Pinterest LinkedIn

Risultati in crescita per il Gruppo Caviro che il 20 dicembre ha approvato il bilancio d’esercizio chiuso al 31 agosto 2021 con un fatturato consolidato di 390 milioni di euro, in aumento dell’8% rispetto al 2020, con un complessivo di 583 persone mediamente impiegate, (+15 unità).

La crescita del Gruppo è stata sostenuta da ottimi risultati dell’export (+17%), di cui vino +6% e B2B +75% e, in particolare, dalle performance straordinarie della società Caviro Extra. La composizione dei ricavi nel fiscal 1° settembre 2020-31 agosto 2021 del Gruppo è così suddivisa: vino 65%, mosti, alcol e acido tartarico 20%, energia e ambiente 15%.

«In un anno in cui i consumi di vino in Grande distribuzione hanno avuto una flessione, abbiamo registrato un deciso aumento sul fatturato trainato principalmente dalle esportazioni.  – commenta il Presidente di Caviro Carlo DalmonteQuesto è di particolare soddisfazione perché, come è noto, lo sviluppo del vino italiano dovrà guardare con sempre maggiore attenzione ai mercati esteri. In generale il Gruppo ha dimostrato flessibilità in un anno caratterizzato da frenate e ripartenze improvvise. Un legame sempre più stretto con la filiera, i risultati dei tanti investimenti per la sostenibilità e una struttura coesa hanno dato concretezza e valore economico alla gestione rendendo Caviro un ‘gigante agile’».

Dando un’occhiata ai numeri si evidenzia un ulteriore consolidamento del Gruppo con una netta crescita del patrimonio netto, che passa dagli 89 milioni di euro del 2020 ai 123 milioni di euro del 2021 e l’Ebitda che passa da 27 milioni di euro (incidenza sul fatturato del 7,4%) a 31 milioni di euro (incidenza sul fatturato dell’8%). L’utile di esercizio al 31 agosto 2021 è di 8,7 milioni di euro, mentre gli investimenti realizzati dal Gruppo hanno raggiunto quota 22 milioni di euro. Nel corso della vendemmia 2020 i conferimenti ordinari dei soci sono stati liquidati ad un valore mediamente superiore del 7% rispetto ai prezzi di mercato.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

IL VINO

Tra i dati più significativi del segmento vino c’è la crescita del 6% sul mercato estero, un ottimo risultato da ricondurre alla diversificazione dei prodotti con cui il Gruppo si presenta sul mercato, sia dal punto di vista del segmento che del territorio di provenienza (sono 7 le Regioni italiane rappresentate dal Gruppo).

Nel comparto daily prevale lo storico marchio Tavernello, il vino più consumato in Italia e il vino italiano più venduto al mondo. Nel segmento premium hanno performato bene i brand delle società controllate Leonardo da Vinci e Cesari e il nuovo marchio di Caviro sca Vigneti Romio. Il Regno Unito, con un peso del 36%, si conferma il primo mercato di destinazione delle esportazioni, seguito da Stati Uniti (12,5%) e Germania (11,5%). Gli altri principali mercati esteri nel mondo del vino sono, in ordine, Canada, Svizzera, Francia, Giappone, Cina e Russia.

MOSTI, ALCOL, ACIDO TARTARICO, ENERGIA

Molto bene i risultati di Caviro Extra, società controllata che porta avanti e completa l’economia circolare del Gruppo valorizzando i sottoprodotti della produzione trasformandoli in prodotti nobili, alcol ed energia. Nel 2020/2021 Extra ha conseguito un incremento di fatturato del 23% rispetto al fiscal precedente. «Il segmento B2B del ‘non vino’ ha evidenziato performance straordinarie, un risultato dovuto a fattori contingenti ma anche alla capacità di Extra di penetrare nuovi mercati – aggiunge DalmonteIl legame con la filiera e gli investimenti in economia circolare sono per noi elementi concreti e non operazioni di puro green washing, questi numeri lo evidenziano».

INVESTIMENTI E SOSTENIBILITÀ

Nel 2020/21 l’azienda ha investito circa 22 milioni di euro in impianti e tecnologie rivolti a migliorare le performance ambientali, una direzione, quella della sostenibilità, che il Gruppo porta avanti da anni e che caratterizzerà anche la gestione 2022. Nell’ambito di questo percorso, nel 2021 è stata introdotta la funzione interna Sustainability Management, affidata a un team di sole donne che ha già definito tre obiettivi strategici per il triennio 2021-2024. «Il primo step sarà la certificazione del Bilancio di Sostenibilità che verrà presentato a marzo 2022. – racconta il Direttore Generale di Caviro SimonPietro FelicePoi puntiamo all’integrazione del Piano della Sostenibilità con il Piano Industriale a livello di azioni, risorse, costi e investimenti e a portare la sostenibilità in vigna attraverso la diffusione di un protocollo condiviso tra i soci. Il terzo progetto – conclude – riguarda la business continuity in ottica di risorse umane e formazione».

 

CAVIRO

Caviro è la cooperativa vitivinicola più rappresentativa del territorio italiano. Nasce nel 1966 a Faenza, nel cuore dell’Emilia-Romagna, per valorizzare le uve dei soci in una terra dove il vino è vocazione, identità ed eccellenza. Oggi Caviro, con i suoi 12.400 viticoltori in 7 regioni e il 10% dell’uva italiana conferita è, di fatto, la Cantina più grande d’Italia. Tra i valori che, da sempre, ispirano le scelte del Gruppo Caviro ci sono tutela dell’ambiente, innovazione, massimo impiego delle risorse e impegno per una crescita sostenibile del territorio. Questi principi hanno portato a un continuo miglioramento in termini produttivi e hanno reso il Gruppo Caviro un modello di economia circolare. Da una filiera integrata 100% italiana che offre una straordinaria varietà di vini esportati in oltre 70 Paesi (a partire dallo storico marchio Tavernello), alla trasformazione dei sottoprodotti agroalimentari in prodotti nobili e biometano ecologico, sino alla produzione di energia da fonti rinnovabili: le diverse realtà del Gruppo Caviro concorrono a formare un circolo virtuoso capace di generare valore in modo sostenibile. Il gruppo fattura annualmente 390 milioni di €

www.caviro.com/

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo: No. 3 London Dry Gin  - Food is The Key - distribuito in Italia da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina