Beverfood.com
| Categoria Notizie Vino | 4071 letture

In Cina le altissime accise sull’import del vino in bottiglia “pompano” il business del vino sfuso che vie...

Bottiglia Cina Altissime Accise Import Vino Pompano Business Sfuso Viene Imbottigliato Loco

Viene Import Bottiglia Cina Loco Altissime Business Vino Accise Pompano Sfuso Imbottigliato

«La Cina non è vicina al business del vino italiano e la Ferrari, da sola, non basta, nonostante le recenti vittorie sportive, a imporre la leadership del “made in Italy” nel Paese della Grande Muraglia. Lì, infatti, si stanno sviluppando marchingegni commerciali che rischiano di affossare l’enologia italiana». La denuncia di Franco Giaquinta, direttore di Confagricoltura Asti, arriva a pochi giorni dalla chiusura del Vinitaly, il salone enologico internazionale di Verona.  «Il fatto è – chiarisce Giaquinta – che per aggirare le altissime accise che le autorità cinesi hanno imposto sul vino in bottiglia straniero (oltre 250%) si stanno sviluppando società che acquistano vino sfuso italiano o di altri Paesi produttori, come Cile, Usa, Sud Africa e Australia, lo imbottigliano in Cina, aggirando in maniera consistente le accise che vengono abbattute di oltre l’80%, rivendendolo a prezzi fortemente concorrenziali rispetto ai prodotti già confezionati che arrivano dall’estero».

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Le cifre che arrivano da Confagricoltura Asti sono impressionanti. I buyer con gli occhi a mandorla stanno chiedendo alle cantine italiane vini a 1,20 euro a bottiglia. Un prezzo insostenibile per i produttori italiani e piemontesi in particolare che, qualora accettassero le proposte, si vedrebbero costretti a lavorare in perdita. Ecco quindi aprirsi le porte all’importazione in Cina di vino sfuso che ha accise inferiori e consente ai cinesi, che lo imbottigliano in loco, ampi margini di guadagno, ma soprattutto di occupare spazi di mercato tra i piu importanti a livello mondiale.  «Trovare una soluzione in un mercato globalizzato non è facile – avverte Giaquinta -. Tuttavia – aggiunge –, in mancanza di una via di uscita che tagli la strada a questa concorrenza sleale messa in atto da Governo e operatori cinesi, l’Italia e la Ue dovrebbero, come contropartita, ipotizzare di gravare di accise i prodotti che arrivano dalla Cina, agroalimentare in prima fila, in modo di riequilibrare gli effetti negativi di una bilancia commerciale che pende un po’ troppo a favore dei cinesi. Siamo tutti felici – annota il direttore di Confagricoltura Asti – dei successi della Ferrari in campo sportivo e del fatto che la Cina sia il primo mercato della Casa del Cavallino, ma l’Italia è un paese la cui produzione industriale è articolata su vari fronti. Accontentarsi di difenderne uno a scapito di altri, altrettanto strategici, sarebbe un grave errore. Specialmente in un momento di recessione come quello che stiamo attraversando».

+info: ufficiostampa@confagriasti.com

+ COMMENTI (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Pompano Altissime Vino Import Sfuso Imbottigliato Cina Business Bottiglia Accise Loco Viene


ARTICOLI COLLEGATI:

Export vino Italia 2019: nel primo semestre superata la soglia dei 3 miliardi di euro

Export vino Italia 2019: nel primo semestre superata la soglia dei 3 miliardi di euro

14/09/2019 - Nei primi sei mesi del 2019, l’export italiano di vino e mosti ha chiuso i conti in maniera soddisfacente. In totale, il settore in volume ha superato i 10 milioni di ett...

Centrale del latte di Torino: presentata la limited edition firmata Macchiavello e prodotta da O-I

Centrale del latte di Torino: presentata la limited edition firmata Macchiavello e prodotta da O-I

09/09/2019 - Dopo il grande successo ottenuto dalla prima bottiglia impreziosita dai Pulcinella di Emanuele Luzzati, Centrale del Latte di Torino, l’azienda leader in Piemonte per la ...

La Cina chiama, l’Australia risponde: così si alimenta il mercato del vino asiatico

La Cina chiama, l’Australia risponde: così si alimenta il mercato del vino asiatico

05/09/2019 - Una potenza già tale, eppure con un margine di miglioramento ancora estremo. Leader in pressoché qualsiasi settore, la Cina sta iniziando a dominare anche il mercato vini...

ICO: Coffee Market Report luglio 2019

ICO: Coffee Market Report luglio 2019

02/09/2019 - La media mensile dell'indicatore composito ICO è aumentata del 3% a 103,01 centesimi / lb a luglio 2019, che è la media mensile più alta da novembre 2018. Tuttavia, l'ind...

Focus export vini frizzanti: dati, trend e scenario di una tipicità italiana

Focus export vini frizzanti: dati, trend e scenario di una tipicità italiana

29/08/2019 - Il titolo del dossier pubblicato dal Corriere Vinicolo "Bolle ad Alta Fedeltà", ci anticipa una serie di trend e di dati per la fotografia di uno scenario che è stato ana...

Con l’arrivo di Boris Johnson in pericolo l’export di Prosecco in UK

Con l’arrivo di Boris Johnson in pericolo l’export di Prosecco in UK

29/07/2019 - Con l’elezione a premier britannico di Boris Johnson sarà il “nemico del Prosecco” a gestire l’uscita della Gran Bretagna dalla Ue alimentando ulteriori preoccupazioni pe...

Bevande Italia: ripresa della produzione, dei consumi e dell’export nel primo trimestre 2019

Bevande Italia: ripresa della produzione, dei consumi e dell’export nel primo trimestre 2019

12/07/2019 - Secondo l’ultimo report AgrOsserva di ISMEA, il primo trimestre del 2019 vede la ripresa produttiva e dell’export dell’agroalimentare in Italia. Particolarmente brillanti...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

6 + diciannove =