inoltre considerata la possibilità di fornire un servizio di consegna, almeno all’interno di un’area predefinita.

Ci saranno opportunità per i costruttori di macchine, che stanno già innovando, offrendo soluzioni “no-touch”. Tali produttori potrebbero beneficiare dell’aumento dei micro-punti di ristoro, offrendo nuove soluzioni ad-hoc. Si apriranno nuove opportunità per i “micro mercati” , con l’offerta di piatti pronti e cibi e bevande per chi lavora da casa o in zone dove bar e ristoranti scarseggiano. Pertanto, non esistono soluzioni perfette o formule segrete per superare le crisi. Solo osservando e ascoltando il mercato si possono prendere decisioni per innovare e affrontare le principali sfide che ci attendono nel prossimo futuro.

 

Per conoscere le tendenze previsionali su segmenti e mercati del caffè, contattare COFFEEBI:
coffeebi.com
info@coffeebi.com

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

4 + 17 =