Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Barba arancione posticcia, tuba verde gigantesca e via a sbevazzare per le strade, ovunque voi siate. Poco importa se il giorno di San Patrizio, 17 marzo, ha radici religiose, e festeggia l’arrivo del cristianesimo in Irlanda (quinto secolo d.C.), della quale il buon Patrick è patrono. La baldoria è ormai usanza nei più disparati luoghi del mondo, e noi siamo qui per proporvi qualcosa di diverso da bere rispetto alla solito birrona scura, domani. Che comunque non è male, sia chiaro. Dunque, sparatevi Hevia nelle cuffie e fatevi un po’ di cultura.

 

SPICY MINT AVOCADO MARGARITA – Se proprio non avete voglia di vestirvi di verde, abbiamo la soluzione: quattro ingredienti monocolore con cui potreste crearvi una bella botte da portare a tracolla. Menta, jalapenos, succo di lime e avocado, così avete anche la scusa di un ingrediente salutare; da mixare con la struttura classica del Margarita, fatta di tequila, succo d’arancia, zucchero e un pizzico di sale. Però una cravattina verde mettetela comunque, è tradizione.

Spicy Mint Avocado Margarita (foto Tim Nusog)

 

GOOD CORK – Addirittura vi serviamo sul piatto, anzi nel bicchiere, la possibilità di fare gli splendidi con i vostri amici, purché siano dotati di palato e fegato allenati. Whiskey irlandese mescolato con mezcal, che già così sarebbe abbastanza, da esaltare con qualche goccia di bitter e uno splash del segretissimo Benedictine.

 

Good Cork

 

IRISH COFFEE – Col cavolo che potrete definirvi dei veri devoti di San Patrizio, se non vi scolerete almeno un paio di bicchieri di questo classico senza tempo. Whiskey, zucchero di canna e caffè, per i più golosi (o più affetti dalla sindrome di Peter Pan) anche un bel cappello di panna montata. Va bene per un brunch, o per un dopo cena. O a pranzo. O all’ora del té, a colazione, come aperitivo.

 

Irish Coffee

 

GREEN GIMLET – Mamme, lo sappiamo, le verdure sono importanti. Quindi chiudiamo un occhio sul fatto che siano miscelate con gin e vodka: un freschissimo e verdissimo twist su una delle tipologie di cocktail più note del mondo. Ai distillati si aggiungono succo di limone, succo di lime, cetriolo e basilico. Perché anche a San Patrizio teniamo alla dieta.

 

Cucumber&Basil Gimlet

 

FRISKY WHISKEY – Lo sentite il vecchio Marvin Gaye, per l’occasione munito di cappellone verde, che vi risuona in sottofondo con i suoi acuti e le sue vocine? Anche St. Patrick’s può essere un buon giorno per un po’ di sano flirt, e questo drink caldo e avvolgente è perfetto per rompere il ghiaccio (o le scatole, a seconda dell’esito dell’approccio): whiskey, liquore al miele, sciroppo di zucchero, succo d’arancia e bitter mix. Shakerare, versare e provarci. Alla peggio, avrete le altre sette proposte della lista per aiutarvi a dimenticare.

 

Frisky Whiskey

 

AN BODHRAN – Letteralmente vuol dire “il tamburo”. Due sorsi di questa roba è vi siete assicurati di ballare a ritmo per una serata intera, senza però per forza sorvolare sulla qualità: whiskey, porto, zucchero d’acero e un bell’uovo, da mescolare con ghiaccio e versare in coppa. Tocco nostalgico: tre gocce di bitter alla menta da far cadere sulla schiuma, per ricreare un trifoglio e iniziare a bere come veri irlandesi. O presunti tali, ma è il pensiero che conta.

 

An Bodhran

 

GREEN BEAST – Venghino, gli amici venghino. Una ciotolona di questo punch verde dal nome non proprio docilissimo, da condividere con gli ospiti per l’inizio della serata ed entrare nel mood perfetto. A sorpresa è protagonista l’assenzio, propriamente allungato con acqua, succo di lime e sciroppo di zucchero per ammorbidirne il tipico impatto. Poi se vi piace assoluto e senza acqua sono fatti vostri, noi la coscienza ce l’abbiamo pulita.

 

Green Beast

 

SHOE MAKER – Certo, sarete come quelli che al matrimonio vengono con le scarpe sportive e un tantino poi si sentono osservati. Di verde non c’è nulla, ma il whiskey irlandese è padrone e tanto basta per poter consumare questo cocktail fruttato a San Patrizio: si aggiungano sherry, sciroppo di zucchero, orange bitter, arancia e lamponi, con garnish di menta fresca. Vi guarderanno in molti, ma considerando il grado alcolico della festa, si dimenticheranno di voi piuttosto in fretta.

 

Shoe Maker

 

Fonte: liquor.com

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Io sono Coralba BLUE. Sono armoniosa ed equilibrata, un’emozione al primo sorso!

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina