Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Dal 7° posto nella 50 Top Pizza alla conferma dei “Tre Spicchi” di Gambero Rosso: la pizzeria romana “Seu Pizza Illuminati” continua la sua ascesa nazionale (e non solo), a suon di premi e meriti di alto, altissimo livello.

Dopo il prestigioso 7° posto conseguito lo scorso 29 settembre nella 50 top pizza, la guida online dedicata alla pizza ideata da Luciano Pignataro, Barbara Guerra e Albert Sapere (miglior pizzeria del Lazio con una scalata di una posizione rispetto al 2019 e di ventidue rispetto al 2018), in questi giorni “Seu Pizza Illuminati” ha confermato anche il massimo riconoscimento di Gambero Rosso. Senza porsi limiti o sedersi sugli allori, con la testa già al prossimo traguardo da raggiungere o, meglio, alla prossima pizza da infornare.

Perché dietro a ogni singola pizza di “Seu Pizza Illuminati” c’è una vera e propria illuminazione, un’idea innovativa, una lampadina che si accende nella mente per poi essere tramutata in pizza dalle sapienti mani di Pier Daniele Seu in compagnia di Valeria Zuppardo. Non è un caso, d’altronde, che l’ormai celebre pizzeria romana nata nel 2017 abbia ottenuto anche il premio “Pizza Dolce dell’anno D’Amico Awards” per la sua curiosa “Pizza Colada”.

E pensare che Pier Daniele Seu non è figlio d’arte, si è lanciato nel mondo della pizza da solo ma da subito ha comunque cercato di proporre una tonda con un’identità chiara, che rispecchiasse la sua idea e i suoi concetti. La sua pizza prende spunto infatti dai piatti dei grandi chef, giocando su sapori, colori e consistenze, con un cornicione dalla forte personalità, un aspetto esteticamente bello, una tavolozza dove viene creato un piatto contemporaneo e dalle mille sfaccettature. Dal salato, appunto, fino al dolce. “Quello che ci caratterizza è la forte identità di ogni singola proposta della nostra pizzeria – ci ha svelato lui stesso – e, seguendo proprio questa idea, abbiamo dato vita alla nostra linea di pizze dolci, giocando sul filone dei ricordi dell’infanzia. La prima è stata la ‘Fior di Fragola’, con cui abbiamo subito vinto il premio Gambero Rosso come miglior Pizza Dolce dell’anno nel 2019. Poi ce ne sono state tante altre… Le modifichiamo sempre nei nostri cambi di menù stagionali, inserendone due in ognuno di essi”.

La Pizza Dolce di Seu Pizza Illuminati non è una classica pizza dolce – aggiunge Valeria Zuppardo“dietro c’è un grande studio e il pensiero di Pier Daniele che va oltre all’ingrediente in purezza. C’è la frutta che viene declinata grazie a varie tecniche di cucina… Osmosi, sottovuoto, l’utilizzo delle erbe aromatiche e di diversi tipologie di pepe. Tutto questo come topping di una pizza che viene caramellata in forno“,  conclude la sua socia in affari e anche nella vita. Chi, meglio di lei, per raccontarlo?

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

tredici − 7 =