Pinterest LinkedIn

Ignorata per molto tempo, è oggi uno dei tipi di birra più popolari: la Kellerbier! Questa bellezza non filtrata ha una storia secolare, un aspetto unico e un gusto che fa venir voglia di fare il bis. Non c’è quindi da stupirsi che la Kellerbier faccia tendenza. Ecco tutto quello che c’è da sapere su questa tipologia non filtrata.

Breve storia della Kellerbier

La Kellerbier è nata nella seconda metà del Medioevo in Baviera, più precisamente in Franconia. Prima dell’invenzione di efficienti metodi di raffreddamento, la birra veniva prodotta principalmente nei mesi invernali e conservata nelle cantine dei birrifici o dei monasteri per la fermentazione e la maturazione. A questo scopo si utilizzavano soprattutto botti di rovere senza tappo, anche detto cocchiume.

L’assenza del cocchiume permetteva la fuoriuscita della CO2 prodotta durante la fermentazione e le condizioni ambientali ideali della cantina impedivano qualsiasi influenza negativa sulla birra. Poiché la Kellerbier non veniva né pastorizzata né filtrata, non perdeva quasi per nulla il suo aroma e il suo sapore.

Che cos’è la Kellerbier?

Il nome Kellerbier significa letteralmente “birra della cantina”, poiché le birre venivano fatte maturare nella cantina dei birrifici. L’etimologia quindi è piuttosto semplice, ma determinare cosa sia esattamente una Kellerbier è ben più difficile. In realtà, non esiste una definizione giuridicamente vincolante di Kellerbier. La caratteristica fondamentale è la naturale torbidezza, dovuta al fatto che la birra non viene filtrata e quindi la maggior parte delle sostanze torbide rimangono. Oltre all’aspetto caratteristico, queste fanno sì che la Kellerbier sia particolarmente ricca di vitamine e sostanze nutritive.

A parte questo, però, non ci sono praticamente alcune caratteristiche obbligatorie per una Kellerbier: può essere chiara o scura, di solito si tratta di una birra a bassa fermentazione, ma può anche essere a alta fermentazione e, a seconda dello stile di base, può mostrare un’ampia varietà di sfaccettature gustative. È proprio questo che rende la Kellerbier così entusiasmante!

 

Differenza con Zwickelbier

Il termine Zwickelbier, Zwickel o Zwickl è spesso usato come sinonimo di Kellerbier, ma in realtà esiste una sottile differenza tra i due. Il termine Zwickelbier deriva dal cosiddetto Zwickel, uno spinotto usato dal mastro birraio per assaggiare qualsiasi birra direttamente dal serbatoio di maturazione. Poiché anche la Kellerbier viene servita o confezionata direttamente dal medesimo serbatoio, possiamo affermare quanto segue: ogni Kellerbier è una Zwickelbier, ma non ogni Zwickelbier è una Kellerbier.

Varianti: Zoigl e Kräusen

Un’altra forma particolare di Kellerbier è la Zoigl del Land Oberpfalz. Questa birra viene prodotta nelle cosiddette Kommunbrauhäusern, birrifici comuni simili ad associazioni finanziate dai cittadini. Il mosto viene bollito nel birrificio comune e poi i cittadini lo portano a casa per terminare la birrificazione nella propria cantina. È così che su un territorio molto piccolo si creano tantissimi microstili incredibilmente diversi, poiché ogni birraio segue la propria ricetta. Dal 2018, infatti, la birra Zoigl fa parte del patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO in Germania.

Anche la cosiddetta Kräusenbier può essere classificata come Kellerbier a causa della sua naturale leggera torbidità. La particolarità della Kräusenbier è che una piccola quantità di birra giovane ancora in fermentazione viene aggiunta alla birra matura prima del travaso finale. Di conseguenza, il Kräusen matura ulteriormente nella botte o nella bottiglia e acquisisce un sapore e una freschezza ancor più notevoli.

Distelhäuser Kellerbier

La Kellerbier del birrificio Distelhäuser illustra bene quanto sia flessibile la definizione di Kellerbier. A differenza delle classiche varietà, questa Kellerbier è prodotta con lievito a bassa fermentazione. Per questo, i mastri birrai hanno sviluppato una propria ricetta, che prevede l’uso di malto di frumento e la fermentazione in vasche aperte. Il risultato è una Kellerbier di colore giallo miele, naturalmente torbida, con aromi eccezionalmente freschi e fruttati e una leggera nota di caramello al palato.

HB München Winterzwickl

La Winterzwickl di HB München è la birra perfetta per la stagione fredda. Essendo una Zwickelbier, è naturalmente torbida e ancora più corposa di una classica Dunkel monacense. Marrone scuro con aromi fruttati di malto al naso, armoniosa al palato con note di caramello, cioccolato e una sottile nota maltata.

Fonte:
www.birrekiem.com

Scheda e news:
K. Kiem Srl/ GmbH

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Scrivi un commento

sedici − 4 =