Tag

Rosè / Rosato – vino / vini

Browsing

In Francia il 14 luglio è festa nazionale, si celebra la presa della Bastiglia che nel 1789 diede il via alla rivoluzione francese. Arrivando ai giorni nostri tra appuntamenti imperdibili in Francia come il tappone di montagna del Tour de France da Briancon all’Alpe d’Huez, ci sono vari modi anche per festeggiare idealmente da qui con i nostri amati (odiati) cugini francesi. Uno delle mode in fatto di vini che abbiamo importato da noi è sicuramente la rivoluzione dei Rosé, che in Francia da anni sono sulla breccia mentre in Italia si stanno affermando solo nell’ultimi periodo. Anche qui senza entrare in discorsi di sciovinismo e patriottismo che lasciamo ad altri, vogliamo darvi alcuni consigli per delle etichette che non vi lasceranno con l’amaro in bocca.

Il periodo delle vacanze estive tanto sognato e desiderato è finalmente arrivato, soprattutto per poterci godere nei momenti di relax, in riva al mare o a bordo piscina, un buon vino rosato, dai freschi profumi floreali e agrumati, dolci ma anche minerali. Sagna presenta, quindi, le sue proposte rosé.

Per chi in Italia non conoscesse l’azienda di vino francese Listel, dovrebbe andare a leggere la descrizione sul loro sito: “Listel est la marque de vin rosé la plus connue, mais aussi la plus consommée en France… et dans le monde“. Tradotto letteralmente lo si può leggere come “Listel è la marca più famosa di vino rosé, ma anche la più consumata in Francia … e nel mondo”

Fra i colori del vino vince il rosato che è cresciuto del 20,7% nei consumi registrando il maggior incremento rispetto ai bianchi e ai rossi DOC e DOCG che crescono, ma in maniera più morbida, con aumento rispettivamente del 3,9% e del 2,1%. E’ quanto emerge da un’analisi di Coldiretti su dati Ismea del 2017 in merito ai cambiamenti in atto nei calici degli italiani.

Tutto pronto per il terzo appuntamento con il salone internazionale dei vini rosati. Dal 3 al 5 giugno, nelle sale del Castello Carlo V, torna a Lecce Roséxpo il salone internazionale dei vini rosati, il più importante appuntamento che la Puglia sancisce con il mondo del vino rosato e al quale hanno aderito moltissime aziende per un totale parziale di più di centocinquanta etichette italiane e ben 46 straniere che arrivano da ogni angolo del mondo, dal Cile alla Turchia, dal Portogallo alla Francia.

Secondo le stime OIV, nel 2014 il consumo mondiale di vini rosati ha raggiunto 22,7 Mio hl, pari a una crescita del 20% dal 2002. La Francia e gli USA sono i principali consumatori di questi vini, rispettivamente con 8,1 e 3,2 milioni di ettolitri consumati nel 2014. Sono pochi i paesi dove il consumo di vino rosato è in calo e si tratta di nazioni storicamente consumatrici di vino e di vino rosato: Italia, Spagna e Portogallo. Il consumo di vino rosato si sta globalizzando e si fanno avanti numerosi nuovi paesi, come il Regno Unito (+250% dal 2002), la Svezia (+750%) ma anche la Cina (+120%).

Partirà alle 17 di mercoledì 2 luglio e proseguirà fino alle ore 23, presso le splendide sale e gli ariosi giardini di Palazzo Brancaccio a Roma, la terza edizione di BereRosa, l’ormai consueto appuntamento di inizio estate organizzato dalla rivista Cucina & Vini interamente dedicato ai migliori vini e spumanti rosati d’Italia. Grazie alla loro piacevolezza e versatilità il mercato dei rosati italiani è in grande ascesa. La loro diversità è tale da poter ricoprire un ampio ventaglio di gusti e abbinamenti, incontrando così il favore di un target ampio e variegato, desideroso di un approccio easy o alla ricerca di qualcosa di più impegnato. A testimonianza di ciò una crescita complessiva dei consumi che negli ultimi anni in Italia supera il 13% e la leadership incontrastata del Bel Paese nell’export, con il 43% del totale mondiale.

Un appuntamento atteso da visitare nel dopo fiera per concludere la giornata in allegria e in compagnia: è Vinitaly and the City, l’evento serale che Vinitaly organizza nel cuore della città di Verona, al Palazzo della Gran Guardia, nelle serate del 6 e 7 aprile. Un ambiente allestito con classe, ricco di proposte golose e curiose grazie ad un’ampia selezione di oltre 300 etichette di vini nazionali e ricercate produzioni tipiche di qualità, offerte in degustazione ad appassionati e intenditori.

Si è tenuto nella splendida cornice del castello Aragonese di Otranto (LE) il convegno internazionale sui vini Rosati in occasione della premiazione del Concorso enologico nazionale dei vini Rosati promosso dall’assessorato alle Risorse agro-alimentari della Regione Puglia, in partenariato con Assoenologi, Accademia Italiana della Vite e del Vino e Unioncamere Puglia, con l’autorizzazione del Ministero delle Politiche Agricole.