0
Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Nemo Propheta in Patria. Un inno all’apertura mentale e di orizzonti, in un momento storico particolarmente delicato per quello che riguarda la duttilità verso l’esterno. La ventunesima edizione di Ein Prosit (24-28 ottobre a Udine, con anteprima a Tarvisio 22 e 23 ottobre), presentata a Milano, sarà incentrata sulla contaminazione e l’accoglienza di novità, nuove culture e soprattutto nuovi gusti. Masterclass, incontri divulgativi, degustazioni guidate, laboratori e discussioni aperte, come contorno a cene stellate e cene in casa in compagnia dei migliori chef del mondo e del meglio del panorama vinicolo italiano.

 

Annuario Bevitalia Acque Minerali Beverfood.com acquista ora o scarica gratis il pdf
Annuario Bevitalia Acque Minerali Beverfood.com acquista ora o scarica gratis il pdf

 

Tra le menti della kermesse, Paolo Vizzari, ideatore e curatore della cena-evento, passato dall’altra parte della cattedra dopo anni di partecipazione da giornalista: “Mi sono approcciato a Ein Prosit come fruitore. Nell’ultimo anno ho invece viaggiato per il mondo, per intrecciare una rete di chef con idee, passioni, filosofie diverse, che potessero contribuire a rendere la manifestazione unica”. Fenomeni dei fornelli, ciascuno con un’agenda da fare invidia alle personalità più influenti del mondo: che però hanno accettato immediatamente di trascorrere anche due o te giorni in Friuli. “Cosa abbiamo per convincerli? Ospitalità, una cucina che è in fondo sia patria che frutto di uno scambio continuo, di discussione, per farsi capire su un livello nuovo”. Ein Prosit ha spinto sull’acceleratore: quattordici nazioni coinvolte, cinquanta chef di cui quindici dalla top 50 dei ristoranti migliori del mondo, contagiati da chi ha partecipato gli anni scorsi. Un totale di quarantadue stelle Michelin andranno a illuminare una regione che si dimostra ancora una volta capace di accogliere chi vive al confine, avvicinare idee tramite il mezzo principale che è la cucina. Perché “il mondo accoglie, spesso, più della propria casa”.

Paolo Vizzari

La Regione Friuli crede dunque nel connubio enogastronomia-turismo,  come fulcro di un progetto di internazionalizzazione del territorio Come racconta il sindaco di Udine, Pietro Fontanini: “Soggetti così rilevanti nel panorama enogastronomico possono diventare ambassador della regione, per cui chiederemo loro di contaminarsi di più, scoprire di più le nostre filiere per trarne ispirazione e allo stesso tempo regalarci qualche punto di vista esterno, che ci aiuti a crescere come realtà e come movimento”. Gli fa eco l’Assessore alla Cultura e ai Progetti Europei Fabrizio Cigolot: “Una delle prime attività cui la nuova amministrazione si è dedicata è stata proprio il sostegno ad Ein Prosit. Abbiamo messo a disposizione il castello e i palazzi più belli della città, per dimostrare quanto crediamo questa manifestazione possa essere palcoscenico per le eccellenze di Udine e della regione intera”.

Organizzata dal Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano in collaborazione con la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, PromoTurismo FVG, il sostegno del Comune di Udine e della Fondazione Friuli, la ventunesima edizione di Ein Prosit si terrà dal 24 al 28 ottobre a Udine, con un’anteprima a Tarvisio nelle serate del 22 e 23 Ottobre 2019. Duecento aziende presenti (con partnership d’eccezione come Asahi Super Dry, Despar, Electrolux, Credìt Agricole), che faranno da spalla a masterclass, incontri divulgativi, laboratori e discussioni aperte, con focus su temi attuali come la mixology, e storici come i vini della Borgogna e le tradizioni vinicole italiane e estere. Oltre cento eventi spalmati su sei giorni, per un programma che coprirà ogni argomento di maggior interesse e stimolo del momento enogastronomico.

“Tarvisio e Udine” spiega l’assessore regionale alle Attività produttive e al Turismo, Sergio Emidio Bini “diventano per una settimana le capitali dell’alta gastronomia, con un programma da record, attirando nel capoluogo friulano i più grandi chef del panorama mondiale e nazionale. Ma non solo: Ein Prosit è anche una vetrina delle eccellenze del Friuli Venezia Giulia, dai vini ai prodotti fino alle tipicità regionali. è una perla di rara bellezza che può aiutare Udine a crescere dal punto di vista turistico. Abbiamo deciso tutto assieme di mettere questo brand a servizio dell’intero sistema del Friuli Venezia Giulia. Metteremo a tavola il mondo, a Udine, con un evento dalle potenzialità incredibili. La Regione” sottolinea l’assessore Bini” anche con PromoturismoFvg, crede fortemente e ha deciso di puntare ancor di più su Ein Prosit, ormai un brand consolidato e un format conosciuto in tutto il mondo – è stato infatti candidato come “Evento dell’anno” ai “The World Restaurants Awards” – convinta che il Consorzio di promozione turistica del Tarvisiano, di Sella Nevea e del Passo Pramollo sa costruire eventi che diventano prodotti turistici per tutto il Friuli Venezia Giulia”.

Ein Prosit 2019

Spaventoso il parterre di chef presenti. Dall’estero: Maksut Askar, Joris Bijdendijk, Manoella Buffara, Tim Butler, Luca Fantin, Christophe Hardiquest, Zaiyu Hasegawa, Anatoly Kazakov, Alberto Landgraf, Virgilio Martinez, Vladimir Mukhin, Alain Passard, Ana Roš. Dall’Italia: Massimiliano Alajmo, Corrado Assenza, Stefano Baiocco, Eugenio Boer, Gabriele Bonci, Renato Bosco, Francesco Brutto, Riccardo Camanini, Martina Caruso, Chicco Cerea, Enrico Crippa, Alessandro Dal Degan, Gianluca Gorini, Giuseppe Iannotti, Antonia Klugmann, Fabrizia Meroi, Matteo Metullio, Norbert Niederkofler, Simone Padon, Piergiorgio Parini, Fratelli Pellegrino, Franco Pepe, Matias Perdomo, Oliver Piras, Errico Recanati, Niko Romito, Eugenio Roncoroni, Diego Rossi, Ciro Scamardella, Emanuele Scarello, Federico Sisti, Luigi Taglienti, Yoji Tokuyoshi, Cristian Torsiello, Cristoforo Trapani, Mauro Uliassi.

Salute.

© Riproduzione riservata

caffepagato.com - Il tuo bar a portata di App - Ancora non sei affiliato?

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

cinque × uno =