Pinterest LinkedIn

Saranno 300 produttori protagonisti a Olio Capitale rispetto ai 240 dell’edizione 2013 e provenienti da Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Trentino, Veneto: è questa la risposta del comparto olivicolo italiano alla critiche e alle insinuazioni. Trieste diventa dal 7 al 10 marzo la capitale internazionale del movimento dell’olio d’oliva non solo italiano, con presenze negli stand anche di produttori di altri Paesi. Buyer e visitatori professionali provenienti da tutte le parti del mondo, decine di giornalisti e testate accreditati, degustazioni, approfondimenti e scuola di cucina con protagonista indiscusso l’olio extravergine di oliva italiano.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Se da un lato il New York Times ha dapprima attaccato e poi in parte rettificato l’oro giallo della cucina made in Italy, a Olio Capitale sarà presente Curtis Cord, direttore della prestigiosa testata statunitense Olive Oil Times, la fonte di notizie e analisi legate all’olio extra vergine d’oliva più letta a livello internazionale, in qualità di Media Partner. Particolare rilievo assume la sua presenza in fiera alla luce, appunto, delle recenti accuse lanciate dal New York Times sul comparto olivicolo italiano in un articolo, poi ritrattato, contenente diversi “errori e inaccuratezze”. A fronte di un danno di immagine a livello internazionale per l’intero comparto oleario italiano, Olio Capitale si propone come palcoscenico privilegiato per la difesa dell’extravergine di qualità e delle centinaia di produttori che si impegnano per offrire al consumatore finale un prodotto di eccellenza, da sempre bandiera del made in Italy. A questo scopo molte sono le collaborazioni sviluppate da Olio Capitale a livello internazionale, per citarne alcune dal Japan Olive Oil Prize di Tokyo, alla Agence pour la Valorisation des produits Agricoles AVPA di Parigi, da Finefood Shanghai a Food Dubai. Senza trascurare la fitta rete delle Camere di Commercio Italiane nel mondo grazie alla quale nel mese di settembre sono stati nominati in Brasile i primi “ambasciatori” di Olio Capitale.

+info: Aries – Ufficio Stampa e Comunicazione ufficio.stampa@ariestrieste.it andrea.bulgarelli@ariestrieste.it comunicazione@ariestrieste.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

17 − 3 =