0
Pinterest LinkedIn

L’indicatore composito ICO è stato in media 96,07 cent / lb in agosto 2019, in calo del 6,7% da luglio 2019. Dall’alto dei 111,21 cent / lb nell’ottobre 2018 all’inizio della stagione del caffè, l’indicatore composito ICO mensile è diminuito del 13,6 %. Ad agosto, l’indicatore composito giornaliero variava tra un minimo di 94,29 centesimi / lb il 19 agosto e un massimo di 97,43 cent / lb l’8 agosto. Eccesso di offerta continua a gravare sul mercato, esercitando una pressione al ribasso sui prezzi.

Annuario Coffitalia Caffè Italia Scarica Gratis
Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi Scarica Gratis in versione PDF

Prezzi

I prezzi per tutti gli indicatori di gruppo sono scesi nell’agosto 2019. Dopo aver recuperato il 4,7% il mese scorso, i prezzi dei prodotti naturali brasiliani sono diminuiti del 9,1% a 95,85 centesimi / lb a causa della preoccupazione per il clima avverso dissipato. Altre Milds sono diminuite del 6,8% a 126,23 centesimi / lb USA mentre le Mild colombiane sono scese del 6,1% a 129,2 cent / lb USA. Data la maggiore riduzione dei prezzi di altre muffe, il differenziale tra le colombiane e altre muffe è aumentato del 37,5% a 2,97 centesimi di dollaro USA / lb. I prezzi della Robusta sono diminuiti del 4,3% a 70,78 centesimi di dollaro USA, che è la media mensile più bassa degli ultimi 12 mesi.

Ad agosto, l’arbitraggio tra i caffè Arabica e Robusta, misurato sui mercati a termine di New York e Londra, è diminuito per la prima volta in quattro mesi a 38,97 cent / lb USA, l’11,8% in meno rispetto a luglio 2019. La volatilità infragiornaliera dell’indicatore composito ICO è sceso di 2,3 punti percentuali al 6,9% con il calo della volatilità infragiornaliera di tutti gli indicatori del gruppo. Tra gli indicatori del gruppo Arabica, la volatilità infragiornaliera dei prodotti naturali brasiliani è diminuita di 2,7 punti percentuali al 9,3%, di altri delicati di 2,5 punti percentuali al 7,2% e di quelli delicati colombiani di 2,1 punti percentuali a 6,6%. La volatilità infragiornaliera di Robusta è scesa al 5,6%, 1,3 punti percentuali in meno rispetto allo scorso mese.

 

 

Produzione

La produzione globale di caffè nell’anno 2018/19 è stimata in 169,73 milioni di sacchi, con un aumento di 3,9% dal 2017/18. La produzione in Sud America è stimata in aumento del 4,9% a 81,13 milioni di sacchi, il che include una revisione al rialzo di poco meno di un milione di sacchi per il Brasile dello scorso mese. Uscita dall’Asia E si stima che l’Oceania salirà del 4,1% a 48,68 milioni di sacchi e dall’Africa aumenterà del 2,9% a 18,21 milioni di sacchi. La produzione in Messico e in America Centrale è stimata solo allo 0,4% in più a 21,72 milioni di borse.

 

 

Esportazioni

A luglio 2019, le esportazioni mondiali di caffè sono aumentate del 9,5% a 11,34 milioni di sacchi rispetto a luglio 2018, supportate da abbondanti forniture e prezzi più elevati. Le esportazioni globali nei primi dieci mesi dell’anno caffè 2018/19 sono cresciute del 10,2% a 109,41 milioni di sacchi. Le spedizioni di prodotti naturali brasiliani sono aumentate del 27,6% a 35,08 milioni di sacchi da ottobre 2018 a luglio 2019. Le colombiane mite sono aumentate del 7,6% a 12,59 milioni di sacchi, mentre le esportazioni di Robusta sono aumentate del 6,9% a 38,90 milioni di sacchi nei primi dieci mesi dell’anno del caffè. Altri prodotti delicati hanno raggiunto 22,83 milioni di sacchi, il 3,7% in meno rispetto a ottobre 2017 a luglio 2018.

Nei primi dieci mesi dell’anno caffè 2018/19, le esportazioni di caffè verde hanno rappresentato il 91,3% delle esportazioni totali, pari a 99,86 milioni di sacchi. Questa tendenza attuale è solo leggermente inferiore a quella osservata tre decenni fa, quando le esportazioni verdi rappresentavano circa il 95% delle esportazioni totali, indicando che nei paesi importatori rimane molto valore aggiunto. Le spedizioni di caffè solubile rappresentano l’8,3% del totale, mentre le spedizioni di caffè tostato rappresentano solo lo 0,4%. Le esportazioni totali di caffè solubile hanno raggiunto 9,06 milioni di sacchi e le esportazioni di caffè torrefatto hanno raggiunto 487.080 sacchi nei primi dieci mesi dell’anno caffè 2018/19.

 

 

Da ottobre 2018 a luglio 2019, il Brasile ha spedito 31,83 milioni di sacchi di caffè verde, il 38,4% in più rispetto allo stesso periodo di un anno fa e rappresentava circa il 31,9% di tutte le spedizioni di caffè verde. Le esportazioni di caffè verde dal Viet Nam hanno raggiunto 22 milioni di sacchi nei primi dieci mesi dell’anno caffè 2018/19, rappresentando il 22% del totale e rendendolo il secondo maggiore esportatore di caffè verde. Le esportazioni colombiane di caffè verde sono aumentate del 7,1% a 10,52 milioni di sacchi con l’aumento della produzione. Tuttavia, le esportazioni verdi sia dall’Honduras che dall’Uganda sono diminuite, diminuendo del 2,3% a 6,29 milioni di sacchi e del 3,1% a
3,6 milioni di borse, rispettivamente. Le destinazioni principali per il caffè verde erano gli Stati Uniti, la Germania, il Belgio, l’Italia e il Giappone. Il volume totale spedito in questi cinque paesi ha raggiunto 32,48 milioni di sacchi, pari al 32,5% di tutte le esportazioni verdi da ottobre 2018 a luglio 2019.

Messico, Colombia, Vietnam, Brasile e Repubblica Dominicana rappresentano i cinque maggiori esportatori di caffè torrefatto tra i paesi produttori di caffè, rappresentando il 92,7% delle esportazioni totali di caffè torrefatto nei primi dieci mesi dell’anno caffè 2018/19. Il Messico ha spedito 183.832 sacchi di caffè tostato mentre la Colombia ha esportato 124.560 sacchi. Le esportazioni del Viet Nam di caffè torrefatto sono diminuite del 19,8% a 116.407 sacchi e le esportazioni brasiliane di caffè torrefatto sono diminuite dell’1,1% a 15.874 sacchi. Tuttavia, la Repubblica Dominicana ha aumentato le sue spedizioni di caffè tostato del 45,9% a 11.054 sacchi. Gli Stati Uniti sono stati la destinazione principale per le spedizioni di caffè tostato, pari a circa il 60% del totale durante i primi dieci mesi del 2018/19.

Il Brasile è stato il maggiore esportatore di caffè solubile nell’ottobre 2018 a luglio 2019, con spedizioni che hanno raggiunto 3,29 milioni di sacchi, il 10,7% in più rispetto allo stesso periodo di un anno fa. L’India ha esportato 1,59 milioni di sacchi, il 10,3% in meno rispetto ai primi dieci mesi dell’anno caffè 2017/18. Le esportazioni solubili dal Vietnam sono aumentate del 48% a 1,06 milioni di sacchi. Le spedizioni solubili in Indonesia sono diminuite del 20,5% a 990.279 sacchi, mentre le esportazioni solubili del Messico sono diminuite del 6,5% a 674.988 sacchi. Gli Stati Uniti, la Federazione Russa, le Filippine, la Germania e la Polonia sono state le principali destinazioni delle spedizioni solubili da ottobre 2018 a luglio 2019.

 

 

Mentre la quota di caffè trasformato non è cambiata molto negli ultimi tre decenni, la trasformazione del caffè all’origine può aggiungere valore, come dimostrano i valori unitari più elevati per il caffè trasformato rispetto a quelli per il caffè verde. Ad esempio, la lavorazione del caffè verde può raddoppiare il valore unitario per le esportazioni del Brasile, mentre il valore unitario per il caffè trasformato in Colombia è circa il 60-75% maggiore di quelli per il caffè verde. I valori unitari medi mensili per il caffè verde esportati dal Brasile e dalla Colombia nel 2018/19 erano rispettivamente di 94,66 cent / lb e 139,07 cent / lb negli Stati Uniti. In confronto, i valori unitari medi di caffè torrefatto dal Brasile erano 224,30 centesimi / lb e dalla Colombia erano 247,76 centesimi / lb. Il valore unitario medio per le esportazioni di caffè solubile del Brasile era di 210,44 centesimi di dollaro USA / lb e per le esportazioni di caffè solubile della Colombia di 221,82 centesimi di dollaro USA / lb. Questa aggiunta di valore, sia per il consumo locale che per i nuovi mercati di esportazione, può sfruttare la crescita sostenuta della domanda nel settore del caffè.

 

 

Consumi

Si stima che il consumo di caffè nel 2018/19 aumenti del 2,1% a 164,77 milioni di sacchi, in linea con il tasso di crescita medio annuo del 2,2% negli ultimi due decenni. Il consumo in Asia e Oceania è stimato in aumento del 3,7% a 35,84 milioni di sacchi, mentre il consumo in Africa dovrebbe aumentare del 3% a 11,88 milioni di sacchi. La domanda in queste due regioni sta crescendo più rapidamente rispetto alla media di lungo periodo e comprende sia i paesi produttori che i mercati emergenti. Si stima che la domanda in Nord America cresca del 2,2% a 30,61 milioni di sacchi, in Europa dell’1,5% a 53,97 milioni di sacchi e in Sud America dell’1,1% a 27,27 milioni di sacchi. Il consumo di Messico e America Centrale è stimato in aumento dello 0,2% a 5,21 milioni di sacchi.

Data la maggiore crescita della produzione rispetto al consumo, il 2018/19 dovrebbe concludersi con un surplus di 4,96 milioni di sacchi. Anche l’anno del caffè 2017/18 si è concluso con un surplus, con un totale complessivo di 7 milioni di sacchi.

Given the greater growth in production compared to consumption, 2018/19 is expected to end in a surplus of 4.96 million bags. Coffee year 2017/18 also ended in surplus, resulting in a cumulative total of 7 million bags.

 

 

+info: www.ico.org


 

ICO: Coffee Market Report august 2019

 

The ICO composite indicator averaged 96.07 US cents/lb in August 2019, dropping 6.7% from July 2019. Since the high of 111.21 US cents/lb in October 2018 at the start of the coffee year, the monthly ICO composite indicator has fallen by 13.6%. In August, the daily composite indicator ranged between a low of 94.29 US cents/lb on 19 August and a high of 97.43 US cents/lb on 8 August. Oversupply continues to burden the market, putting downward pressure on prices.

Prices

Prices for all group indicators fell in August 2019. After recovering 4.7% last month, prices for Brazilian Naturals declined by 9.1% to 95.85 US cents/lb as worry over adverse weather dissipated. Other Milds decreased by 6.8% to 126.23 US cents/lb while Colombian Milds fell 6.1% to 129.2 US cents/lb. Given the larger decrease in Other Milds prices, the differential between Colombian Milds and Other Milds rose by 37.5% to 2.97 US cents/lb. Robusta prices decreased by 4.3% to 70.78 US cents/lb, which is the lowest monthly average in the last 12 months.

In August, the arbitrage between Arabica and Robusta coffees, as measured on the New York and London futures markets, decreased for the first time in four months to 38.97 US cents/lb, 11.8% lower than in July 2019. Intra-day volatility of the ICO composite indicator price fell by 2.3 percentage points to 6.9% as the intra-day volatility of all group indicators declined. Amongst the Arabica group indicators, the intra-day volatility of Brazilian Naturals decreased by 2.7 percentage points to 9.3%, of Other Milds by 2.5 percentage points to 7.2%, and of Colombian Milds by 2.1 percentage points to 6.6%. The intra-day volatility of Robusta declined to 5.6%, 1.3 percentage points lower than last
month.

Production

Global coffee production in coffee year 2018/19 is estimated at 169.73 million bags, an increase of 3.9% from 2017/18. Production in South America is estimated 4.9% higher at 81.13 million bags, which includes an upward revision of just under a million bags for Brazil from last month. Output from Asia & Oceania is estimated to rise by 4.1% to 48.68 million bags, and from Africa to increase by 2.9% to 18.21 million bags. Production in Mexico & Central America is estimated just 0.4% higher at 21.72 million bags.

Exports

In July 2019, world coffee exports rose by 9.5% to 11.34 million bags compared to July 2018, supported by ample supplies and higher prices. Global exports in the first ten months of coffee year 2018/19 grew by 10.2% to 109.41 million bags. Shipments of Brazilian Naturals rose by 27.6% to 35.08 million bags in October 2018 to July 2019. Colombian Milds increased by 7.6% to 12.59 million bags while Robusta exports increased by 6.9% to 38.90 million bags in the first ten months of the coffee year. Other Milds reached 22.83 million bags, 3.7% lower than in October 2017 to July 2018.

In the first ten months of coffee year 2018/19, green coffee exports represented 91.3% of total exports, amounting to 99.86 million bags. This current trend is only slightly lower than that observed three decades ago, when green exports accounted for around 95% of total exports, indicating that much value addition remains in importing countries. Soluble coffee shipments accounted for 8.3% of the total while roasted coffee shipments represented just 0.4%. Total exports of soluble coffee reached 9.06 million bags and roasted coffee exports reached 487,080 bags in the first ten months of coffee year 2018/19.

In October 2018 to July 2019, Brazil shipped 31.83 million bags of green coffee, 38.4% higher than the same period one year ago, and accounted for around 31.9% of all green coffee shipments. Green coffee exports from Viet Nam reached 22 million bags in the first ten months of coffee year 2018/19, representing 22% of the total and making it the second largest exporter of green coffee. Colombia’s green coffee exports rose by 7.1% to 10.52 million bags as production increased. However, green exports from both Honduras and Uganda fell, declining by 2.3% to 6.29 million bags and by 3.1% to 3.6 million bags, respectively. The main destinations for green coffee were the United States, Germany, Belgium, Italy, and Japan. The total volume shipped to these five countries reached 32.48 million bags, accounting for 32.5% of all green exports in October 2018 to July 2019.

Mexico, Colombia, Viet Nam, Brazil, and the Dominican Republic represent the five largest exporters of roasted coffee among coffee producing countries, accounting for 92.7% of total roasted coffee exports in the first ten months of coffee year 2018/19. Mexico shipped 183,832 bags of roasted coffee while Colombia exported 124,560 bags. Viet Nam’s exports of roasted coffee declined by 19.8% to 116,407 bags, and Brazil’s exports of roasted coffee decreased by 1.1% to 15,874 bags. However, the Dominican Republic increased its roasted coffee shipments by 45.9% to 11,054 bags. The United States was the main destination for shipments of roasted coffee, accounting for around 60% of the total during the first ten months of 2018/19.

Brazil was the largest exporter of soluble coffee in October 2018 to July 2019, with shipments reaching 3.29 million bags, 10.7% higher than the same period one year ago. India exported 1.59 million bags, 10.3% lower than the first ten months of coffee year 2017/18. Soluble exports from Viet Nam rose by 48% to 1.06 million bags. Indonesia’s soluble shipments declined by 20.5% to 990,279 bags while Mexico’s soluble exports fell by 6.5% to 674,988 bags. The United States, the Russian Federation, the Philippines, Germany and Poland were the main destinations for soluble shipments in October 2018 to July 2019.

While the share of processed coffee has not changed much in the last three decades, processing coffee at origin can add value, as evidenced by the higher unit values for processed coffee compared to those for green coffee. For example, processing green coffee can double the unit value for Brazil’s exports, while the unit value for Colombia’s processed coffee is around 60-75% greater than those for green coffee. The monthly average unit values for green coffee exported by Brazil and Colombia in 2018/19 were 94.66 US cents/lb and 139.07 US cents/lb, respectively. In comparison, the average unit values for roasted coffee from Brazil were 224.30 US cents/lb and from Colombia were 247.76 US cents/lb. The average unit value for Brazil’s soluble coffee exports were 210.44 US cents/lb and for Colombia’s soluble exports were 221.82 US cents/lb. This value addition, whether for local consumption or new export markets, can take advantage of the sustained demand growth in the coffee sector.

Consumption

Coffee consumption in 2018/19 is estimated to rise by 2.1% to 164.77 million bags, which is in line with the average annual growth rate of 2.2% over the last two decades. Consumption in Asia & Oceania is estimated to rise by 3.7% to 35.84 million bags while Africa’s consumption is set to increase by 3% to 11.88 million bags. Demand in these two regions is growing faster than the long-term average, and includes both producing countries as well as emerging markets. Demand in North America is estimated to grow by 2.2% to 30.61 million bags, in Europe by 1.5% to 53.97 million bags and in South America by 1.1% to 27.27 million bags. Mexico & Central America’s consumption is estimated 0.2% higher at 5.21 million bags.

Given the greater growth in production compared to consumption, 2018/19 is expected to end in a surplus of 4.96 million bags. Coffee year 2017/18 also ended in surplus, resulting in a cumulative total of 7 million bags.

The San Benedetto Lattina special design Naba Edition

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

due × tre =