Pinterest LinkedIn

Di fronte a un’escalation della crisi climatica, la società ha svelato un nuovo ambizioso obiettivo di ridurre le emissioni di carbonio di oltre il 40% entro il 2030 (rispetto alla previsione del 2015), più che raddoppiando il precedente obiettivo climatico. L’obiettivo dell’azienda è raggiungere le emissioni nette zero entro il 2040, un intero decennio prima di quanto previsto dall’accordo di Parigi.

 

 

Si prevede che ciò comporterà la riduzione di oltre 26 milioni di tonnellate di emissioni di gas a effetto serra, l’equivalente di togliere dalla strada più di cinque milioni di auto per un anno intero. “I gravi impatti del cambiamento climatico stanno peggiorando e dobbiamo accelerare i cambiamenti sistemici urgenti necessari per affrontarli”, afferma Ramon Laguarta, Presidente e CEO di PepsiCo. Spostare la cronologia dell’azienda è fondamentale, considerando le terribili conseguenze dell’attesa. “Semplicemente non c’è altra opzione che un’azione immediata e aggressiva”, dice Laguarta.

 

Annuario Bevitalia Bevande Analcoliche Beverfood.com acquista ora o scarica gratis il pdf
Annuario Bevitalia Bevande Analcoliche Beverfood.com acquista ora o scarica gratis il pdf

 

Ovviamente, un’azienda delle dimensioni di PepsiCo può avere un impatto significativo, con opportunità in ogni punto del ciclo di produzione per ridurre e rimuovere le emissioni di gas serra. L’obiettivo dell’azienda è raggiungere le emissioni nette zero entro il 2040, un intero decennio prima di quanto previsto dall’accordo di Parigi. “È necessario da tempo che le aziende vadano oltre la semplice minimizzazione del proprio impatto ambientale”, afferma Jim Andrew, Chief Sustainability Officer di PepsiCo“Devono lavorare attivamente per migliorare e rigenerare il pianeta”.

 

 

La strategia di PepsiCo mira alle maggiori opportunità di impatto dell’azienda, a partire dall’agricoltura. In Illinois, gli agricoltori stanno già lavorando con l’azienda per utilizzare colture di copertura per migliorare la salute del suolo e limitare la necessità di fertilizzanti, che riducono le emissioni di gas serra e catturano il carbonio nel suolo. Attraverso la rete aziendale di aziende agricole dimostrative in Messico, Argentina, Brasile, India e Vietnam, i programmi di sostenibilità hanno aumentato la resa delle patate riducendo le emissioni di carbonio. Basarsi su programmi come questi ha anche i vantaggi di migliori raccolti, migliore salute del suolo, diminuzione della deforestazione e maggiore produttività per gli agricoltori.

 

GuidaOnline Bibite e Succhi Beverfood.com Bevande Analcoliche bibite mixology thè e caffè freddi energy sport drinks Succhi Nettari Bevande Frutta Funzionali Horeca Concentrati

 

Il progresso dell’azienda si estende agli imballaggi, agli stabilimenti e ai veicoli per le consegne. Le aree di interesse includono la riduzione della plastica vergine e la ricerca di nuovi modi per utilizzare la plastica riciclata negli imballaggi. PepsiCo sta inoltre promuovendo tecnologie a zero e quasi zero emissioni, utilizzando energia elettrica e gas naturale nelle strutture di stoccaggio, trasporto e distribuzione, che è modellata sulla flotta elettrica e sugli edifici a energia solare c/o il sito Frito-Lay North America a Modesto (CA).

 

gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS
gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS

 

Guardando le sedi dell’azienda nel mondo, parte di questo importante lavoro è già evidente. Nel 2020, PepsiCo ha raggiunto il suo obiettivo di fornire elettricità rinnovabile al 100% per le sue operazioni negli Stati Uniti. Più di 400 pannelli solari aiutano ad alimentare lo stabilimento Quaker a Rotterdam, Paesi Bassi. L’installazione di un singolo mulino a vento nello stabilimento Tropicana di Zeebrugge, in Belgio, genererà circa il 40% del consumo totale di elettricità del sito. I progetti eolici in Texas e Nebraska aprono la strada quest’anno ed entro la fine del 2021, 15 paesi nelle operazioni dirette di PepsiCo forniranno completamente elettricità rinnovabile. Ciò significa che oltre il 60% di tutto il fabbisogno elettrico globale diretto dell’azienda sarà soddisfatto attraverso fonti rinnovabili.

 

PEPSICO

I prodotti PepsiCo sono apprezzati dai consumatori più di un miliardo di volte al giorno in oltre 200 Paesi in tutto il mondo. PepsiCo ha generato oltre $ 67 miliardi di ricavi netti nel 2019, guidate da un portafoglio complementare di alimenti e bevande che comprende Frito-Lay, Gatorade, Pepsi-Cola, Quaker e Tropicana. Il portafoglio di prodotti PepsiCo comprende una vasta gamma di cibi e bevande piacevoli, tra cui 23 marchi che generano più di $ 1 miliardo ciascuno nelle vendite annuali al dettaglio. “Vincere con uno scopo” riflette la ambizione del gruppo di vincere in modo sostenibile sul mercato e integrare lo scopo in tutti gli aspetti del business.

+Info: www.pepsico.com

PEPSICO IN ITALIA

PepsiCo è presente sul mercato italiano dal 1960 grazie ad accordi di franchising e dal 1995 con una vera e propria filiale che si avvale oggi di circa 200 persone, con sede centrale a Milano e 1 sito produttivo a Scorzè. PepsiCo Italia opera principalmente nel settore delle bevande analcoliche, nelle bevande gassate fin dall’inizio della sua attività, in particolare con il brand Pepsi, a cui si aggiungono nel 2002 le bevande isotoniche (Sport Drinks) con Gatorade. Nel 2006 entra nel portafoglio il succo di frutta Tropicana; nel 2007 è stata infine siglata un’importante joint venture con Unilever che riguarda la produzione, la commercializzazione e la promozione del tè freddo Lipton. Da gennaio 2011 distribuisce anche i succhi Looza in esclusiva nel mercato dell’HoReCa. Febbraio 2014 segna finalmente l’arrivo in Italia di Lay’s, il brand di patatine più venduto al mondo, completamente integrato nel portafoglio della filiale italiana a partire da Luglio 2017.

 

www.pepsico.co.it

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)