Beverfood.com
| Categoria Notizie Vino | 3053 letture

MEDIOBANCA MBRES: il vino italiano continua a crescere all’estero

Mediobanca Mercato Vini Scenario Competitivo Vini Studi E Ricerche Mbres Vino Italiano Estero

Mbres Vino Mediobanca Mercato Vini Italiano Studi E Ricerche Scenario Competitivo Vini Estero

L’Area Studi di Mediobanca presenta l’aggiornamento annuale dell’indagine sul settore vinicolo italiano. Il faro è puntato su 122 società produttrici con fatturato superiore ai 25 milioni di euro nel quadriennio 2009-2013. Oltre al mercato italiano lo studio include l’analisi aggregata di 13 tra le maggiori imprese internazionali quotate con fatturato superiore a 150 milioni di euro e l’esame dell’andamento dell’indice mondiale di Borsa delle imprese vinicole quotate tra il 2001 e il 2015.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

InfograficaMB_Vini

 

Tra i punti di rilievo: il forte il contributo delle vendite estere sul fatturato italiano nel 2014; il solido aumento degli investimenti (+10%) nonostante la flessione dello 0,4% per l’intera economia; lo sviluppo del mercato asiatico (+16,9% le vendite sul 2013); la performance dell’indice di Borsa mondiale del settore vinicolo in crescita del 336,5% da gennaio 2001; le attese prudenti per il 2015 (il 50% degli intervistati si attende una crescita delle vendite ma sotto il 5%). L’indagine completa è disponibile per il download sul sito www.mbres.it

Continua la corsa dello spumante italiano all’estero

Nonostante le vendite domestiche in Italia siano rimaste invariate rispetto al 2013, il fatturato estero dei maggiori produttori con passaporto italiano cresce del 2,8%, trainando il fatturato complessivo a un +1,4%. Gli spumanti confermano il trend positivo dello scorso anno e guidano la crescita con un +4,1% sul 2013 sospinti dall’estero (+6,2%). Gli spumanti si riconfermano primi anche nella classifica degli investimenti tecnici segnando un +58% rispetto al 2013. In generale tutto il settore rimane vivace con investimenti tecnici in crescita del 10%: un risultato ancora più significativo se paragonato alla contestuale contrazione dello 0,4% dell’intera economia.

Dal 2014 più export in Asia

Solo il 5% del fatturato estero del vino italiano è realizzato in Asia ma c’è da scommettere che presto questo dato dovrà essere aggiornato visto che nel 2014 l’Asia si è rivelata la destinazione che ha incrementato maggiormente le vendite con un +16,9%. Energica anche la crescita del Nord America (+6,1%), dove si realizza il 32% dell’export, mentre rallentano le esportazioni italiane di vino nei paesi UE (+1,7% sul 2013), che tuttavia si confermano la prima piazza estera per il vino italiano assorbendo il 50% dell’export totale. In flessione invece le esportazioni in Africa, Medio Oriente e gli altri Paesi Europei (non nell’UE) che calano del 3,3%, per una quota pari all’11% del totale; il residuo 1% delle esportazioni va in Sud America.

Chi vince tra i top seller?

Al vertice della graduatoria 2014 per fatturato si riconferma primo il Gruppo Cantine Riunite-GIV con 536 milioni di fatturato. Nonostante le flessioni rispetto al 2013, al secondo gradino del podio rimane Caviro con 314 milioni, segue Campari (209 milioni). Cresce invece il fatturato del Gruppo Antinori a 180 milioni (+4,8% sul 2013) che si colloca in quarta posizione davanti alla cooperativa Mezzacorona, quinta a 171 milioni (+5%). Record di crescita nel 2014 spetta alla forlivese Mgm che passa da 66 a 73 milioni (+10,1%), seguita da Ruffino che sale da 75 a 81 milioni (+8,4%). Se invece si considera la proiezione estera la medaglia d’oro va a Ruffino, che realizza all’estero il 92,9% del fatturato, seguita da Masi Agricola (90,5%) e da Fratelli Martini (89,5%). La più grande azienda nostrana, Cantine Riunite-GIV, supera la cinese Yantai Changyu che continua ad arretrare, e si attesta sesta a livello mondiale (preceduta dalla cilena Viña Concha y Toro).

Il Veneto davanti a tutti

La classifica dei produttori in base alla forza dei loro bilanci vede in testa la veneta Botter. Seguono l’emiliano-romagnola Cantine Turrini, Masi Agricola, anch’essa veneta, e la toscana Ruffino. Veneto e Toscana registrano i ROE maggiori, rispettivamente del 9,8% e del 5,3% nel 2013.

…Che aspettative per il 2015?

L’82% degli intervistati non prevede un calo delle vendite per l’anno a venire, ma sono solo il 9% gli ottimisti che prevedono una buona annata nel 2015 con crescita delle vendite superiore al 10%. Nell’insieme prevale quindi la prudenza e senza gli exploit del 2011 e 2012: il 50% degli intervistati ritiene di non poter accrescere le vendite del 2015 oltre il 5%; ma l’euro debole forse darà una mano.

La Borsa brinda alla prima matricola italiana

Il 2015 ha portato con sé un avvenimento importante: la prima quotazione di una società vinicola italiana, l’Italian Wine Brands, controllante della Giordano Vini, nel mese di gennaio. Secondo l’analisi della performance dell’indice di Borsa mondiale del settore vinicolo elaborato da Mediobanca, investire nel vino sembra essere stato un ottimo affare. Il dato che emerge infatti è che da gennaio 2001 l’indice di Borsa mondiale del settore vinicolo è cresciuto del 336,5%, un risultato ben al di sopra delle Borse mondiali che hanno segnato un più modesto progresso dell’87%.  Infine le migliori performance dei titoli vinicoli in termini relativi (ossia al netto delle dinamiche delle Borse nazionali) sono segnate dal Nord America (+447%) e dalla Francia (+74%). Tuttavia non tutte le piazze hanno registrato un dato positivo: Australia -17,1%, Cile -30% e Cina -65%.

 +INFO: media.relations@mediobanca.com  Sonia.Hason@mediobanca.com

Catering Ristorazione Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

 

+ COMMENTI (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Mercato Vini Vino Scenario Competitivo Vini Mediobanca Italiano Estero Studi E Ricerche Mbres


ARTICOLI COLLEGATI:

Il mondo della prima colazione secondo una ricerca Doxa- Unionfood

Il mondo della prima colazione secondo una ricerca Doxa- Unionfood

23/09/2019 - La prima colazione è oggi una buona abitudine a cui non rinunciano circa 9 italiani su 10. Ben l’88% dei nostri connazionali la consuma infatti tutti i giorni (o quasi), ...

Bicchieri di plastica: alterano il sapore del caffè?

Bicchieri di plastica: alterano il sapore del caffè?

10/09/2019 - Avete provato a chiedervi se il sapore del caffè dipenda anche dal contenitore in cui lo degustate? Ok, l'erba del vicino è sempre più verde e così anche la bontà del caf...

La Cina chiama, l’Australia risponde: così si alimenta il mercato del vino asiatico

La Cina chiama, l’Australia risponde: così si alimenta il mercato del vino asiatico

05/09/2019 - Una potenza già tale, eppure con un margine di miglioramento ancora estremo. Leader in pressoché qualsiasi settore, la Cina sta iniziando a dominare anche il mercato vini...

Il vino rosso tutela l’intestino: lo dice una nuova ricerca britannica

Il vino rosso tutela l’intestino: lo dice una nuova ricerca britannica

30/08/2019 - Che non sia una scusa per esagerare o farvi belli mentre vi versate il quinto bicchiere della serata. Ma un recentissimo studio del King's College di Londra ha confermato...

Succo di arancia: un fedele alleato dello stile di vita sano ed equilibrato

Succo di arancia: un fedele alleato dello stile di vita sano ed equilibrato

21/07/2019 - Alcuni operatori sanitari esprimono preoccupazioni sul fatto che bere succo di frutta possa provocare un aumento di peso nel paziente. Ciò è stato esaminato in tre studi ...

Lievitano le giacenze di Cantina Italia, scendono i prezzi del vino, si accelera nell’export

Lievitano le giacenze di Cantina Italia, scendono i prezzi del vino, si accelera nell’export

03/07/2019 - È la fotografia data da Vite&Vino – bimestrale de L’Informatore Agrario in uscita lunedì 8 luglio – a uno dei prodotti bandiera del made in Italy. Un quadro complesso...

Ricerca IXE’/Montaditos: gli italiani preferiscono i prodotti di origine certificata

Ricerca IXE’/Montaditos: gli italiani preferiscono i prodotti di origine certificata

24/06/2019 - Gli italiani confermano la loro preferenza per i prodotti dall’origine certificata. Un’abitudine di consumo rimasta per lo più stabile negli ultimi anni: infatti, secondo...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

due × uno =