Pinterest LinkedIn

Anche per il terzo trimestre del 2022 AB InBev, il più grande produttore mondiale di birra, ha registrato risultati finanziari positivi. A livello globale, infatti, ha conseguito una crescita dei volumi del 3,7%, che si è accompagnata ad un aumento dei ricavi del 12,1%. Anche l’EBITDA normalizzato ha segnato un incremento del 6,5%. Risultati che hanno concorso a chiudere i primi nove mesi dell’anno con il segno “+”: in particolare, i volumi sono aumentati del 3,3%, i ricavi dell’11,5% e l’EBITDA normalizzato del 7,0%. A livello europeo, continua a ripagare la strategia di premiumizzazione, con i brand Super Premium che hanno registrato una crescita a doppia cifra dei ricavi. Non solo, i marchi Premium e Super Premium hanno contribuito insieme a più della metà dei ricavi totali di AB InBev, con un aumento di +3pp rispetto ai livelli pre-pandemici. Questo grazie anche al ritorno dei consumatori nell’Horeca e ai festival come l’Oktoberfest, che mancava dal 2019. Grande attesa, in prospettiva, è riservata ai mondiali di calcio tra novembre e dicembre.

 

In risposta all’aumento della pressione sui mercati energetici in Europa, inoltre, AB InBev ha messo in atto solide strategie di mitigazione dei rischi affinché venisse garantita la continuità aziendale. Inoltre, il leader birrario ha continuato il proprio percorso di decarbonizzazione: con l’apertura in Spagna dei parchi solari di Pinos Puente e di Archidona, verrà generata energia sufficiente a consentire ad AB InBev la produzione di birra in tutta l’Europa occidentale con elettricità 100% rinnovabile.Per quanto concerne il mercato italiano, nonostante il contesto macroeconomico contraddistinto da alta inflazione, il terzo trimestre ha dimostrato l’ottimo stato di salute della categoria birra. La grande distribuzione ha fatto segnare una performance positiva rispetto al 2021, registrando +1,4% a volume e +6,6% a valore [Dati Nielsen].

 

 

All’interno di una categoria in espansione, AB InBev ha confermato ancora una volta una performance più veloce del mercato, facendo registrare +6,5% a volume e +9,3% a valore nel Q3 rispetto al 2021 [Dati Nielsen], che si traducono in un aumento di +0,4pp di quota volume e +0,3pp di quota valore sul periodo.

 

 

“Il terzo trimestre del 2022 ha confermato la crescita del settore e di AB InBev in particolare. Questo risultato è dovuto alla costante e coerente strategia volta all’espansione dei nostri brand Premium e Superpremium, incentrata quindi sulla qualità del prodotto e su assortimenti che sanno incontrare il raffinato gusto dei consumatori italiani. Lo dimostrano le performance di Corona, Leffe e Beck’s – con l’innovazione di Beck’s Unfiltered – che hanno registrato una crescita combinata del +7.1% a volume e +10.1% a valore [Dati Nielsen]”, ha dichiarato Arnaud HansetAD e Country Director di AB InBev Italia.

+INFO: ab-inbev.it/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo No. 3 London Dry Gin - Food is the Key - importato e distribuito da Pallini

Scrivi un commento

3 × 1 =