Pinterest LinkedIn

È un’Italia a due velocità quella descritta a Roma nel corso dell’assemblea Federvini ed emersa dalla presentazione del primo studio nazionale sulla filiera vino, spiriti e aceti. In controtendenza rispetto a un mercato interno in contrazione, in termini di valore nel 2012 si è registrato un export pari a 4,8 miliardi di euro (+6,7% sul 2011) nel comparto vini e mosti, a fronte di una contrazione in termini di volumi (-8,6%). Germania, Regno Unito Stati Uniti, Cina (+6% in volumi) e Giappone (+16,6% in volumi) i principali mercati.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Nel settore acquaviti di vino e di vinaccia si è evidenziata una riduzione del 13,1% sulle quantità, cui ha fatto fronte un sensibile incremento (+18%) in termini di valore. Positiva, sia per volumi che per valore, la performance della grappa, mentre i liquori e le altre bevande alcoliche hanno registrato un +11,3% sui volumi e un +4,8% in valore. Gli aceti sono leggermente cresciuti sia in termini di volumi (+0,7%) che di valore (+5,89%). Per quanto riguarda i mercati di sbocco, nel settore del vino il 52,7% del valore va riferito all’Unione europea, mentre il 47,3% ai Paesi extra Ue. Il settore acquaviti è stato concentrato per il 73,2% in ambito continentale, unitamente ai liquori che esportano il 67,9% in UE. Controcorrente gli aceti, di cui il 48,7% è destinato al mercato europeo e il 51,3% ai paesi extra UE.? Traducendo in cifre, il settore genera un valore aggiunto di 13,2 miliardi di Euro (pari allo 0,83% del Pil nazionale), occupa quasi 1.200.000 addetti (pari al 5,1% della forza lavoro totale in Italia) e assicura entrate fiscali e contributive per 8,5 miliardi di Euro (1,3% del totale italiano). Nonostante le invidiabili performances, tuttavia, il settore soffre una serie di problemi che vanno da una scarsa attenzione delle istituzioni a una serie di mancanze nell’attività di promozione verso i mercati esteri, che si aggiungono a problemi di carattere più ‘strutturale’ prevalentemente legati a costi, burocrazia e regimi normativi.

Grossisti importatori distributori bevande alimentari Banchedati Database excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Tabella Campi records Industria Alimentare e Ingrosso

Per fronteggiare il costante decremento dei livelli di consumo registratosi anche nel 2012, il presidente di Federvini, Lamberto Vallarino Gancia, ha proposto un chiaro indirizzo: “Occorre adottare strategie condivise tra i diversi attori della filiera produttiva, per creare accordi che permettano di entrare in mercati dalle enormi potenzialità (come il Brasile) ma complessi. Una prima opportunità saranno sia i prossimi Campionati del mondo di calcio, che si giocheranno nel 2014 in Brasile ma, soprattutto, Expo 2015 a Milano, una vetrina che gli addetti ai lavori dovranno valorizzare compiutamente”. La richiesta principale del comparto è semplice: essere riconosciuto come un elemento vitale del Sistema Paese, in grado di fungere da traino del made in Italy anche in mercati meno esplorati.

“Per sfruttare queste opportunità e affrontare la fase di contrazione economica e dei consumi, è necessario creare una mentalità di squadra tra i diversi attori del settore, affinché si agisca in rete e si mettano in atto politiche comuni”, ha dichiarato Gancia.

+info: agronotizie.imagelinenetwork.com/agricoltura-economia-politica/2013/06/06/federvini-gioco-di-squadra-per-uscire-dalla-crisi/33493

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

8 − 3 =