Pinterest LinkedIn

La Fondazione Italia Cina ha pubblicato un rapporto sull’interscambio tra la nostra penisola e il grande Paese orientale. Emerge che i nostri prodotti alimentari sono sempre più apprezzati dai consumatori cinesi, tra cui il vino che ha messo a segno un +635 nel primo trimestre 2018.

 

Wine Marketing Agra
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Complessivamente il made in Italy, non soltanto agroalimentare, ha superato per la prima volta i 20 miliardi di dollari scavalcando il record del 2014 con una crescita al di sopra del 22%, mai così accelerata – affermano i ricercatori – dal 2010. Il +22% dell’export italiano rappresenta la miglior crescita di un Paese Ue in Cina”. Tra i prodotti italiani più apprezzati c’è il vino che vede un aumento delle esportazioni tanto che  nel primo trimestre del 2018 l’export enologico made in Italy in Cina è cresciuto del 62,82%.

Oggi l’Italia è al quarto posto tra i Paesi esportatori di vino in Cina e ha appena superato la Spagna.  Al primo posto resta sempre la Francia con 217.859 milioni di litri, seguita da Australia (105.777.343) e Cile (74.374.462). I risultati dimostrano che gli sforzi fatti dall’Italia in promozione in questi anni hanno pagato. Tuttavia si può, e si deve, fare ancora molto. Il nostro vino non ha nulla da invidiare a quello di chi ci precede nell’export. Indispensabile, quindi, proseguire l’impegno di promozione e di penetrazione commerciale anche attraverso partnership con primari operatori locali.

+info: www.italianfoodtoday.it/2018/07/20/ok-il-vino-italiano-in-cina-ma-si-puo-fare-di-piu/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

18 + quattordici =