Redazione Beverfood.com
| Categoria Notizie Vino | 1589 letture

L’addio a Beppe “Citrico” Rinaldi: la Langa non sarà più la stessa

Citrico Stessa Langa Barolo Rinaldi Beppe Langhe Beppe Rinaldi

Langhe Stessa Beppe Citrico Beppe Rinaldi Langa Barolo Rinaldi

Ha destato molto cordoglio la notizia della scomparsa di Beppe Rinaldi detto “Citrico”, uno degli interpreti più autentici della Langa che se n’è andato a settant’anni. La notizia della morte dalla tarda sera di domenica 2 settembre ha fatto presto il giro del web, per uno che di computer e di modernità non era certo un fan. Un protagonista indiscusso del mondo del vino langarolo, portabandiera della filosofia del fare vino in maniera tradizionale.

Conosciuto con il soprannome di “Citrico”, per i suoi giudizi taglienti e per l’abitudine a essere sempre sincero e mai accomodante, uno stile ereditato dal padre Battista Rinaldi, già sindaco di Barolo negli anni in cui riuscì a far diventare di proprietà comunale il castello Falletti. Un personaggio che lascia un grande vuoto nel mondo del vino, lui che si definiva anarchico e difensore di un modo di interpretare il Barolo fedele alla tradizione della botte grande, in grado di produrre vini mitici ma al tempo stesso bottiglie non sempre immediatissime, vini ostinati e contrari.

Non abbiamo la pretesa di tratteggiare un profilo del Rinaldi pensiero, da attenti osservatori possiamo constatare come negli ultimi tempi aveva preso a cuore la causa delle sue amatissime Langhe, contro un modello vino-territorio in grado si di produrre vini conosciuti in tutto il mondo, ma che stavano secondo Rinaldi portando le logiche di profitto e speculazione ad avere la meglio sul rispetto del territorio, con al centro della questione anche il paesaggio ormai troppo vitato, il turismo eno-gastronomico e il concetto di Cru. In tutto questo in uno scenario in cui le vigne ormai quotano 2 milioni di euro a ettaro, un giovane non sarà forse più in grado oggi di poter acquistare della terra partendo da zero. Il testimone e l’eredità di Beppe Rinaldi passano nelle mani della moglie Annalisa e delle figlie Marta e Carlotta, di fatto da alcuni anni in cantina, per continuare a regalare dei grandi vini che faranno continuare a vivere lo spirito di Citrico.

+ COMMENTI (0)

Santi passione Valpolicella

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Langhe Stessa Langa Citrico Rinaldi Barolo Beppe Rinaldi Beppe

Tags/Argomenti: , , ,

ARTICOLI COLLEGATI:

Poderi Luigi Einaudi: packaging all’insegna dell’eleganza per Barolo, Cannubi, Terlo e Bussia

Poderi Luigi Einaudi: packaging all’insegna dell’eleganza per Barolo, Cannubi, Terlo e Bussia

28/05/2019 - Anche l’occhio vuole la sua parte! E’ per soddisfare questa esigenza da esteti che la storica tenuta di Dogliani fondata dal primo Presidente della Repubblica democratica...

Parliamo di vini piemontesi con Giancarlo Montaldo, storico giornalista di Langa

Parliamo di vini piemontesi con Giancarlo Montaldo, storico giornalista di Langa

13/05/2019 - Giancarlo Montaldo in quanto ad esperienza e conoscenza del territorio tutto del Piemonte non ha certo bisogno di presentazioni. Lo storico giornalista di Langa, ex presi...

La nuova strategia di promozione per Barolo e Barbaresco

La nuova strategia di promozione per Barolo e Barbaresco

24/04/2019 - La nuova strategia di promozione del Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, dopo la decisione di rendere annuale "Grandi Langhe", l’evento di degus...

L’Astemia Pentita a Vinitaly, stand e packaging innovativi per vini tradizionali

L’Astemia Pentita a Vinitaly, stand e packaging innovativi per vini tradizionali

15/04/2019 - L’Astemia Pentita è un progetto di un’azienda moderna e innovativa in Piemonte nel cuore della Langa e anche la sua presenza al Vinitaly si notava con uno stand molto par...

Vinitaly, terroir a confronto: Borgogna vs Piemonte

Vinitaly, terroir a confronto: Borgogna vs Piemonte

15/04/2019 - Vinitaly, il Salone internazionale di Vini veronese giunto quest’anno alla sua 53° edizione come ogni anno è la cornice di numerosi eventi e degustazioni tematiche arricc...

Bava al Vinitaly 2019 presenta la nuova Barbera Viva

Bava al Vinitaly 2019 presenta la nuova Barbera Viva

05/04/2019 - Stessa posizione (Padiglione 10 Piemonte Stand Q3) ma uno stand totalmente rinnovato, in cui sono protagonisti materiali di riuso in linea con una filosofia aziendale “gr...

Grandi Langhe 2019: annate, uomini e novità

Grandi Langhe 2019: annate, uomini e novità

04/02/2019 - La chiamano la provincia Granda, e non è un caso che l’evento clou del vino in zona si chiami Grandi Langhe. La prima reunion albese dell’anno, con la scelta di anticipar...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

uno × 5 =