Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Non il solito rituale per il Concorso Birra dell’Anno, ma Ritual Lab. Questo il nome del miglior birrificio artigianale italiano del 2020 premiato nel corso della prima giornata di Beer&Food Attraction alla Fiera di Rimini. L’ambito trofeo da parte di Unionbirrai giunto alla 15^ edizione è avvenuto al termine delle premiazioni del Concorso Birra dell’Anno, che ha decretato le migliori birre artigianali italiane per ognuna delle 42 categorie brassicole in gara.

Scarica gratis l'Annuario Microbirrifici
Annuario Microbirrifici

 

Ritual Lab vince avendo la meglio sugli altri 301 birrifici partecipanti, un successo con il punteggio più alto, calcolato con la sommatoria delle valutazioni assegnate alle singole birre iscritte al Concorso Birra dell’Anno.  Una realtà abbastanza giovane ma già affermata nel panorama delle birre artigianali nostrane, Ritual Lab nasce come laboratorio nel 2011 a Formello, in provincia di Roma, per opera di Roberto e Giovanni Faenza, padre e figlio innamorati del mondo brassicolo affiancati nella prima fase dal mastro birraio Emilio Maddalozzo. Quattro anni dopo aprono il birrificio vero e proprio, che nel 2019 viene rinnovato con una sala cottura da 25hl, le loro birre piacciono e mietono una serie di premi e riconoscimenti in tutta Italia. A Birra dell’Anno 2020 hanno conquistato la menzione d’onore con la Double IPA Too Nerdy e la Session IPA Nerd Choice, oltre ad essersi guadagnati il primo posto con la Modern Pale Ale Head Space, la Oatmeal Stout Black Belt e l’Imperial Stout Papanero, in collaborazione con Voodoo Brewing.

Solita sfilata di premi nel corso della prima giornata riminese nella Beer Arena con il grande Kuaska a fare la parte del leone alla presentazione della consegna dei riconoscimenti ai vincitori del Concorso Birra dell’Anno. Una maratona biraia per i giudici dopo aver degustato le 2145 birre iscritte alla competizione, hanno assegnato il trofeo alle tre birre migliori per ogni categoria, oltre ad una menzione d’onore riservata alle quarte e quinte classificate.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati che abbiamo ottenuto anche quest’anno grazie al Concorso, – spiega Simone Monetti, Direttore Operativo Unionbirrai – non solo perché il numero delle birre iscritte continua a salire, ma anche perché questa crescita va di pari passo con l’aumento della qualità. Le valutazioni assegnate dai giudici, oltre cento esperti provenienti da ogni parte del mondo, sono state in media molto alte, segno che il mondo della birra artigianale italiana sta andando nella direzione giusta.”

Birra dell’Anno 2020 – TUTTI I VINCITORI XV EDIZIONE PER CATEGORIA

www.unionbirrai.it/it/news/birra-dell-anno-2020-xv-edizione-tutti-i-vincitori/

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

11 − 8 =