Carlo Carnevale
| Categoria Notizie Distillati, Liquori | 815 letture

“La miscelazione oltre la moda”, la sfida di Davide Castelli

Lacerba Moda Davide Castelli Miscelazione Mixology Castelli Mixologist Agostino Galli Davide Bartending Bartender

Lacerba Davide Castelli Davide Castelli Agostino Galli Moda Mixology Miscelazione Mixologist Bartender Bartending

A cura di

© Riproduzione riservata

Se è vero che Milano sta progressivamente diventando un polo rinomato per il buon bere, pochi altri luoghi in città hanno la stessa valenza di Lacerba. Da vent’anni mecca della miscelazione, tra Porta Romana e Crocetta, ex culla del futurismo oggi ancora pregna della vena artistica e filosofica che fu. E fucina di esperti e professionisti del bancone, sotto la guida del manager Agostino Galli. Dal 2016 è casa anche per Davide Castelli, brianzolo di 27 anni nato professionalmente all’ormai ex Indiana Post.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Essere giovani non vuol certo dire avere le idee confuse. Se è vero che ospitalità vuol dire passione, la crociata da combattere è contro i concetti troppo sofisticati, che paradossalmente diventano controproducenti. “Un drink deve essere facile da capire, ed essere fatto con prodotti che attirino nella loro semplicità, che non spaventino. Solo leggere prodotti elaborati può essere respingente, soprattutto in un periodo storico che tiene molto in considerazione allergie, intolleranze, abitudini alimentari. In definitiva, cocktail che non abbiano tanti ingredienti perché ricette lunghe annoiano, e che siano fruibili e replicabili”.

Quello del barista, storicamente punto di riferimento per confessioni e consolazione, è un ruolo che si sposta sempre più verso una canale di divulgazione: “Informazione, soprattutto. Dovremmo concentrarci sul capire e sul far capire perché si beve un cocktail piuttosto che un altro, qual è la storia che nasconde, com’è nato, perché in fondo è cultura”. Non bisogna seguire le mode, davanti o dietro a un bancone, c’è da crescere e non rimanere ai preconcetti, staccarsi da esperienze che sono naturali, come i cicchetti di tequila, sale e limone, ed evolversi. “I barman dovrebbero spingere sui classici, e capire i motivi del successo di drink storici e prodotti iconici. Il Daiquiri che smonta il mito del rum dolce, l’enorme varietà di soluzioni possibili con l’Aperol e non solo lo spritz: raccontare e spiegare è un modo per informare il consumatore e invogliarlo a provare qualcosa di nuovo. Ed è un discorso che può valere anche per prodotti più impegnativi o invecchiati, come Calvados e grappa”.

 

 

Occhio inoltre a rimanere legati a idee come stagioni o drink che sono da bere solo in determinati momenti. “La miscelazione fresca funziona tutto l’anno. I seasonal drink possono essere fuorvianti invece: in un mondo globalizzato in cui è facile reperire tantissimi prodotti tutto l’anno, perde valore parlare di drink di stagione”. E il focus, tra i principali, e sull’analisi della clientela: “Ci si avvicina al bere quando si hanno vent’anni, si inizia a uscire e magari si hanno persone più grandi che bevono cose mai sentite prima, che so, un capo che beve whisky. L’ospite va indirizzato verso i gusti che mostra, ma anche invitato a riscoprire i classici: un Martini , strutturalmente piuttosto semplice, può essere un’esperienza nuova e soddisfacente”.

Attenzione, di nuovo, ai trend modaioli, che potrebbero essere solo strumenti di mercato e distogliere il consumatore da un’esperienza gustativa profonda. “Quando c’è stato il bum del gin sembravano tutti soloni ma in realtà si è creata una gran confusione: prima venivano fuori varianti di gin strani, poi un ritorno al secco perché sembrava vintage. E si sono concentrati tutti esclusivamente sul gin tonic, nessuno che lavorasse sul gimlet o su altro. In questo modo il bevitore occasionale o meno esperto viene plagiato, le aziende hanno leva importante con eventi promozionali che spingono poco sul prodotto in sé. Il mezcal ad esempio, nonostante sia piuttosto costoso va molto perché viene ben veicolato, ma in pochi conoscono le sue proprietà e la sua storia”. Il mondo del beverage è di una dinamicità impressionante, il futuro è sempre a portata di mano, e Castelli crede ci siano già basi sensibili per una nuova ondata di consumo: “È prevedibile un ritorno al rum soprattutto in miscelazione, con i tiki bar: probabilmente in stile USA con amari e simili”.  Il barista può seguire la moda, certo. “Oppure essere controcorrente, a me piace così, proporre qualcosa di diverso”.

È un gioco psicologico che non ha vincitori, piuttosto vie eleganti per permettere a chi visita il bar di farlo con il massimo della soddisfazione e del divertimento. “Il giusto è nel mezzo. Il cliente è in primo piano, ma non vuol dire che comandi. Devi sapere far da bere quello che proponi tu, seguendo quello che vuole lui. Comprendendo il soggetto, capisci dove andare o non andare; lì sta la bravura, non è solo sapere le ricette a memoria, anzi bisogna capire cosa si può dire o non dire, proporre o non proporre”. Sempre prendendo le distanze dai piedistalli su cui spesso i conclamati mixologist rischiano di porsi: “Ogni barista ha portato un focus. Si sono fissati su un drink o un tipo di lavoro e non hanno mai guardato altro, non si sono mai incuriositi, e si vede con i libri tematici. Bisogna leggere Jerry Thomas e Imbibe che sono basi per carità, ma hanno carattere più storico che tecnico. Sta al barista capire che non c’è solo quello, non solo i cliché. Il professionista deve uscire dal seminato, studiare e soprattutto bere cose che non preferisce. Io ad esempio sto sperimentando i drink sparkling, non sono mai stato un gran bevitore, ma per capirlo devi fare esperienza. Non stai facendo da bere per te stesso, ma per un bancone variegato che potenzialmente potrebbe chiederti dieci cose diverse tutte in una volta.

C’è così tanto da scoprire e provare oltre ai soliti drink. Ognuno, peraltro, con un motivo proprio. Le proposte di Davide sono tre cocktail misconosciuti ai più, che valgono però la pena. “Il Junglebird: perché sdogana il Campari come ingrediente globale (Campari, ananas, maracuja, rum); il Presidente, perché è l’opposto, dà un ruolo al rum bianco, in coppetta, elegante (rum bianco, melograno, vermouth dry); il Naked and Famous, perché pur avendo una connotazione di moda non è in realtà così scontato (mezcal, lime, chartreuse gialla, Aperol).

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Beer&Food Attraction 2020, Rimini 15-18 febbraio

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Castelli Mixology Moda Bartender Bartending Lacerba Davide Castelli Agostino Galli Miscelazione Mixologist Davide

ARTICOLI COLLEGATI:

Marco e Tommaso, l’arte di lasciare tutto per inseguire un sogno di nome Franklin’33

Marco e Tommaso, l’arte di lasciare tutto per inseguire un sogno di nome Franklin’33

07/11/2017 - Chissà quante volte nella storia, due amici a fine serata, magari dopo qualche birra hanno avuto la stessa illuminazione:  “dovremmo aprire un bar tutto nostro!” dice il ...

Salone del Gusto: 50 Laboratori del Gusto su vini italiani, birre, rum e cocktail

Salone del Gusto: 50 Laboratori del Gusto su vini italiani, birre, rum e cocktail

14/09/2018 - Vini, bollicine, birre, rum e, come ormai di consueto, cocktail… Gli appassionati della cultura del “buon bere” consapevole e sano non hanno che l’imbarazzo della scelta ...

Campari Red Diaries, il terzo capitolo entra nel… rosso

Campari Red Diaries, il terzo capitolo entra nel… rosso

05/02/2019 - "Entering Red", un ingresso cauto, misterioso ed emozionato nel vivo dell'universo Campari. Questo il titolo del terzo capitolo della saga dei Red Diaries, i cortometragg...

Kombucha Bar: a Bolzano Mattia Baroni inaugura un nuovo trend

Kombucha Bar: a Bolzano Mattia Baroni inaugura un nuovo trend

02/12/2018 - Partirà una kombucha mania anche in Italia? Ancora questo non lo sappiamo, ma l’apertura a Bolzano il 1 dicembre del primo Kombucha Bar d’Italia può rappresentare un tren...

Il giro del mondo in 50 (best) bar

Il giro del mondo in 50 (best) bar

27/11/2018 - Niente scommesse in ballo, come invece era costretto a tenere a mente il leggendario Phileas Fogg, nato dalla penna di Jules Verne che immaginò un giro del mondo in 80 gi...

I protagonisti del Concorso Nazionale di A.B.I. Professional – La Passione di Giuseppe Alessandrino

I protagonisti del Concorso Nazionale di A.B.I. Professional – La Passione di Giuseppe Alessandrino

04/03/2019 - Altro giro, altra corsa. Continua la rubrica di Beverfood.com dedicata al Concorso Nazionale di A.B.I. Professional, in programma al “Park Hotel ai Cappuccini” di Gubbio ...

Ice Cube incontra Martini-Bacardi e l’estate vola con “Mix your summer”

Ice Cube incontra Martini-Bacardi e l’estate vola con “Mix your summer”

22/06/2018 - Ogni stagione ha il suo cocktail, ma l’estate ne ha di più. E quest’anno, le possibilità di degustare drink a prova d’autore sono ancora più numerose grazie alla partners...

Il “think pink” conquista il mondo del bere

Il “think pink” conquista il mondo del bere

18/02/2019 - Secondo buona parte della dottrina, il termine cocktail è una fusione tra le parole inglesi cock, gallo, e tail, coda. A indicare la particolare varietà di colorazioni ch...

Fish & Spritz, quando il cocktail estivo rinasce grazie a tre twist e a un evento da non perdere

Fish & Spritz, quando il cocktail estivo rinasce grazie a tre twist e a un evento da non perdere

08/10/2018 - Guardando la storia della Mixology internazionale per ogni decade si possono identificare uno o due cocktail simbolo che più di tutti hanno segnato i consumi e le abitudi...

Miscelatore Futurista Record Nazionale 2017: al via le iscrizioni alla II edizione della competizione

Miscelatore Futurista Record Nazionale 2017: al via le iscrizioni alla II edizione della competizione

03/04/2017 - Cocchi chiama a raccolta gli ardimentosi Miscelatori Futuristi d’Italia per affrontare una nuova sfida: ideare la polibibita che rappresenti il futuro del Futurismo, l’ap...

Torna la FCW, tra miscelazione Italiana e ospiti internazionali

Torna la FCW, tra miscelazione Italiana e ospiti internazionali

28/03/2018 - Da lunedì 30 Aprile a domenica 6 Maggio 2018 torna la Florence Cocktail Week, Sette giorni dedicati alla miscelazione fiorentina ricchi di incontri, appuntamenti, masterc...

È l’anno del gorilla, Drink Kong, il nuovo cocktail bar di Patrick Pistolesi

È l’anno del gorilla, Drink Kong, il nuovo cocktail bar di Patrick Pistolesi

19/02/2019 - Se pensavate di aver visto tutto o quasi nel favoloso mondo della Mixology… vi sbagliavate di grosso!  Dopo aver assistito per un’intera estate ad una guerrilla marketin...

“Futurismo per tutti”: 3° edizione della competizione Miscelatore Record Nazionale

“Futurismo per tutti”: 3° edizione della competizione Miscelatore Record Nazionale

27/06/2018 - “Futurismo  per  tutti”: il tema della terza  edizione della competizione Miscelatore Record Nazionale, ideata e coordinata da Giulio Cocchi insieme ad altre aziende stor...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

13 − 10 =