Tag

simei

Browsing

Torna in presenza il Simei, la storica kermesse milanese dedicata non solo alla filiera vitivinicola ma all’intero segmento del beverage. Dal 15 al 18 novembre, quattro giorni per operatori professionali di tutto il mondo, all’insegna dell’innovazione tecnologica e dei processi green; un evento che si annuncia dal calendario fittissimo e che battezza la fresca partnership di Unione Italiana Vini con AssoBirra.

Ernesto Abbona

, presidente di Unione Italiana Vini ha presentato oggi la 28esima edizione di SIMEI, il salone leader a livello internazionale nel comparto delle tecnologie per l’enologia e l’imbottigliamento, che si terrà dal 19 al 22 Novembre 2019 a Fiera Milano – Rho. Il presidente Ernesto Abbona: “Favoriamo il dialogo di filiera mirato all’innovazione di prodotto e di processo

Molteplici opzioni per produttori classici e giovani startup. Come principale salone internazionale per l’industria delle bevande e degli alimenti liquidi, drinktec ha sempre proposto tecnologie per i produttori di vino, spumante e spiriti. Grazie alla collaborazione con SIMEI la manifestazione si rivolge ora in modo ancor più mirato alle case vinicole e ai produttori di alcolici. Per la prima volta drinktec ospita la rassegna internazionale per l’enologia e l’imbottigliamento sotto il marchio SIMEI@drinktec.

Dall’11 al 15 settembre a Monaco di Baviera, drinktec, il Salone Internazionale di Tecnologie per l’Industria delle Bevande e degli Alimenti Liquidi, ospita per la prima volta SIMEI, il Salone Internazionale di Macchine per Enologia e Imbottigliamento. Nell’area battezzata “SIMEI @drinktec” nei padiglioni C2 e C3, i principali produttori del settore presentano su una superficie espositiva di 20.000 metri quadrati una rassegna completa di macchine e attrezzature per la produzione, la lavorazione, l’imbottigliamento e l’imballaggio del vino. Il salone internazionale drinktec, che si rivolge a tutti i comparti dell’industria delle bevande, sarà così “the place to be” anche per il mondo del vino.

Un autunno denso di impegni per Valoritalia, realtà leader in Italia nelle attività di controllo e certificazione dei vini di qualità. Un’organizzazione che, in sei anni di vita, è giunta a coprire oltre il 70% del quantitativo nazionale dei vini DOCG, DOC e IGT, con oltre 1 miliardo e 600 milioni di bottiglie controllate nel 2014. Due gli appuntamenti in programma nei primi giorni del mese di novembre, entrambi incentrati sulla certificazione nel settore biologico, attività che Valoritalia segue dal 2012, occupandosi non solo del settore vitivinicolo ma dell’intero comparto agroalimentare bio.

Unione Italiana Vini ha predisposto per la prossima edizione di SIMEI (Milano, 3-6 novembre 2015) un calendario di appuntamenti particolarmente ricco. Oltre ai due Convegni Internazionali dedicati al tema della sostenibilità e dell’analisi sensoriale che si terranno il primo e secondo giorno è infatti previsto un programma di supporto che tramite conferenze, workshop, laboratori affronterà diversi temi fondamentali.

Non di solo vino si parlerà alla prossima edizione di SIMEI perché la manifestazione, dal 3 al 6 novembre in Fiera Milano, sarà anche un’imperdibile occasione d’aggiornamento sul settore dell’olio con tecnologie, approfondimenti, presentazioni, studi e momenti più leggeri che affronteranno tutti gli aspetti di questo interessante comparto.

A un anno dall’inizio della 26° edizione di SIMEI, che si terrà a Milano dal 17 al 20 novembre 2015, Unione Italiana Vini che ne è l’organizzatore raccoglie già importanti risultati in termini di contenuti e di adesioni.

Soddisfazione per il più importante appuntamento biennale dedicato alle macchine per l’Enologia e l’Imbottigliamento, in esposizione le eccellenze delle tecnologie del mondo vitivinicolo. Cinque giorni intensi di formazione e informazione caratterizzati da numerosi incontri di aggiornamento per gli operatori del comparto enologico internazionale che hanno riscosso un grande successo di pubblico. Solo il Convegno Internazionale, evento clou della manifestazione, ha visto oltre 3.500 preregistrati. Significativa e in crescita la presenza degli operatori e buyer stranieri venuti da tutti i continenti: il 70% dall’Europa, l’11% dall’America, il 14% dall’Asia, il 3% dall’Africa, il 2% dall’Oceania per un totale di visitatori esteri pari al 30% del totale ingressi. Dati che confermano la leadership internazionale della manifestazione, punto di riferimento mondiale nel panorama delle fiere dedicate alla filiera del vino, olio e beverage.