0
Pinterest LinkedIn

L’aumento delle accise “si beve” il territorio e le aziende che producono bevande alcoliche. E’ l’allarme degli imprenditori del settore, già colpiti duramente da tre incrementi della fiscalità sull’alcol a partire dall’ottobre 2013. Il comparto, già in sofferenza per la crisi dei consumi, ora vede in pericolo anche le sue produzioni d’eccellenza, come la Grappa, gli Amari, il Limoncello, gli aperitivi e altri prodotti simbolo del Made in Italy. Ecco perché, contro il quarto aumento della accisa dal prossimo 1° gennaio 2015, AssoDistil, l’associazione nazionale dei distillatori, e Federvini – Federazione italiana industriali produttori, esportatori e importatori di vini, acqueviti, liquori, sciroppi, aceto ed affini – hanno deciso di mobilitarsi, organizzando una serie di incontri sul territorio. Obiettivo: raccontare la crisi vista dalla base, ovvero dagli imprenditori che, tutti i giorni, lottano per garantirsi la sopravvivenza.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Il primo incontro è previsto per lunedì 17 novembre, presso la Distilleria Da Ponte, a Corbanese di Tarzo, nei pressi di Treviso. Gli imprenditori anti-accise si incontreranno poi venerdì 21 alla Distilleria Vieux Moulin, a Motta di Costigliole d’Asti, per poi chiudere l’iniziativa lunedì 24 novembre, presso le Distillerie Franciacorta, a Borgonato di Corte Franca (Brescia). A tutti gli incontri oltre ai dirigenti di AssoDistil e Federvini, sono stati invitati anche rappresentanti delle amministrazioni locali e parlamentari del territorio. “Secondo i dati dell’Osservatorio congiunturale Format – afferma Antonio Emaldi, presidente di AssoDistil – relativi al terzo trimestre dell’anno, le aziende attribuiscono il calo del fatturato, nell’80% dei casi, alla crescita delle accise. Il clima di sfiducia è generalizzato, anche perché l’aumento sarà scaricato soprattutto sui prezzi, gli investimenti e l’occasione”.

 La situazione del comparto è tutt’altro che rosea. Spiega infatti Emaldi che “secondo i dati Format, la metà delle imprese del settore denuncia un pesante deterioramento della liquidità aziendale. In questi giorni, in Parlamento si sta scrivendo la Legge di Stabilità: lanciamo un appello perché questo balzello, l’ennesimo, sulle aziende del settore sia scongiurato”. “Con gli incrementi di accisa sugli spiriti che raggiungeranno quota +30% a gennaio 2015 – osserva Sandro Boscaini, presidente di Federvini – l’impatto di questa manovra sul fronte occupazionale comporterebbe il taglio di oltre 6.700 posti di lavoro, indebolendo gravemente un settore produttivo che esprime alcune eccellenze regionali molto famose nel mondo: dalla Grappa al Limoncello, dagli Amari alla Sambuca, dal Nocino di Modena al Mirto di Sardegna”. Lo scenario, disegnato da una ricerca di Trade Lab per conto della Federazione, sottolinea l’impatto negativo che la serie di aumenti della accise ha prodotto sulle zone vocate per tradizione ai distillati e liquori. “Veri distretti di qualità – precisa Boscaini – Pensiamo al Piemonte, alla Lombardia, al Veneto e al Friuli Venezia Giulia”. Le singole iniziative saranno anche l’occasione per partecipare alla petizione online di Federvini, www.stopalleaccise.it, che vuole sensibilizzare i consumatori al problema dell’eccesso di fiscalità sull’alcol.

 UFFICIO STAMPA ASSODISTIL Silvia Cerioli – silviacerioli@libero.it

 UFFICIO STAMPA FEDERVINI elena.zaco@mslgroup.comcarla.trigilia@mslgroup.com

caffepagato.com - Il tuo bar a portata di App - Ancora non sei affiliato?

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

uno × 1 =