Pinterest LinkedIn

Una nuova ricerca rivela com’è probabile che il cambiamento climatico aumenti il ​​potenziale di produzione di vino nel Regno Unito, con condizioni che si prevede assomiglieranno a quelle delle famose regioni di Francia e Germania.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Negli ultimi 20 anni, il cambiamento climatico ha contribuito alla crescita dell’area vinicola del Regno Unito – con più di 800 vigneti – e alla pluripremiata produzione di vino, nonché a una transizione nello stile del vino verso gli spumanti. Ora un team di ricercatori dell’Università dell’East Anglia (UEA), della London School of Economics, Vinescapes Ltd e Weatherquest Ltd hanno tracciato il potenziale del settore nei prossimi 20 anni.

Le loro scoperte, pubblicate sulla rivista OENO One, mostrano come si prevede che il clima di un’area più ampia dell’Inghilterra e del Galles diventi adatto per la coltivazione affidabile di varietà di uve da spumante e come il potenziale per la produzione di vino fermo di alta qualità stia rapidamente emergendo. “Abbiamo visto la viticoltura nel Regno Unito espandersi di quasi il 400% da 761 a 3800 ettari tra il 2004 e il 2021”, ha affermato il ricercatore capo dell’UEA, il professor Steve Dorling, della School of Environmental Sciences e della società di previsioni Weatherquest Ltd.

“In quel periodo il clima caldo ha sostenuto una resa e una qualità molto più affidabili dei vitigni Pinot Nero e Chardonnay: queste varietà sono miscelate nella produzione di spumante in stile champagne. Le stagioni di crescita calde e secche del Regno Unito come il 2018, con problemi di malattia nelle viti inferiori alla media, hanno portato alla produzione di 15,6 milioni di bottiglie da record e queste condizioni di crescita sono già diventate e si prevede che diventeranno più comuni”.

 

Annuari Agra Distribuzione Alimentare - Distribuzione Europa

 

Il progetto Climate Resilience in the UK Wine Sector (CREWS-UK) è stato finanziato dal Natural Environment Research Council nell’ambito del programma di resilienza climatica del Regno Unito. I ricercatori hanno considerato la frequenza con cui si prevede che le condizioni di crescita nel Regno Unito assomiglieranno dal punto di vista climatico a quelle osservate più di recente nelle famose regioni produttrici di vini frizzanti e fermi nelle regioni francesi della Champagne e della Borgogna e a Baden in Germania. I loro risultati evidenziano che dagli anni ’80 c’è già stato un riscaldamento di oltre 1°C durante la stagione di crescita in gran parte del sud-est e dell’est dell’Inghilterra, un cambiamento che è stato uno dei fattori chiave per la crescita e il cambiamento varietale nel Regno Unito settore della viticoltura in questo periodo.

“Abbiamo scoperto che aree significative all’interno dell’Inghilterra e del Galles dovrebbero diventare più calde entro il 2040 fino a un ulteriore 1,4°C durante la stagione di crescita. Ciò amplia l’area di idoneità per il Pinot Nero per la produzione di vino spumante, ma si apriranno anche nuove aree all’interno dell’intervallo di idoneità della temperatura della stagione di crescita per la produzione di Pinot Nero fermo e per varietà in crescita come Sauvignon Blanc, Riesling, Semillon e altre varietà resistenti, attualmente poco coltivate nel Regno Unito.”

Il team ha utilizzato gli scenari delle proiezioni climatiche del Regno Unito 2018 per valutare l’idoneità futura della varietà e dello stile del vino nel Regno Unito e il potenziale di investimenti nella viticoltura, adattamento del settore e resilienza nel periodo 2021-2040. Si prevede che le aree dell’East Anglia, del Lincolnshire, dell’Inghilterra centro-meridionale, del Galles nord-orientale e delle aree costiere dell’Inghilterra sud-occidentale e del Galles meridionale avranno le “condizioni” del 2018 nel periodo 2021-2040 nel 60-75% degli anni, il che significa che l’annata eccezionale del 2018 diventerà più comune. Nel frattempo, si prevede che vaste aree dell’Inghilterra sud-orientale e orientale entreranno in una gamma adatta per la produzione di Pinot Nero fermo. Sebbene il Pinot Nero per spumante sia già coltivato con successo nel Regno Unito, gli aumenti della temperatura previsti per la stagione di crescita indicano ora nuove opportunità per la produzione di Pinot Nero fermo in alcune aree.

“Abbiamo dimostrato che in alcune aree del Regno Unito l’annata eccezionale del 2018 diventerà la norma e che si prevede che le temperature di coltivazione dell’uva nella regione dello Champagne dal 1999 al 2018 si verificheranno in un’area in espansione dell’Inghilterra nel periodo 2021-2040.”

“In alcuni anni, alcune aree del Regno Unito potrebbero vedere climi stagionali di crescita simili a quelli che hanno contribuito alle migliori annate recenti di Champagne, oltre a supportare un maggiore potenziale per i vini rossi fermi in stile Borgogna e Baden”.

Tuttavia, i ricercatori avvertono che permangono sfide significative, sostenendo che il clima in rapida evoluzione nel Regno Unito richiede all’industria di rimanere agile e non “bloccare” la produzione che non può adattarsi alle mutevoli condizioni di crescita.
“Ci sono tempi entusiasmanti per il settore vinicolo del Regno Unito, ma i nostri risultati hanno enfatizzato la sfida di stabilire identità e marchi del vino, in particolare quelli strettamente associati alle varietà e agli stili di vino, in un clima in rapido cambiamento”, ha concluso Dorling.

Inoltre, il clima britannico può essere ancora imprevedibile, come ha dimostrato l’annata 2012, quando gran parte della produzione di uva nel Regno Unito è andata persa a causa del periodo di fioritura fresco e molto umido. La variabilità climatica di anno in anno rimarrà, compreso il rischio di gelate a inizio stagione, anche se le tendenze a lungo termine sono buone. Le decisioni di investimento sostenibile in vigneti e cantine richiederanno anche un’analisi attenta di tutti i rischi associati all’ambiente di crescita e al mercato.

Fonte:
winetitles.com.au/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Santi Crinaia - Dal 1843 Passione Valpolicella

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina