Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Si fa presto a passare da prodotto borderline a bene di prima necessità. Uno studio più approfondito, un’interpretazione più funzionale o semplicemente la comprensione dei bisogni dei cittadini. Che piaccia o no, la cannabis rimane argomento di discussione e per lo più di apprezzamento per italiani e non; a maggior ragione nel momento storico attuale, dove la reperibilità è difficoltosa e il pericolo di criminalità concreto. Ci pensano imprenditori e giovani smart: cannabis light legale, e il problema è risolto.

Non è una novità di certo: la cannabis light, che contiene meno dello 0.5% di THC (la componente psicotropa del prodotto) è venduta da svariati anni, da quando nel 2013 un regolamento europeo ha permesso la coltivazione a uso industriale, per ovvi motivi bombardata di necessità burocratiche e certificazioni legali e sanitarie. Ma se fino alla fine dello scorso anno poteva annoverarsi trai prodotti di un mercato di nicchia, adesso sta vivendo un vero e proprio tsunami di richieste: la marijuana vera e propria, illegale, è difficilissima da recuperare a causa dell’assenza dei pusher, che con le strade piantonate dalle pattuglie non possono muoversi. Ecco allora il ricorso a quella legale, che manca dell’elemento trip, ma conserva quello relax. E in tempi come questi non è esattamente un dettaglio da poco.

Easyjoint, JustMary e brand simili stanno vivendo un momento d’oro, grazie a un sistema di delivery capillare, condizioni igienico sanitarie e normative perfette, e una richiesta che è ormai decollata. Gli ordini sono aumentati del 300%, specialmente in città ben collegate come Milano, Roma, Firenze e Torino; e la lavorazione va gonfiandosi di conseguenza, con il 50% in più di piantumazioni previste per il 2020/21. I rider sono tutti muniti di dispositivi di protezione individuale e Pur ottenibile tranquillamente in negozi specifici e addirittura tabaccherie, la cannabis light non aveva mai ottenuto il riscontro di queste settimane, evidentemente sempre battuta dal confronto con la sorellastra da sballo e illegale. Almeno in Italia.

Negli Stati Uniti, infatti, il consumo di cannabis è perfettamente legale in undici stati, che hanno di conseguenza visto esplodere le richieste negli ultimi due mesi: la marijuana è addirittura stata classificata come bene di prima necessità in Alaska, Illinois, California, Nevada e Washington, con annessa apertura dei punti vendita al pari di supermercati e farmacie. In Olanda, culla della cultura del consumo di ganja, il governo si è visto costretto a far rialzare le saracinesche dei coffe shop, presi d’assalto per le necessarie e importanti scorte da quarantena. E in Italia? Uno spiraglio c’è: con una sentenza depositata il 16 Aprile 2020, le Sezioni Unite Penali della Cassazione hanno affermato che coltivare in casa piantine di cannabis non è reato. Queste devono essere però destinate esclusivamente all’uso personale.

Torna quindi prepotente il discorso CBD, i cannabinoidi, che nel 2017 sono stati etichettati come beni vegetali edibili, e quindi legali nel momento in cui rispettano il limite di THC, che come per la cannabis light è di 0,5%. Il mercato del food and beverage, soprattutto estero, pare aver intuito il trend di consumo, che punta sulla sensazione di benessere e rilassatezza e sui principi benefici del CBD assunto in dosi corrette, discostandosi dalle conseguenze psicoattive della marijuana tradizionale. Bevande funzionali, tè e infusi, birra: all’ultimo Beer and Food Attraction anche uno spumante. Il mondo del bere è già pronto e incline all’utilizzo della cannabis. Chissà che tra le mille conseguenze di questi giorni assurdi, non potrà esserci una riconsiderazione della cannabis in ambito alimentare: il gettito derivato potrebbe essere importante, considerando l’enorme filiera che si collega al prodotto, dai coltivatori ai distributori, ai punti vendita. Per non parlare della lotta indiretta, e neanche tanto, allo spaccio. Quello, sì, sarebbe uno sballo.

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Acqua RED Coralba Superfrizzante. Un’acqua da “Ape”!

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina