Pinterest LinkedIn

Schneider Weisse, birrificio bavarese specializzato nella produzione di grandi birre Weizen, presenta la sua specialità d’autunno, nata sulla base delle TAP 6 Unser Aventinus ed Aventinus Eisbock, maturate per un anno in botti di rovere. La stagione autunnale è ormai entrata nel vivo e le temperature iniziano decisamente a scendere anche in Italia. È giunto pertanto il momento di concedersi birre più corpose ed aromatiche, in grado di dare ristoro al corpo e conforto al morale. Obiettivi centrati dalla nuova specialità autunnale targata Schneider Weisse: il birrificio bavarese, conosciuto in tutto il mondo per le sue Weizen di qualità, ha creato un piccolo capolavoro di arte brassicola con la propria TAP X Mein Aventinus Barrique.

Schneider WeisseQuesta birra è il risultato un lavoro meticoloso e di una paziente attesa, che vengono però ripagati dall’ampio spettro aromatico che si sprigiona nell’aria non appena versiamo questa speciale Weizen nel bicchiere. Il processo produttivo prevede un blend di due birre prestigiose create da Schneider Weisse, ovvero TAP 6 Unser Aventinus e Aventinus Eisbock, che maturano in diversi tipi di botti di rovere francese, tedesco ed americano (utilizzate in precedenza per far riposare grandi vini come Chardonnay, Pinot Nero e Cabernet Franc) per oltre un anno, prima di venire sapientemente miscelate e dare vita a questa straordinaria e raffinata birra.

Le botti donano alla birra aromi secchi, fruttati, con note tostate e di nocciola, che ben si sposano con la gradazione alcoolica importante (9,5% vol.) e che rendono la degustazione di Schneider Weisse TAP X Mein Aventinus Barrique un’esperienza davvero unica e ricca di suggestioni. TAP X Mein Aventinus Barrique, così come le altre specialità Schneider Weisse, viene distribuita in Italia dall’azienda leader nel settore delle birre speciali, la Interbrau di Padova, che sottolinea ancora una volta il proprio duraturo legame con la migliore tradizione brassicola bavarese.

+Info: www.interbrau.itwww.schneider-weisse.de

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)