Erika Mantovan
| Categoria Notizie Distillati, Liquori | 2301 letture

Salvatore Vita è il Miscelatore record futurista 2018

Record Miscelazione Futurista Cocktail Mixology Miscelazione Bartender Miscelatore Polibibite Vita Competizioni Baristi Futurista Giulio Cocchi Salvatore

Salvatore Bartender Miscelazione Futurista Miscelazione Miscelatore Vita Cocktail Mixology Futurista Polibibite Competizioni Baristi Record Giulio Cocchi

© Riproduzione riservata

Proclamato, nella splendida cornice del Museo dell’Automobile di Torino, giovedì 18 ottobre, Salvatore Vita, classe 1980, autore della polibibita L’Elettrodisiaca. La competizione, organizzata dalla casa astigiana Giulio Cocchi nata 1891, conosciuta per i suoi vermouth, il Barolo Chinato e per lo spumante metodo classico Alta Langa Docg, aveva lo scopo di premiare la “migliore creatività e originalità della ricetta, nonché la tecnica di esecuzione, conoscenza e valorizzazione dei prodotti della liquoristica italiana, coerenza storica e rispetto dei dettami della miscelazione futurista, presentazione della polibibita, gusto, riproducibilità”.

 

 

Questi i criteri che hanno guidato la giuria tecnica presieduta da Fulvio Piccinino, Rossella De Stefano, direttore di Bargiornale, Nerina Di Nunzio, direttore IED Roma, Cinzia Ferro, Miscelatore Record Nazionale 2016, Elisa Favaron, Miscelatore Record Nazionale 2017, Mirko Turconi, bar Manager Piano 35 Lounge Bar e l’AD di Cocchi Roberto Bava nella scelta del Miscelatore Record Nazionale 2018.

Vince dunque Leletteodisiaca “per l’estrema cura anche sotto l’aspetto della presentazione, nel rispetto dei canoni della Miscelazione Futurista, oltre che per la grande presenza scenica del miscelatore, la sua capacità di interpretare e creare un’ambientazione coerente”.

Mentre la Giuria Popolare ha scelto Luca Menegazzo (Estremadura Café di Verbania) e la sua polibibita E adesso (b)pasta!!!! Polibibite dunque assaggiate da un numeroso pubblico torinese che ha potuto scoprire live i cocktail, proposti in gara abbinati a prelibatezze gastronomiche piemontesi.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

È stata “un’esperienza fantastica che intreccia arte e miscelazione – commenta Salvatore Vita –. Cocchi continua a mantenere alto lo spirito futurista permettendo a noi miscelatori di dare risalto alla nostra tecnica rivestendola di  valori culturali. La mia polibibita in particolare, Lelettrodisiaca, vuole essere un risveglio, una pozione liquida scaldante, afrodisiaca, rigenerante, che rende omaggio all’elettricità di alimenti e liquidi, con ingredienti che puntano a ricaricare il corpo umano con elettroliti naturali”.

In un luogo, quello del Museo Nazionale dell’Automobile di Torino, “che non poteva esser migliore”, a detta di Roberto Bava che “ha ospitato la finale per celebrare, anche quest’anno, l’arte delle polibibite. Inventata dai futuristi stessi come Marinetti, Barosi, Balla, Depero, la Miscelazione Futurista segue lo stile nazionale di allora tra autarchia, sensorialità e certamente l’importanza del movimento: velocità e dinamismo”.

La Menzione Speciale Campari è andata poi a Rino Bussolo (Password Speakeasy / Password Bartender School – Castel Frentano, Chieti) che presentava la polibibita “Lo Stuzzicatore”. A Valerio Trentani (Alchimia, Milano) che si era iscritto con Gli intelletti di Marinetti è stata conferita invece la Menzione Speciale Vecchia Romagna. Valerio Dussich, ideatore della polibibita Il Sensazionale realizzato con la S.P.O.S.A. è stato premiato con L’Ardito Miscelatore in Destrutturata Gomma (Miscelatore Gommoso), opera d’arte realizzata per l’occasione da Diego Maria Gugliermetto: una scultura in tiratura limitata di 50 esemplari autografi e numerati che rappresenta il miscelatore futurista nell’atto della sua missione: la preparazione della polibibita perfetta.

 

 

Gli altri concorrenti di questa edizione sono stati Marco Fedele (Botaniko, Roma) che ha preparato la polibibita Dai su alzati da giù; Michele Guagliardo (Il Roma, Ravenna) autore de Il bene del Futurismo; Luca Roatta (Relais Cuba Chocolat, Cuneo) con Cif-CiafMassimo Stronati (Vina Enoteca, Palo Alto, California) che ha inventato È pronto! Nonna Italia’s Bruschetta.

Salvatore Vita porta a casa, oltre al suo esemplare di Miscelatore Gommoso, le bottiglie speciali messe a disposizione da Strega e Nardini e i biglietti per volare all’Athens Bar Show (6 e 7 novembre) dove celebrerà il dettato futurista sullo sfondo del Partenone anche nel corso di una serata dedicata nel cocktail bar A for Athens.

La serata è stata presentata dalla conduttrice Chiara Buratti e accompagnata dalle improvvisazioni di Mirko Dettori. Una fiammante “ITALA 11”, auto da corsa monoposto del 1925 progettata dall’ingegnere Giulio Cesare Cappa, completava l’allestimento dell’evento.

 

 

La Miscelazione Futurista è “uno stile di miscelazione spettacolare, che esalta i prodotti della liquoristica storica nazionale, preparazioni che si trasformano in performance uniche e irriverenti, miscele bizzarre, sorprendenti e provocatorie, vere e proprie opere d’arte temporanee concepite per suscitare emozioni, riflessioni, commenti e azioni.

 

Ricetta ELETTRODISIACA:

  • 2 cl aquavite Nardini
  • 4,5 cl Barolo Chinato Cocchi
  • 2 cl caffè aromatizzato con bucce di limone
  • 2 cl di Vov
  • 2 rondelle di banana
  • 1,5 cl di liquore Strega Alberti
  • Tre spruzzi di Mistrà Pallini esterno al bicchiere

 

Versare tutti gli ingredienti in un frullatore, aggiungere ghiaccio a pezzetti e frullare per pochi secondi. Versare in una Coppa Martini di rame preraffreddata. Guarnire con una banana sul bordo del bicchiere con la punta sporcata di peperoncino.

In abbinamento: cubi di arancia salata, cioccolato fondente Venchi, mandorle tostate salate, formaggio caprino, peperoncini piccanti ripieni con capperi.

INGREDIENTI UDITIVI: Respiro umano, Tuono, a seguire suoni che ci hanno accompagnato dall’inizio del secolo scorso ai giorni nostri, in ripetizione.

INGREDIENTI VISIVI NON EDIBILI: Fili di rame, fili elettrici, scultura di ferro, rame, lampade elettriche e cellulare con visione ipnotica.

 

Guida Guidaonline Bibite e Succhi Beverfood bevande analcoliche energy sport drink thè caffè freddi succhi nettari
GuidaOnline Bibite e Succhi Beverfood.com Bevande Analcoliche bibite mixology thè e caffè freddi energy sport drinks Succhi Nettari Bevande Frutta Funzionali Horeca Concentrati

 

Non è un caso che sia stata scelta Torino per questa competizione, per le sue architetture industriali e la sua cucina che fu città d’elezione per il movimento futurista, che si conferma per il terzo anno consecutivo capitale della Miscelazione Futurista: “Il rinnovamento architettonico futurista, con il suo carico iconoclastico, prese vita a Torino – dice Fulvio Piccinino, barman ed esperto, autore del volume “La Miscelazione Futurista” -. La città immaginata dai due geniali architetti futuristi Antonio Sant’Elia e Mario Chiattone ebbe la sua applicazione con la Fiat Lingotto, la nuova via Roma e la Torre Littoria che fu teatro anche dei primi voli, del primo circolo aereonautico che vedeva fra i fondatori Cinzio Barosi, fervente futurista autore della polibibita Avanvera. Ma la rivoluzione futurista a Torino si realizzò sotto altre sembianze, quelle della Cucina, estesa anche al mondo del bere, considerata da Marinetti come l’Ottava Arte”.

 

I PARTNER – Al progetto futurista hanno preso parte quest’anno insieme a Cocchi anche Campari, Fabbri, Luxardo, Nardini, Pallini, Strega, Tassoni e Vecchia Romagna.

 

Info: www.miscelazionefuturista.com

Scheda e news: GIULIO COCCHI


© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Sant'Anna Beauty il nuovo amico della perlle - C + Collagene idrolizzato forte

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Record Competizioni Baristi Giulio Cocchi Mixology Miscelatore Salvatore Polibibite Cocktail Bartender Vita Futurista Miscelazione Miscelazione Futurista

ARTICOLI COLLEGATI:

Taste of Italy: il tricolore sventola a Singapore durante il Cocktail Festivals

12/05/2018 - In principio era solo Singapore Sling, grazie al cocktail creato nel 1915 dal barman Ngiam Tong Boon del celebre Bar dell’Hotel Raffles. Oggi Singapore è conosciuta non p...

Intitolati alle stazioni d’Italia i cocktail del “ritorno” di Londra

10/07/2017 - In collaborazione con Giulio Cocchi nell'Italian bar di Chelsea tra essenze e sapori nazionali. Cocchi Americano, Moscato d’Asti, cordial al lime, top di Elderflower pres...

Premio Tavoletta d’Oro 2019: menzione speciale a Luca Picchi per “Negroni Atzeco”

12/03/2019 - E’ andata a Luca Picchi, barman fiorentino in forze al Caffè Gilli, la Menzione Speciale della Compagnia del Cioccolato e della casa astigiana Giulio Cocchi per il suo co...

Cocchi al Vinitaly con la seconda edizione del Vermouth di Torino “Riseva La Venaria Reale”

04/04/2018 - Arriva la seconda edizione della Riserva La Venaria Reale, il Vermouth  lanciato due anni fa in occasione del 125° anniversario di fondazione della casa astigiana Giulio ...

C’è Asti nella speciale drink list “Cocchi per Baglioni” al Baglioni Hotel di Londra

21/03/2019 - C'è un cocktail dedicato alla nostra "Piazza Alfieri" nel nuovo menu del noto Baglioni Hotel di Londra, con vista sui giardini di Kensington Palace in Hyde Park: è uno sp...

La nouvelle vague del vermouth

06/07/2017 - Dall'aperitivo al cocktail, storia, curiosità e alcune proposte di cocktail per conoscere meglio, grazie a Partesa, questo spirit che sta vivendo una seconda giovinezza. ...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

4 × 2 =