Federico Bellanca
| Categoria Notizie Vino | 2127 letture

Vallepicciola e l’omaggio al primo Re del Chianti, tra terroir unici e esperimenti riusciti

Omaggio Chianti Classico Riusciti Unici Terroir Esperimenti Vallepicciola Chianti Pinot Nero

Chianti Classico Pinot Nero Esperimenti Unici Vallepicciola Omaggio Riusciti Terroir Chianti

© Riproduzione riservata

“C’era una volta un Re…”. L’inizio delle favole ha spesso quest’incipit, parole che scaldano il cuore e che fanno subito tornare un po’ bambini nello spirito. Il Re protagonista della nostra storia si chiamava Berardo, figlio di Wiginisio, ed era membro della famiglia Berardenga. Verso il settimo secolo, questo giovane Lord fu mandato dalla natia Francia a presiedere i possedimenti del padre nelle recentemente acquisite terre di Toscana, regione della quale senza dubbio si innamorò e dove visse buona parte della sua vita, dando seguito ad una discendenza nobiliare che per secoli è rimasta a presidiare su queste dolci colline. Non è un caso che a tutt’oggi alcune località del Senese riportano il nome della Berardenga nel proprio toponimo: Castelnuovo Berardenga, Montalto Berardenga, Monte Luco della Berardenga…

 

 

Il bello delle storie è che sono vive, si mischiano e si contaminano, restano pulsanti fino al giorno che non scegliamo di incastonarle nelle pagine dei libri e di lasciarle diventare storia (al singolare) ed esempio morale, a discapito del mondo intorno che cambia.

Può dunque capitare che in quelle stesse terre dove un tempo cavalcava Berardo, e che fanno parte oggi di un regno altrettanto nobile e rinomato chiamato Chianti Classico, la storia vitivinicola abbia stabilito che si usi un determinato vitigno, ma che al tempo stesso  ci sia oggi una cantina che in barba alla rigidità del disciplinare decida di sperimentare e di piantare vitigni nuovi, provenienti anche loro dall’Oltralpe per raccontare nuove storie di vino.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Si tratta di Vallepicciola, azienda nata nel 1996 dalla passione di Bruno Bolfo, il quale, a completamento dell’attività alberghiera, decise di estendere i 3 ettari di vigne iniziali fino agli attuali 110, tutti nel Comune di Castelnuovo Berardenga appunto.

I 65 ettari attualmente in produzione (altri 40 lo saranno nei prossimi 3 anni) sono ovviamente per la maggior parte dedicati a Sua Maestà Sangiovese, vero protagonista di queste terre da tempo immemore con il nome di Chianti Classico. Ma a fianco di questo storico vitigno, è stata fatta la scelta coraggiosa e sorprendente (visto che la redditività del non cambiare è assicurata da queste parti) di piantare vitigni internazionali quali Pinot Nero, Merlot, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Petit Verdot e Chardonnay.

 

Non si tratta di un atto di lesa maestà, ma di un omaggio ad uno dei terroir più straordinari presenti in Europa e nel mondo, che permette di spaziare in pochi ettari tra varietà molto differenti tra loro, per ottenere vini sorprendentemente piacevoli ed equilibrati.

 

Databank grossisti Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web Cash & Carry Ingrosso Bevande Gruppi

 

Proprio la variabilità dei terreni rappresenta infatti una peculiarità di Vallepicciola, che grazie ad un armonioso alternarsi di suoli, tra amalgami di argille, marne calcaree, marne bluastre, tufo, arenarie e sabbie, ha permesso alla diversa natura delle vigne di esprimersi al meglio.

 

 

In pochi anni Vallepicciola ha portato una ventata di novità nel panorama vinicolo del Senese, grazie soprattutto ad alcune scommesse particolarmente riuscite, come quella del Pinot Nero. La volontà di sperimentare la si coglie anche dalle molteplici etichette realizzate con questo uvaggio, declinato in rosso, rosato e (prossimamente) spumantificato con un affinamento di minimo quattro anni sui lieviti. Un successo testimoniato anche dai numeri, visto che le ventimila bottiglie di Pinot prodotte la scorsa annata sono a stento a soddisfare la domanda crescente.

 

Catering Ristorazione Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

 

Il matrimonio felice tra la storia vitivinicola Toscana e la nuova tradizione figlia di Bolgheri la si celebra pure nel SuperTuscan creato da Vallepicciola, con un 60% di Cabernet Sauvignon,  20% di Cabernet Franc e 20% di Sangiovese.

 

 

Ma i vini non si fanno solo in vigna, anche la cantina ha la sua parte di merito in questo progetto. Tutto il mondo Vallepicciola cresce infatti all’interno delle mura dello splendido esempio di architettura organica (ispirato dalla lezione di Frank Lloyd Wright) realizzato grazie alla visione della proprietà e all’estro dell’Arch. Margherita Gozzi, responsabile sia del progetto che autrice del logo aziendale.

 

 

Su tutte le etichette troneggia infatti il volto simpatico e semiserio di un Re Giullare, emblema contemporaneo che si ispira proprio alla storia di Berardo. Una storia d’amore per questa terra, che continua a vivere in tante storie diverse rinchiuse dentro delle bottiglie.

 

+info: www.vallepicciola.eu

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Limoncello Pallini - premiato dai consumatori al Quality Award 2019 - inimitabile qualità italiana da 140 anni

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Omaggio Riusciti Unici Chianti Vallepicciola Esperimenti Pinot Nero Terroir Chianti Classico


ARTICOLI COLLEGATI:

Consorzio Chianti, vendemmia 2019 promette di essere una grande annata

Consorzio Chianti, vendemmia 2019 promette di essere una grande annata

10/08/2019 - Il 2019 promette di essere una grande annata per i vini della denominazione Vino Chianti Docg: il clima favorevole, soprattutto nella parte finale della stagione, e gli i...

Alla scoperta del Mondo Frescobaldi

Alla scoperta del Mondo Frescobaldi

24/07/2019 - A volte succede che la vita ti sorprenda, e sconvolga tutte le tue convinzioni. Ci sono delle classificazioni fatte a freddo, frettolosamente. E superficialmente, diciamo...

Masseto primavera d’oro: dopo la nuova cantina arriva il secondo 100/100 consecutivo da Parker

Masseto primavera d’oro: dopo la nuova cantina arriva il secondo 100/100 consecutivo da Parker

27/04/2019 - E’ una primavera d'oro che non dimenticheranno facilmente dalle parti di Bolgheri, precisamente in collina Masseto. Un nome che è diventato sinonimo di un grandissimo vin...

Bibi Graetz: il racconto di un sogno a Vinitaly con Testamatta e Colore

Bibi Graetz: il racconto di un sogno a Vinitaly con Testamatta e Colore

17/04/2019 - Chi è stato almeno una sera a Verona durante il Vinitaly, sa benissimo che le bottiglie di Testamatta fanno divertire con super brindisi in Piazza delle Erbe con grandi f...

Consorzio Montecucco: una presenza importante della Toscana del vino a Vinitaly

Consorzio Montecucco: una presenza importante della Toscana del vino a Vinitaly

15/04/2019 - Il Consorzio Montecucco si conferma a una presenza importante nel panorama del vino toscano. A Vinitaly alle telecamere di Beverfood.com il vice-presidente del Consorzio ...

Quaquarini e le potenzialità del Pinot Nero a Vinitaly in Oltrepò Pavese

Quaquarini e le potenzialità del Pinot Nero a Vinitaly in Oltrepò Pavese

15/04/2019 - Uno dei vitigni più importanti a livello mondiale il Pinot Nero, che ha trovato un habitat ideale in Oltrepò Pavese, dove si coltivano circa 4.000 ettari vitati. Uvaggio ...

Maestro di Cava: a Vinitaly in anteprima il progetto di Dievole della cantina in una cava dismessa

Maestro di Cava: a Vinitaly in anteprima il progetto di Dievole della cantina in una cava dismessa

12/04/2019 - Grande attenzione alla gamma dei vini toscani di qualità a Vinitaly allo stand Dievole. Giulia Preziosi, Marketing Manager Dievole, ci porta alla scoperta del gruppo Alej...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

diciannove − sedici =