Carlo Carnevale
| Categoria Notizie Distillati, Liquori, Vino | 794 letture

Il “think pink” conquista il mondo del bere

Gin Bartender Think Mixology Pink Valentino Gordon's Premium Pink Bere Spumanti Rosè Rosa Bartending Vini Rosati - Rosé

Bartending Valentino Vini Rosati - Rosé Bere Think Gordon's Premium Pink Mixology Pink Bartender Gin Spumanti Rosè Rosa

A cura di

© Riproduzione riservata

Secondo buona parte della dottrina, il termine cocktail è una fusione tra le parole inglesi cock, gallo, e tail, coda. A indicare la particolare varietà di colorazioni che possono caratterizzare ogni drink, e non a caso molti bartender hanno tatuaggi, mascotte o disegni che rappresentano il re del pollaio. Ebbene negli ultimi tempi c’è un colore in particolare che sta nettamente prendendo il sopravvento sugli altri, e mai come in questi giorni se n’è discusso per San Valentino.

Guida Guidaonline Bibite e Succhi Beverfood bevande analcoliche energy sport drink thè caffè freddi succhi nettari
GuidaOnline Bibite e Succhi Beverfood.com Bevande Analcoliche bibite mixology thè e caffè freddi energy sport drinks Succhi Nettari Bevande Frutta Funzionali Horeca Concentrati

BOOM IN UN ANNO – Sarà perché è generalmente morbido per gli occhi, non disturba l’immaginario ed è anche stereotipatamente girl-friendly, ma il rosa sta facendo la parte del protagonista nelle tavolozze in bicchiere. Certo, è appena passato San Valentino direte voi. E invece si tratta di un trend che dura da un anno buono e coinvolge più di una dimensione del bere. Il gin rosa, ad esempio, sta letteralmente dominando gli indici di gradimento inglesi, con un roboante incremento di consumo del 751% in soli dodici mesi (2017-2018). Le indicazioni delle analisi della Wine and Spirit Trade Association (WSTA) parlano di nette preferenze dei più giovani a ordinare cocktail che contemplino almeno un ingrediente tendente al rosa, apparentemente per la sua naturale predisposizione ai social media. E il vino rosèe è ormai un must per eventi e occasioni conviviali.

CENTO MILIONI – Gli inglesi hanno acquistato circa 100 milioni di bottiglie di rosèe lo scorso anno, più o meno due un più rispetto al 2017, con un aumento in valore del 5%. Ne ha giovato la catena di grande distribuzione tedesca ALDI, tra le altre, che ha già affermato di prevedere di vendere almeno 13 milioni di bottiglie nel 2019. Sorprendente, peraltro, come l’impennata di acquisti non sia più collegata con l’arrivo di primavera e estate, come invece capitava in passato: secondo Julie Ashfield, Managing Director di ALDI UK, “il motivo è da ricercare nella continua esposizione sui social media fornita dai consumatori, e dalla facilità con cui il rosèe può abbinarsi a vari cibi”. Non fanno eccezione i cugini statunitensi, che hanno visto un incremento di bevitori di rosèe piuttosto rilevante negli ultimi 15 anni: dal 24% di consumatori nel 2004, al 37% rilevato lo scorso dicembre. Motivo? “Perché è trendy”.

PAUROSO – Recentemente si sta inoltre assistendo a un’autentica esplosione della distillazione di gin, di qualsiasi forma, genere e numero. Pressoché impensabile fino a non più di dieci anni fa, la tendenza odierna vede al centro i gin aromatici: un quinto del gin prodotto in UK è per l’appunto aromatico, ma assume ancora più importanza sul mercato, realizzando praticamente la metà delle vendite. Il gin aromatico attualmente genera un giro di 165 milioni di pounds (212 milioni di dollari): un pauroso +751% rispetto al 2017, e anche in questo caso il motore trainante è l’appeal su un target di consumatori più giovane del solito (under 45, secondo la WSTA).

THINK PINK – Il gin rosa, in tutto questo, è un’autentica star nel settore: nel 2017 il Gordon’s Pink Gin è stato il cavallo nero (manco a dirlo) su cui Diageo ha puntato per scollinare il muro dei 100 milioni di pounds di vendita. E pochi mesi dopo ha fatto eco la versione rose del Beefeater di Pernod Ricard. Prevedibili ma pur sempre validi i tratti in comune: sentori agrumati, fragola e frutti rossi, e una freschezza pungente perfetta per dare un tocco nuovo al gin tonic. Addirittura il rosa prende il sopravvento sull’usuale: nel 2018 la versione al lampone del Manchester Gin ha ufficialmente sorpassato in valore di vendita la sorellastra storica. Tutto questo per una combinazione di fattori, a quanto pare: “È un colore magnetico, naturalmente attraente quando lo si vede in bottigliera dietro al bancone”, spiega il mastro distillatore di Manchester Gin, Seb Heeley. “È più facile da assaporare rispetto a un gin tradizionale, e in qualche modo richiama comunque il concetto di amore”. Se lo dice lui.

MIXOLOGY – Quasi come binomio naturale, il rosa richiama la frizzantezza, la leggerezza e il fresco. Tutti elementi che sempre di più vengono ricercati dai consumatori di cocktail, nei quali si trovano sempre più spesso bitter erbacei, soluzioni di agrumi e bollicine. Mix perfetto per Instagram, vero e proprio metronomo dei consumi. Rimane ovviamente forte l’apporto di altre proposte cromatiche, ma una è quella regina, insomma. Una deriva particolare soprattutto in mixology, considerando quanto la verità di colori sia radicata nella cultura stessa del bere miscelato. Solo per completezza: in italiano, in origine, il cocktail era definito polibibita, o bevanda arlecchina. Almeno il rosa potrebbe ingentilire il concetto.

fonte: beveragedaily.com

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Casta la Grappa per Alchimie

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Mixology Vini Rosati - Rosé Bere Rosa Gin Bartender Think Valentino Gordon's Premium Pink Pink Bartending Spumanti Rosè


ARTICOLI COLLEGATI:

Lady Amarena 2019: al via la 5° edizione dell’unico concorso dedicato alle Lady del bar

22/05/2019 - I banconi dei bar nel mondo si tingono sempre più di rosa: non ci sono dati ufficiali, ma parlano le adesioni costantemente in crescita all’unico concorso internazionale ...

da Sx Edoardo Nono, Pietro Collina, Matteo Bonoli, Daniele Gentili

Amaro Montenegro, sapore vero… di futuro. La nuova edizione del The Vero Bartender

22/05/2019 - Eccellenza classica e orgoglio italiano, che si fondono con un'attitudine moderna e rivista in chiave giovane. Amaro Montenegro strizza ancora una volta l'occhio alle nuo...

Hernö, il Gin svedese più premiato in Europa

22/05/2019 - HernoIl miglior Gin? È svedese, è nato da pochi anni e ha già vinto molti Premi prestigiosi. Può vantare il Titolo di “Gin più premiato d’Europa”: due Medaglie d’oro al “...

Saigon Milano: per il ristorante vietnamita due anni con il botto alla Apocalypse Now

21/05/2019 - Le ambientazioni di Saigon Milano mi fanno riportare la mente a uno scenario da Apocalypse Now, il celebre film del 1979 diretto da Francis Ford Coppola. Una fotografia n...

Marco Masiero vincitore della “International Tio Pepe Challenge 2019”

21/05/2019 - Onestigroup Spa festeggia orgogliosamente Marco Masiero come vincitore italiano della TIO PEPE CHALLANGE 2019. Questa manifestazione è la barman competition più important...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

quattro × 3 =