Tag

Vini Friuli

Browsing

Dal 2023 Mussolini, Hitler, Stalin, Franco e gli altri non compariranno più sulle etichette dell’azienda vinicola friulana Vini Lunardelli, venticinque anni di polemiche più tardi. La linea dedicata ai dittatori del passato uscirà di scena dopo esser sopravvissuta a ben tre cause legali, tutte vinte, e a innumerevoli boicottaggi mediatici da parte della stampa italiana ed estera.

Nemo Propheta in Patria. Un inno all’apertura mentale e di orizzonti, in un momento storico particolarmente delicato per quello che riguarda la duttilità verso l’esterno. La ventunesima edizione di Ein Prosit (24-28 ottobre a Udine, con anteprima a Tarvisio 22 e 23 ottobre), presentata a Milano, sarà incentrata sulla contaminazione e l’accoglienza di novità, nuove culture e soprattutto nuovi gusti. Masterclass, incontri divulgativi, degustazioni guidate, laboratori e discussioni aperte, come contorno a cene stellate e cene in casa in compagnia dei migliori chef del mondo e del meglio del panorama vinicolo italiano.

Identità friulana fatta di vini e vitigni che rispecchiano un territorio. E l’azienda Lis Neris, grazie a un percorso di valorizzazione iniziato qualche anno fa, è un emblema di questa regione che sa regalare grandissimi vini in un territorio che dona personalità ed espressività. Alvaro Pecorari, regista della cantina Lis Neris, nella video-intervista ci racconta i vini e i progetti futuri sui cui si sta muovendo una delle realtà più interessanti del panorama regionale.

La cooperativa La Delizia, la più grande realtà vitivinicola del Friuli Venezia Giulia con 500 soci, produttrice del 18% delle uve regionali,  conta di chiudere il 2015 con un ulteriore incremento del 10% del fatturato, raggiungendo la cifra di 38 milioni di euro a fronte dei 34 milioni e 400 mila del 2014.  I vini della cantina friulana, a partire dal Prosecco e gli spumanti, sono sempre più apprezzati all’estero, visto che il 60% della produzione varca i confini italiani.

(nella foto di apertura: Flavio Bellomo nuovo direttore Vini La Delizia)

Anno record per Viticoltori Friulani Vini La Delizia: a chiusura del bilancio 2014 registra un incremento del 34,26%, superando la soglia dei 34,45 milioni di fatturato.In soli cinque anni la crisi ha contratto i consumi di vino in Italia di ben 4 milioni di hl (Fonte Ansa, dati IRI 2013). In un contesto di criticità economica, dettato dall’andamento dei consumi ancora in discesa, si inserisce in maniera proficua e positiva la cantina friulana Vini La Delizia, che registra un aumento record del fatturato 2014 e si conferma l’azienda friulana più dinamica e innovativa del settore. Questi i risultati presentati al Consiglio di Amministrazione tenutosi a fine gennaio, dove è emerso che rispetto all’anno precedente la crescita del fatturato è stata complessivamente del 34,26% a valore.

Tiare di Dolegna del Collio è la miglior cantina emergente d’Italia: a decretarlo è la prestigiosa Guida Vini del Gambero Rosso 2015 che, oltre agli ambiti Tre Bicchieri, assegna anche 9 Premi Speciali, che celebrano i migliori vini e le migliori cantine in tutta Italia. “Una piccola azienda che in pochi anni ha saputo crescere in qualità e si sta costruendo una solidissima reputazione con i suoi vini del Collio, non solo in Italia ma anche oltre i confini nazionali” questa la motivazione del Premio, che sarà ritirato da Roberto e Sandra Snidarcig il 25 ottobre a Roma.

L’intenso programma delle fiere internazionali per Vini La Delizia prende il via da Mosca. Per promuovere l’enologia della regione Friuli la cantina cooperativa Viticoltori Friulani La Delizia, parteciperà alla ventunesima edizione di Prodexpo, che avrà luogo dal 10 al 14 febbraio presso i padiglioni dell’Expocentre nel cuore della capitale russa. Nonostante le difficoltà dettate da una burocrazia soffocante, il mercato russo del vino gode di ottima salute, con previsioni di crescita nei prossimi cinque anni, soprattutto per il comparto spumanti e dove la cantina Vini La Delizia mira a consolidare il posizionamento dei propri vini, aumentandone i volumi di vendita, che si attestano attualmente a oltre 300 mila bottiglie, di cui il 20% a Prosecco.