Pinterest LinkedIn

Street coffee for people on the move è il nuovo payoff del retail format che si ispira ai grandi trend internazionali del beverage, nato da un’idea italiana. Tra le novità, anche un progetto di street art.

 

 

Apre a Torino all’ombra dell’edificio simbolo del capoluogo piemontese, la Mole Antonelliana, il terzo punto vendita 12oz della città subalpina.

Non è un opening qualsiasi, perché è proprio da qui che il brand che si ispira ai grandi trend internazionali del beverage, nato nel 2015 dall’idea dell’imprenditore italiano David Nathaniel, si presenta al pubblico con una nuova immagine, risultato di un’importante operazione di restyling affidata all’Agenzia creativa: GEM (Nico Marchesi e Lavinia Garulli).

La novità più dirompente è il nuovo utilizzo del brand come logo-luogo, che interpreta il valore più caratterizzante della marca di bevande caffeine-based. “Le nostre bevandespiega Roberta Piga, Marketing Manager di 12ozsono concepite in versione “to go”. Il movimento è un asset fondamentale del nostro brand. 12oz non è un bar tradizionale, non è la classica caffetteria, non è il ‘’terzo luogo’’, è un nuovo concept consumer centric. Grazie al servizio di tutti i nostri prodotti in modalità “to go”, 12oz riesce ad accompagnare il cliente in tutti i momenti della sua giornata e gli dà la possibilità di scegliere dove e come consumarli: all’interno dello store per ricaricare le batterie o lungo la strada verso il lavoro o l’università, ma anche nei suoi spostamenti in città. È un luogo portatile, come le nostre iconiche cup.”

 

 

“Abbiamo pensato a un logo/luogospiegano dall’agenzia creativa Gemche rappresenta uno spazio non statico in cui le persone possono interagire con il marchio, muoversi con esso, viverlo. Ecco perché nel locale appena aperto a Torino, le pareti mostrano alcune delle declinazioni possibili: il logo è un palloncino, oppure la parete da cui salta un giovane traceur, o ancora la palla del cestista, la nuvola su cui siedono due giovani innamorati…”

Allo stesso modo, 12oz (12 once, ovvero 0,35 litri) da unità di misura inglese della grande paper cup diventa il parametro che serve alle persone per misurare l’energia, il tempo, la ricarica, la vitalità…e molti altri aspetti della vita quotidiana.

“Street coffee for people on the move” è il nuovo payoff che si legge sopra l’ingresso del nuovo locale appena aperto a Torino, lo slogan che riassume il posizionamento del brand.

 

Scarica Gratis l'ebook annuario Coffitalalia con tutti gli operatori del settore caffè italia

 

A pochi passi dalle sedi dell’Università torinese, Palazzo Nuovo e Campus Einaudi, 12oz punta a coinvolgere l’ampio pubblico di giovani studenti che frequentano il quartiere, ma anche i turisti italiani e internazionali che visitano il centro della città e, in particolare, il Museo Nazionale del Cinema ospitato all’interno della Mole Antonelliana, distinguendosi nel panorama variegato dell’offerta food locale con la sua formula specifica di “street coffee” accompagnati da una selezione di donut e altri dolci di stampo cosmopolita. Una formula che piace alle giovani generazioni, specialmente GenZ, che, grazie a una vita in costante connessione con il resto del mondo, sono aperti e curiosi verso le nuove tendenze.

Tutte le nuove aperture successive a Torino (l’ambizioso obiettivo è di raggiungere quota 700 entro il 2027) utilizzeranno questa nuova immagine e l’operazione restyling interesserà presto anche i locali già esistenti.

Da Torino parte anche il progetto “12oz di street art”: ogni nuovo locale avrà una parete che ospiterà l’opera permanente di uno street artist locale, una forma di espressione particolarmente vicina al 12ozer ideale – Millennials e GenZ – e tipica dell’ambiente urbano. Il nuovo locale di Torino Mole Antonelliana ospita l’opera firmata da un artista del collettivo torinese Monkeys Evolution. Il file rouge delle opere sarà la reinterpretazione da parte di ciascun artista di 12oz e del suo posizionamento: movimento, caffeina, energia e nuove modalità di consumo che caratterizzano il brand. L’artwork di Torino si sviluppa attraverso una serie di scenari corrispondenti a questi concetti, contestualizzati nell’ambiente urbano.

 

 

12oz

12oz è un retail format di caffetterie 2.0, nato a Milano nel 2015, che promuove i nuovi trend di bevande da consumare in movimento, già pienamente nelle abitudini di Millennials e GenZ.

12oz integra il gusto globale e cosmopolita della propria offerta con la rapidità di servizio tipica del bar all’italiana, grazie a un sistema di macchine tecnologicamente avanzate, che consente di erogare la metà delle bevande a menù in meno di 30 secondi, e ingredienti di alta qualità. La tecnologia brevettata garantisce inoltre integrità e sicurezza ad ogni cup. Un must per il new normal.

Nato dall’intuizione dell’imprenditore italiano e CEO David Nathaniel, da oltre trent’anni nel settore della prima colazione per l’hotellerie di lusso, 12oz è protagonista di un piano di espansione nazionale e internazionale, con locali diretti e in franchising, grazie a una joint venture con JDE, secondo torrefattore al mondo e parte del colosso internazionale JAB Holding Company, che ha nel suo portafoglio primari brand della ristorazione. Nel 2018 questa importante azienda ha investito nel concept, in cui crede fortemente, diventandone il socio di maggioranza.

 

+info: www.12ozcj.com

Ufficio Stampa: MASTER COMMUNICATION
info@master-communication.it

Scheda e news: Master Communication Srls

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Kimbo Barista Experience Premium Selection capsule in alluminio - Espresso Barista 100% Arabica - Barista Espresso Napoli - Espresso Barisita Ristretto

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina