Pinterest LinkedIn

Banca Monte dei Paschi di Siena rinnova il sostegno ai produttori del “Consorzio Chianti Colli Senesi” attraverso la sottoscrizione di una convenzione dedicata alle aziende vitivinicole associate presenti nella provincia di Siena. Il documento è stato firmato ieri a Siena dal direttore territoriale mercato BMps di Siena, Giovanni Ametrano, e dal presidente del Consorzio, Cino Cinughi de’ Pazzi. La convenzione prevede un pacchetto di misure ad hoc a condizioni agevolate, dedicate alle esigenze della filiera vitivinicola in un momento particolare per il mercato che richiede prodotti caratterizzati da sempre maggior qualità e che, quindi, presuppongono innovazione e attenzione crescenti in vigna così come in cantina.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

“La vitivinicoltura è uno dei settori cardine del sistema produttivo e dello stile italiano – commenta Giovanni Ametrano, direttore territoriale mercato BMps a Siena – che trova nella Toscana, e nelle Terre di Siena, uno dei suoi centri di eccellenza. Il sostegno a piccoli e grandi viticoltori è da sempre una delle mission di Banca Monte dei Paschi, che storicamente fonda le sue radici proprio nell’agricoltura e nella cura del territorio. Con questo accordo BMps continua a seguire le esigenze delle cantine e dei produttori locali per favorire gli investimenti che creano ricadute positive nell’indotto e fanno crescere le eccellenze”. La dinamicità degli imprenditori agricoli e vitivinicoli in particolare è fondamentale perché costituisce un presidio di sviluppo economico e di salvaguardia dell’ecosistema oltre a rappresentare un biglietto da visita culturale tra i più appetiti dai consumatori che sanno apprezzare il legame tra prodotti e territorio.

Soddisfazione espressa anche dalle parole di Cino Cinughi de’ Pazzi, presidente del Consorzio Chianti Colli Senesi – “Questo accordo – dice Cinughi – arriva in un momento estremamente delicato del panorama economico di tutto il comparto enologico non solo senese ma anche italiano, venendo a configurarsi come un valido e concreto supporto alle aziende che si trovano dinanzi alla necessità di impiantare o reimpiantare dei nuovi vigneti, sia per ampliare la propria produzione, ma anche per implementarne la qualità, potendo contare inoltre sui preziosi finanziamenti a medio termine per rinnovare le costose attrezzature di campagna e di cantina, importanti costi fissi per ogni azienda agricola.” Tra le misure previste dall’accordo ci sono, infatti, una linea di finanziamento per impianto e reimpianto di vigneti, una dedicata all’invecchiamento vini, una per l’acquisto di macchine per la lavorazione delle viti (quali cimatrici, spollonatrici, legatrici eccetera) e per l’attrezzatura di cantina (vasi vinari come botti e tini, pompe, filtri, attrezzatura minuta eccetera) e una per l’anticipo di spese di produzione.

Grossisti importatori distributori bevande alimentari Banchedati Database excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Tabella Campi records Industria Alimentare e Ingrosso

Storicamente parlando, le origini del Consorzio Chianti Colli Senesi risalgono alla prima metà del secolo scorso, ma è il 2001 l’anno di ricostituzione ufficiale con il conseguente effettivo ingresso sulla complessa scena della produzione enologica nazionale. La collocazione geografia del Chianti Colli Senesi poi è molto articolata, perché si parla di un complesso “arcipelago di territori” e di produttori grandi e piccoli, che abbraccia le località più belle di tutta la provincia di Siena, a partire da nord, con la zona di San Gimignano, Poggibonsi, Colle Val d’Elsa, Monteriggioni e Castelnuovo Berardenga, giungendo a sud ovest, con il territorio chianino di Sinalunga, Torrita di Siena, Montepulciano, Pienza, Chianciano e Chiusi e infine a sud ovest, con Murlo e Montalcino. Nonostante l’estrema frammentarietà e la varietà dei terroir che lo compongono, la forza di questa denominazione risiede proprio nell’ampia gamma di espressioni che essa riesce a dare e nell’ottimo rapporto qualità/prezzo di questi prodotti, grazie proprio alle differenziazioni insite nella propria struttura territoriale. A fianco di grandi cantine sociali e grandi produttori, che uniscono numeri importanti a commercializzazione globale e professionale, ci sono infatti anche tanti piccoli viticoltori, uniti da valori comuni e da quel requisito di qualità irrinunciabile per la loro stessa sopravvivenza sul mercato.

+info: Ufficio.Stampa@banca.mps.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo: No. 3 London Dry Gin  - Food is The Key - distribuito in Italia da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina