Tag

Ago Perrone

Browsing

Diageo Reserve World Class è la competizione internazionale istituita da Diageo Reserve, la divisione luxury di Diageo per diffondere la cocktail culture ispirata dai bartender di maggior talento. Quest’anno l’ambita nomina di Diageo World Class Global Bartender of the Year è andata al barista norvegese Adrián Michalčík, vincitore della finale svoltasi il 15 settembre a Sydney, in Australia, dopo essere stata disputata per la prima volta in formato digitale  l’anno scorso a causa delle restrizioni dovute al Covid-19.

Dal tetto del mondo del bar, al luogo simbolo dell’aperitivo. Il filo rosso è l’italianità tradizionale ed eccellente, quella di Agostino Perrone e Giorgio Bargiani, che rispettivamente da Como e Pisa sono arrivati al primo posto nella classifica dei 50 bar migliori al mondo, alla guida del Connaught di Londra. E che per una sera lunedì 25 ottobre sono stati dietro al bancone (uno fisso, l’altro itinerante…) del Camparino in Galleria, che mette un altro tassello di qualità nella sua serie di guest shifts inaugurata a inizio mese.

Monica Berg in cima al mondo (del bar). La bartender e imprenditrice norvegese di origine asiatica, è stata eletta al primo posto nella annuale lista delle personalità più influenti del settore bar, edita da Drinks International: pensatori profondi, carismatici e capaci di spostare la linea degli equilibri con  le loro idee, come Monica ha dimostrato di essere, grazie a iniziative di comunicazione durante il lockdown, e con il lavoro al suo bar, Tayer+Elementary. Numerose…

Una leggenda vivente nel mondo del bar, Ago Perrone ha raggiunto la definitiva consacrazione con il primo posto nella classifica  World’s 50 Best Bars. Un successo targato Italia con il team del Connaught Bar di Londra composto da tanti connazionali, sotto la guida del super tridente tricolore formato da Agostino Perrone, Director of Mixology, del pisano Giorgio Bargiani, Head Mixologist e Maura Milia, Bar Manager cagliaritana. Abbiamo fatto un tuffo indietro negli anni per raccontare la sua storia da copertina. Passione, talento, determinazione, professionalità e tanti sacrifici che hanno permesso al bartender classe’78 originario di Maslianico, un piccolo paese alle porte di Como al confine con la Svizzera, di raggiungere il tetto del mondo. Una storia da raccontare alle nuove e vecchie generazioni, un punto di riferimento per tutto il settore della mixology e orgoglio del bar made in Italy.