0
Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

In Marocco, dimenticate i vini francesi e provate i vini marocchini, ne vale la pena! In effetti, il regno nord africano  è un eccellente produttore di vini, soprattutto rosè e grigi, ma anche bianco e rosso.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Una gamma abbastanza ampia, perché il Marocco produce ogni anno 35 milioni di bottiglie di vino, e ciò ne fa il secondo più grande esportatore di vino in Africa, subito dopo il Sudafrica.

La tradizione vinicola del Marocco risale all’antichità e i Romani sono stati lieti dei vini prodotti a Volubilis, nei pressi di Meknes.

Ad oggi non sono molto famosi, se ne parla solo quando c’è qualche piccolo scandalo, ad esempio l’export senza etichetta per essere mischiati in Francia a Bordeaux, Borgogna o Côtes du Rhône.

In ogni caso, fino al 1955, il Marocco ha coltivato 100 000 ettari di viti e prodotto più di 5 milioni di ettolitri di vino.

Grossisti importatori distributori bevande alimentari Banchedati Database excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Tabella Campi records Industria Alimentare e Ingrosso

La fine del Protettorato Francese e dei viticoltori coloni, la nazionalizzazione della terra e il ritorno ai principi dell’Islam hanno frenato questi impulsi promettenti.

E ‘stato con Hassan II, nei primi anni Novanta, che l’attività ripresa. Grazie a condizioni interessanti, alcuni dei grandi nomi del settore si sono stabiliti in Marocco e hanno rilanciato la produzione (Castel, Bernard Magrez, ecc …). Ed è un marocchino, Brahim Zniber, che con i Celliers di Meknes ha davvero rivitalizzato il settore. Oggi, con quasi l’80% della produzione, è l’attore principale della viticoltura marocchina e produce l’unico DOC marocchino, Côteaux-de-l’Atlas.

Anche se il vino marocchino soffre ancora un po ‘dalla sua immagine di “vino etnico”, comincia a scavarsi una piccola reputazione. Sono varie le aree da scoprire e testare,  Roslane, Domaine Sahari Reserve, S Siroua, Eclipse, Ithaca, Terra rossa e Terres Blanches o Epicuria Volubilia.

Lumire Vino

E perché non provare il Lumière, il cuvee di lusso nato dalla collaborazione dell’attore Gerard Depardieu con il distributore Bernard Magrez.

All’edizione 2015 di Vinexpo, una delle fiere più importanti del mondo, la rivista Sommellerie Internationale ha prodotto un numero speciale del Marocco per 50.000 copie. Di recente, è un sito americano specializzato in spirits, Vinepair, che ha classificato il Marocco tra i 7 paesi produttori di vino “inattesi” da scoprire, gli altri sono il Libano, Brasile, Inghilterra, Uruguay, Messico, Macedonia.

Quindi non sorprende che il Marocco sarà l’ospite d’onore della 41esimao salone internazionale del vino, che si terrà dal 21 al 22 aprile a Bordeaux.

Organizzato sotto forma di degustazione, è la più grande competizione internazionale del vino in Francia. Il Marocco parteciperà con non meno di 33 vini da 5 produttori nazionali. Una bella rappresentazione e, forse, una consacrazione per uno o due vini marocchini… In ogni caso, una grande opportunità per abbattere i pregiudizi sui vini del Regno collocandoli sul fronte della scena internazionale. Questo potrebbe favorire un settore che già impiega più di 20.000 persone in Marocco.

© Riproduzione riservata

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

4 × 1 =