Marco Bormolini
| Categoria Notizie Vino | 2059 letture

Enoturismo: cronaca di una wine-experience alla cantina I Pastini in Puglia

Experience Gianni Carparelli Vini Puglia Cronaca Wine Puglia Wine Experience Cantina Pastini Verdeca Enoturismo I Pastini

Puglia Wine Experience Experience Verdeca Wine Cronaca Vini Puglia Enoturismo I Pastini Gianni Carparelli Cantina Pastini

a cura di Marco Bormolini

© Riproduzione riservata

Un fenomeno in crescita continua quello dell’enoturismo nel settore del vino italiano. Molte cantine si sta attrezzando per ospitare i visitatori e far provare loro un’esperienza con tanto di visite e degustazioni. Le regioni a forte flusso turistico sono quelle che vedono aumentare costantemente le presenze nel periodo estivo. E’ il caso de I Pastini, azienda vinicola specializzata nella produzione di vini bianchi di qualità e vitigni rossi autoctoni pugliesi nel cuore della Valle d’Itria, tra Locorotondo e Martina Franca. “Quest’anno stiamo facendo dei numeri importanti di visite, spesso due turni  nel pomeriggio, tanto che contiamo di arrivare alla fine dell’anno a una previsione di 9.000 visite in cantina”- racconta Gianni Carparelli, enologo e titolare dell’azienda.

Un pomeriggio estivo di luglio ci siamo uniti anche noi a un gruppo di turisti stranieri che stavano effettuando la visita della cantina, insieme a visitatori provenienti da Norvegia, Svezia, Belgio e Usa.Buona parte delle visite è fatta con gli stranieri, il periodo più intenso è quello tra settembre e ottobre dove le presenze aumentano e noi siamo impegnati con la vendemmia, uno spettacolo che non si vogliono perdere i visitatori che grazie al passa-parola mandano loro amici e parenti perché raccontano la loro esperienza tornati a casa”.

Parte dalla vigna il nostro tour, Gianni Carparelli spiega con un inglese fluente e con utilizzo di termini tecnici le caratteristiche del suolo ricco di minerali della Valle d’Itria, oltre a dare una spiegazione del territorio a 300 sul livello del mare che grazie al vento consente di non mandare le piante in stress idrico. Nei filari si vedono delle rose, sistema naturale di difesa per l’attacco alle piante, un metodo francese importato da Bordeaux. Il racconto dei tre vitigni bianchi autoctoni pugliesi, Verdeca, Minutolo e Bianco d’Alessano, poi è il turno del Susumaniello che è stato reimpiantato proprio fuori dalla cantina e andrà in produzione tra tre anni. Gianni racconta della vendemmia, un lavoro dove le donne grazie alla loro cura e meticolosità lavorano meglio rispetto agli uomini, una ventina di giorni dove viene svolto tutto a mano per consentire una selezione e scernita dei migliori grappoli. Si attraversa la ferrovia, viene fatta visitare la masseria che una volta veniva utilizzata per il ricovero di animali e attrezzi, oggi è ben conservata e ospita eventi della cantina con la possibilità di rendere l’esperienza davvero autentica. Si torna verso la cantina, un gioiellino con una pulizia quasi maniacale che poi ritroveremo nei vini, che affinano in fusti di acciaio mentre la zona delle botti in legno verrà inaugurata tra un po’ di tempo insieme anche al progetto del wine-bar di fatto già pronto.

La degustazione parte con una Verdeca spumantizzata con metodo charmat, da qualche tempo hanno iniziato anche la spumantizzazione con metodo classico con risultati molto interessanti. Il secondo vino e l’Antico, un blend dei tre vitigni locali, con l’assaggio dell’ultima vendemmia anche questo ideale come vino da aperitivo. Il terzo vino in batteria è il Rampone, vino che prende il nome dalla contrada dove sorge la cantine, un Minutolo in purezza che i Pastini sono stati tra i primi a recuperare la lavorazione di questo vitigno. Segue l’Arpago, un Primitivo in purezza, che prende il nome da una pianta medicinale utilizzata localmente. Ultimo vino in degustazione un Susumaniello. Finita la degustazione, è l’ora degli acquisti, con gli stranieri che scelgono i vini che gli sono piaciuti maggiormente e in molti casi li fanno spedire a casa. “Stiamo puntando molto su questo progetto legato all’enoturismo anche come vero e proprio canale di vendita- conclude Carparelli- in questa maniera abbiamo un rapporto diretto con i nostri clienti che fanno conoscere i nostri vini all’estero. La nostra zona in Puglia è una di quelle con la maggior capacità di spesa dei turisti soprattutto stranieri, è importante riuscire a far vivere loro una vera wine-experience”.

 

 

INFO: www.ipastini.it

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Limoncello Pallini - premiato dai consumatori al Quality Award 2019 - inimitabile qualità italiana da 140 anni

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

I Pastini Cronaca Puglia Wine Enoturismo Pastini Cantina Wine Experience Vini Puglia Experience Verdeca Gianni Carparelli


ARTICOLI COLLEGATI:

Festival della Valle d’Itria: il buon vino sposa l’opera in masseria

Festival della Valle d’Itria: il buon vino sposa l’opera in masseria

11/07/2019 - Abbandonarsi al piacere di una sera d’estate, ascoltando la grande opera nelle masserie pugliesi e sorseggiando un calice di Primitivo di Manduria. Un sogno che diventa r...

Acqua Amata conquista il “Premio Industria Felix” per le sue performance gestionali e finanziarie

Acqua Amata conquista il “Premio Industria Felix” per le sue performance gestionali e finanziarie

03/06/2019 - In occasione della quinta edizione del «Premio Industria Felix – La Puglia che compete», tenutosi venerdì 31 maggio ad Acaya (Le), sono state premiate 104 aziende con sed...

Da noi: la strada del Vino e dei Sapori del Friuli Venezia Giulia in sette video

Da noi: la strada del Vino e dei Sapori del Friuli Venezia Giulia in sette video

25/05/2019 - Scenari unici e diversi, il Friuli Venezia Giulia è un territorio di cui ci si innamora facilmente. Il turista seppur in una regione così piccola può ritrovare un territo...

Wine Experience a Canale per Giorni Divini

Wine Experience a Canale per Giorni Divini

22/05/2019 - Tempo e vino. Due parole e due concetti, di infinitesimale fascino, in grado come pochi di far parlare di sé. Il legame che li tiene uniti lo scopriamo attraverso la rapp...

D’Araprì: 40 anni di bollicine champenoise made in Puglia a ritmo di jazz e bombino

D’Araprì: 40 anni di bollicine champenoise made in Puglia a ritmo di jazz e bombino

05/05/2019 - Il 1979 è un millesimo speciale. Chi scrive ha visto la luce in quell’annata, la stessa da cui parte l’avventura straordinaria di D’Araprì. L’unico vero esempio di metodo...

Rù Peruano: la mixology del rifugio peruviano di Bari by Gianluca Tassielli

Rù Peruano: la mixology del rifugio peruviano di Bari by Gianluca Tassielli

27/04/2019 - La bandiera del Perù che sventola su Machu Picchu ha gli stessi colori sociali della Bari. Cuore biancorosso, corazon peruano. Siamo stati al Rù Peruano, il primo ristora...

Varvaglione 1921 a Vinitaly: la Puglia del vino fra mare, sole e vento

Varvaglione 1921 a Vinitaly: la Puglia del vino fra mare, sole e vento

17/04/2019 - Tutta la Puglia del vino a Vinitaly era concentrata nello stand Varvaglione 1921. Cantina storica, azienda famigliare, giunta alla quarta generazione, raccontata dal volt...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

dieci − otto =