Pinterest LinkedIn

“Siamo felici del riconoscimento regionale di buona pratica del nostro progetto, in questo momento di incertezza generale, diffondere il valore di un’eredità sedimentata nel tempo dà speranza e rappresenta per noi un riferimento tangibile che aiuta a connettere il passato con il presente e il futuro“. Questo il commento di Renzo Bighignoli, presidente di Cantina Valpolicella Negrar, riguardo a Valpolicella VR 360, il progetto di tour virtuale alla scoperta della terra dell’Amarone.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web


 

In un territorio dove si sono instaurate da sempre  legami e relazioni solide, contribuendo a determinarne lo sviluppo economico, si inserisce questo progetto realizzato  da Cantina Valpolicella Negrar grazie ai fondi regionali. Un prototipo di museo virtuale che valorizza il patrimonio agroalimentare veneto e nel contempo abbatte le distanze unendo narrazione e visione, un progetto più innovativo tra quelli presentati all’interno del progetto “Food and Wine made in Veneto – Programma Operativo Regionale 2014-2020 e di Botteghe e Atelier Aziendali la tradizione si rinnova per guardare al futuro.

Non solo vino, Valpolicella VR 360 unisce l’arte fotografica dell’artista veronese Marco Ambrosi, all’esperienza di coinvolgimento delle nuove tecnologie messe a punto da Ximu.la. Grazie a un’applicazione apposita, si può accedere a una mappa interattiva e selezionare diversi itinerari, scegliendo tra i differenti paesaggi dei comuni storici della Valpolicella Classica – Negrar, Marano, Fumane, Sant’Ambrogio e San Pietro In Cariano -, la vendemmia, la visita in cantina. Valpolicella VR 360 è stato studiato per poter facilmente identificare la zona storica di produzione dell’Amarone con i suoi confini geografici e soprattutto con i suoi saperi e le sue pratiche tradizionali.

 “La Valpolicella, infatti, non è solo una Doc riconoscibile nel mondo del vino, ma un luogo ben preciso con la sua storia e la sua identità culturale“- spiega Daniele Accordini, dg ed enologo della cantina. Rivolto a turisti ed enoappassionati italiani e stranieri, Valpolicella VR 360 sarà di sicuro interesse anche per i veronesi e gli stessi valpolicellesi, per ammirare il proprio territorio nella sua interezza toccandolo con man”. Covid-19 permettendo, 6 visori 3D saranno sperimentabili nelle enoteche Domìni Veneti che la cantina ha a Negrar, Cavaion Veronese e a Sirmione.

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

due × 2 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina