Pinterest LinkedIn

Supera il 90% il caffè provieniente da fonti sostenibili che compone le gamme permanenti di Nespresso. L’azienda ha raggiunto l’importante traguardo grazie a The Positive Cup, la strategia di sostenibilità 2014-2020 che ha fissato una serie di obiettivi ambiziosi relativi all’approvvigionamento di caffè, all’impegno per il clima e a quello per la gestione responsabile dell’alluminio, di cui Nespresso ha pubblicato i risultati.

 

 

Per il programma The Positive Cup, Nespresso ha investito 585 milioni di CHF – oltre 545 milioni di euro -, con l’obiettivo di implementare una strategia e azioni capaci di proseguire nell’impegno costante di limitare l’impatto ambientale e raggiungere entro il 2022 la piena neutralità.

Dall’approvvigionamento di caffè sostenibile e certificato, alla riduzione del carbonio, fino al riciclo delle capsule: sono diversi i pilastri su cui vertono le azioni messe in campo da Nespresso per garantire a The Positive Cup risultati di successo.

All’impegno per l’approvvigionamento di caffè sostenibile, incrementato del 9% rispetto all’84% del 2014 –, si aggiunge quello per la costruzione di comunità agricole più forti e resilienti. Nespresso, infatti, lavora per promuovere progetti innovativi che contribuiscono a proteggere il benessere dei coltivatori di caffè. Tra tutti, gli innovativi programmi di risparmio previdenziale e di assicurazione del raccolto: oggi, oltre 2.000 coltivatori di caffè in Colombia e 1.500 in Indonesia dispongono di uno schema di risparmio pensionistico. Più di 4.700 coltivatori di caffè in Colombia, inoltre, sono iscritti all’assicurazione del raccolto, per un totale di oltre 15.000 ettari assicurati.

 

 

Traguardi importanti sono stati raggiunti anche in tema di protezione del clima: l’azienda ha ridotto l’impronta di carbonio di una tazza di caffè Nespresso del 24% rispetto al 2009, grazie a investimenti nell’espansione dell’uso di energie rinnovabili, all’introduzione di prodotti realizzati con eco-design, all’approvvigionamento di materiali a basse emissioni di carbonio e all’ottimizzazione della logistica. Progressi che si affiancano a un investimento, a partire dal 2014, di 15 milioni di CH in soluzioni naturali per il clima e a un lavoro di squadra con diversi partner, tra cui Pur Projet, per piantare fino al 2020 oltre 5 milioni di alberi nei paesi di origine.

A questo si aggiunge l’impegno per raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2022. Infine, gli sforzi per la gestione responsabile dell’alluminio di cui le capsule Nespresso sono composte: è stato costante il lavoro di Nespresso in tutto il mondo per offrire ai propri consumatori sempre più soluzioni di riciclo delle capsule esauste. In Italia, rientra in questo impegno il lancio dell’“Alleanza per il riciclo delle capsule in alluminio”, fondata da Nespresso in partnership con illycaffè per consentire ai consumatori di riportare le capsule di caffè in alluminio esauste di Nespresso e illy indifferentemente nei punti vendita commerciali di entrambi i brand, con l’obiettivo di raggiungere oltre 1.500 tonnellate di capsule esauste in alluminio recuperate entro la fine del 2021, per oltre 100 tonnellate di alluminio da rimettere in circolo e un ulteriore incremento del +5% nel 2022.

Jérôme Perez, Global Head of Sustainability di Nespresso

«Negli ultimi sette anni, The Positive Cup ci ha guidato nel nostro viaggio verso la sostenibilità, assicurandoci lo slancio per raggiungere i nostri obiettivi – dichiara Jérôme Perez, Global Head of Sustainability di Nespresso. – Abbiamo imparato molto e siamo orgogliosi dei risultati raggiunti, ma sappiamo che dobbiamo fare di più e accelerare il nostro percorso in questo decennio decisivo fino al 2030, aumentando la scala del nostro programma di approvvigionamento del caffè, espandendo il riciclo delle nostre capsule attraverso approcci a livello industriale, spingendo l’innovazione e guidando il cambiamento, soprattutto attraverso iniziative di agroforestazione. The Positive Cup è il modello di successo su cui continueremo a lavorare per raggiungere ulteriori progressi, con l’obiettivo di preservare il futuro del nostro pianeta».

In Italia, pilastro della filosofia sostenibile di Nespresso è il programma “Da Chicco a Chicco”, per cui dal 2011 l’azienda ha investito oltre 6 milioni di euro.

«Da sempre lavoriamo per creare valore condiviso lungo tutta la nostra catena del valore, dai paesi di origine del caffè con i coltivatori e le coltivatrici con cui lavoriamo, fino alla società e al territorio di cui ci sentiamo parte qui in Italia” – commenta Chiara Murano, Sustainability & Safety Health Environmental Manager di Nespresso ItalianaPer questo, anche in Italia abbiamo sviluppato progetti e iniziative che ci consentono non solo di tutelare l’ambiente, ma anche di sostenere il territorio nel quale operiamo insieme a Legambiente, AzzeroCO2, FAI – Fondo Ambiente Italiano e Banco Alimentare. “Nespresso per l’Italia” è il nostro piano d’azione che ci vede impegnati in prima linea in diverse iniziative a sostegno del territorio e delle persone. Tra queste il progetto “Da Chicco a Chicco”, con cui da 10 anni ci impegniamo per limitare l’impatto ambientale e favorire il riciclo di alluminio e del caffè esausto, dando vita ad un sistema di economia circolare che, in Italia, rappresenta un’unicità nella industry».

Dal 2011, con “Da Chicco a Chicco” Nespresso si impegna con un sistema proprietario di recupero e riciclo delle capsule esauste che, avviato grazie a una convenzione con CiAl (Consorzio Imballaggi Alluminio), Utilitalia e CIC (Consorzio Italiano Compostatori), consente di destinare a seconda vita le capsule in alluminio. Una volta raccolte, queste vengono trattate e i due materiali che le compongono – l’alluminio e il caffè esausto – vengono avviati a due differenti processi di recupero. L’alluminio viene destinato alle fonderie per trasformarlo in nuovi oggetti come penne, biciclette, coltellini. Il caffè esausto, invece, viene lavorato come compost e utilizzato in una risaia italiana per coltivare riso, riacquistato poi da Nespresso e donato a Banco Alimentare della Lombardia – a cui finora sono stati donati oltre 3.400.000 piatti di riso – e a Banco Alimentare del Lazio, a cui solo nel 2020 sono stati offerti oltre 220.000 piatti di riso.

Il CSV Report di Nespresso  è consultabile al link Nespresso CSV Report.

 

+info: www.nespresso.comnestle-nespresso.com

Scheda e news: Nespresso Italiana

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (1)

Sanbittèr Frizz Sanpellegrino: Tutti i colori dell'Aperitivo

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

1 Commento

  1. Mariantonietta Brunengo Reply

    L’ obiettivo di essere attenti all’ ambiente trova in.questa collaborazione di ” Chicco a Chicco” una nuova positiva visione della collaborazione tra grandi e piccole aziende e tra players della stessa arena competitiva . Per me questo è un concreto passo evolutivo .

Rispondi a Mariantonietta Brunengo Cancella la risposta

diciotto + 15 =