Pinterest LinkedIn

Una notizia importante arriva dal mondo del vino internazionale, con Gabriele Gorelli che è il primo Master of Wine per l’Italia. Finalmente si riempie la casellina che vedeva ancora il nostro paese a secco fra quella che da molti è considerata l’associazione più prestigiosa legata alla comunicazione e alla conoscenza del vino, il The Institute of Masters of Wine. Gorelli è stato inserito nella lista dei nuovi dieci Masters of Wine nominata venerdì 26 febbraio, con sede in cinque paesi.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Gabriele Gorelli è un wine expert, designer e brand builder nato e cresciuto a Montalcino in Toscana, dove ci sono le sue radici vinicole del nonno, uno tra i produttori più rinomati del Brunello di Montalcino. Laureato in lingue straniere e con una forte passione per il marketing, nel 2004 ha fondato Brookshaw & Gorelli, agenzia di design specializzata in comunicazione visiva di vini pregiati. Nel 2015 ha dato avvio a una società di consulenza per la vendita e il marketing di vino, KH Wines, con clienti che vanno dalle cantine agli importatori e ai ristoranti raffinati. Partecipa regolarmente a concorsi enologici nazionali e internazionali come presentatore e giudice. Gabriele Gorelli parla italiano, inglese e francese con una conoscenza di base della lingua tedesca. Appassionato viaggiatore, ama staccare la spina e ricaricare le batterie con il trail running e la pratica dell’Ashtanga Yoga. Proprio su Montalcino si è incentrato il documento di ricerca, su un tema tecnico legato alle opzioni di chiarifica organica per evitare che questo fenomeno si verifichi in bottiglia.

Insieme a Gorelli sono stati nominati James Doidge MW (Regno Unito), Susan Lin MW (Stati Uniti), Moritz Nikolaus Lueke MW (Germania), Sophie Parker -Thomson MW (Nuova Zelanda), Álvaro Ribalta Millán MW (Regno Unito), Tze Sam MW (Regno Unito), Melissa Saunders MW (Stati Uniti), Kryss Speegle MW (Stati Uniti) e Clare Tooley MW (Stati Uniti). Attualmente ci sono 418 MW a livello globale: 149 donne e 269 uomini che vivono o lavorano in 32 paesi. Dal primo esame nel 1953, 493 persone sono diventate un MW.

I nuovi Masters of Wine hanno dimostrato comprensione di tutti gli aspetti del vino superando l’esame, riconosciuto in tutto il mondo per il suo rigore e standard elevati. L’esame di MW si compone di tre parti distinte, la teoria e gli esami pratici sostenuti alla fine della fase due e il documento di ricerca presentato alla fine della fase tre, uno studio approfondito su un argomento legato al vino da qualsiasi area delle scienze, delle arti, delle scienze umane o delle scienze sociali.

Oltre a superare l’esame e prima che i nuovi membri abbiano il diritto di utilizzare il titolo di Master of Wine o le iniziali MW, devono firmare il codice di condotta del The Institute of Masters of Wine . I principali paesi in cui hanno sede i MW in tutto il mondo sono Australia (28), Canada (10), Francia (18), Nuova Zelanda (15), Regno Unito (210) e Stati Uniti (56) e da oggi anche l’Italia è inserita in questa prestigiosa classifica.

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

cinque × 4 =