Archivi

Ottobre 2011

Browsing

Dopo i lusinghieri risultati delle precedenti edizioni, anche la terza edizione del Mondial de la Bière di Strarsburgo ha riservato importanti riconoscimenti ai micro birrifici artigianali italiani. La “Bastarda Rossa” del microbirrificio toscano Birra Amiata e la Ambar del microbirrificio umbro San Biagio hanno conquistato la medaglia d’oro. La Bastarda Rossa dell’Amiata è una tra le birre più rinomate e apprezzate che prevedono l’utilizzo della castagna (il nome deriva proprio da una qualità presente sulla montagna grossetana). La Ambar di San Biagio è invece una scura a bassa fermentazione da 5% alc., con aromi di caffè e caramello. Nato tre anni fa dagli stessi organizzatori del Mondial de la Biere canadese, evento giunto alla 18° edizione, l’appuntamento europeo ripropone una formula vincente che non si esaurisce soltanto nel momento del concorso ma che durante i quattro giorni sa offrire importanti momenti di dibattito e degustazione, con oltre 400 birre provenienti dalle principali nazioni birrarie, ma anche da paesi outsider come Brasile e Giappone.

Carpenè Malvolti, leader mondiale nella produzione di Prosecco DOCG sposa il “green”. La storica casa spumantistica di Conegliano, ha scelto di aderire alla campagna ambientalista e solidale messa in piedi da Amorim Cork, leader nella produzione dei tappi di sughero, con l’obiettivo di riciclarli, contribuendo a salvare parte delle foreste di alberi da sughero e partecipando a una iniziativa solidale che interessa tutto il territorio nazionale.“Etico”, il progetto di Amorim Cork mira a intercettare i milioni di tappi che ogni anno vengono buttati grazie anche alla sensibilità delle cantine più sensibili tra cui anche la storica cantina di Conegliano.

Sono iniziati i lavori di ampliamento del fabbricato di produzione, trasformazione, imbottigliamento e spedizione della Fabbrica della Birra Tenute Collesi. Il progetto comporterà 18 mesi di lavori e un ampliamento di 6.690 metri cubi di nuovi spazi per un totale di 11.093 metri cubi, con un investimento complessivo di 2 mln di euro. L’ampliamento totale risulta di mq 735 al piano seminterrato, di mq 715 al piano terra e il fabbricato raggiungerà nella sua globalità una superficie di 1300 mq circa. La firma del progetto è dell’architetto marchigiano Roberto Ceccarelli di Cagli.L’obiettivo che Giuseppe Collesi si pone con la costruzione del nuovo fabbricato è quello di produrre birra e grappa nel modo più naturale possibile, con il supporto di moderne tecnologie. “La qualità delle materie prime prodotte nei tenimenti Collesi, deve essere mantenuta con cura e meticolosità nello stabilimento di produzione” – afferma Collesi e continua – “ l’attenzione alla naturalità dei prodotti è spesso sottovalutata. Con il nuovo stabilimento di produzione vogliamo raggiungere il traguardo di una produzione di birre e grappe completamente naturali e genuine”.

In questi ultimi anni abbiamo visto rinascere – o forse nascere – e crescere due zone vitivinicole come Castel del Monte e Gioia del Colle, fino ad attirare l’attenzione a livello nazionale, imporsi in modo definitivo la zona di Manduria, e l’affermarsi in modo sempre più compiuto di un nuovo stile di vino mediterraneo, fatto certo di grande potenza alcolica ma anche di equilibrio, frutto e freschezza. Insomma, la Puglia si sta dimostrando un vero e proprio laboratorio permanente, come sarebbe stato difficile immaginare anche solo dieci anni fa. Tutte e tre queste zone infatti, dopo i primi risultati di eccellenza ottenuti da un numero ristretto di aziende, stanno vedendo un aumento delle cantine alla ricerca della qualità, tanto da poter cominciare a parlare di territorio, e non più di singoli produttori o di vini straordinari ma anche unici.

Trasparenza, interazione, semplicità di linguaggio: ecco gli elementi su cui puntare per la comunicazione del vino attraverso il web, come indicato dai blogger che hanno partecipato sabato 22 ottobre al convegno “Verdicchio 2.0” a Serra dè Conti, presso la cantina Casalfarneto di proprietà della famiglia Togni. Sala gremita con oltre 80 ospiti che a partire dalle 10 hanno preso parte all’incontro, cui è seguita una visita alla cantina e il pranzo-degustazione di vini e prodotti tipici del territorio. Tra gli intervenuti il direttore dell’Istituto Italiano di Tutela Vini Alberto Mazzoni, i giornalisti Luigi Bellucci (blog Tigullio Vino), Franco Ziliani (blog Vino al Vino) e Monica Pisciella, esperta di marketing e fondatrice del blog WineUp, il sommelier Ais e collaboratore Slow Food Andrea Petrini e il blogger-artista che dipinge con il vino Vincenzo Reda. A moderare l’incontro il giornalista del Sole 24 Ore Giorgio dell’Orefice. La visita al territorio ha avuto inizio venerdì ed è durata fino a domenica. I blogger, sempre accompagnati da Mazzoni, hanno anche fatto tappa all’Enoteca regionale di Jesi e alla baia di Portonovo.

L’edizione 2012 della Guida Oro I Vini di Veronelli, edita dal Seminario Permanente Luigi Veronelli, dal 20 ottobre è nelle librerie di tutta Italia. E’ stata presentata agli operatori e alla stampa il 24 ottobre all’interno del WiMu Museo del Vino nella splendida cornice del Castello Comunale Falletti di Barolo (Cuneo). Questa del 2012 è un’edizione che comprende 2.935 aziende, di cui 226 esordienti, con 17.200 vini descritti e fra questi 2.014 al loro esordio in Guida.La novità di questa edizione è l’introduzione dei capitoletti regionali dedicati ai “I Luoghi del Buon Bere”, ossia la pubblicazione di una rigorosa selezione dei migliori ristoranti nei quali, oltre alla qualità dei cibi, si possono apprezzare i migliori vini che l’Italia produce.

Utilizzando intelligentemente l’impegno che da tempo Norda dedica all’arte, è nato il nuovo concept creativo che caratterizza la comunicazione dell’azienda soprattutto nel dialogo con la ristorazione di qualità. Il marketing Norda e l’agenzia LavelliAdv di Bergamo, che da molti anni cura l’immagine del gruppo , hanno infatti collaborato con il creativo Franz Cancelli per lo sviluppo di un progetto estremamente originale intitolato “Espressioni d’acqua”. Le splendide maschere di stile veneziano realizzate da Cancelli, si arricchiscono infatti di nuovi significati simbolici grazie all’impiego di tappi ed etichette che fanno parte della “Carta delle acque” Norda, la più completa “tavolozza” di opportunità a disposizione della ristorazione in Italia: un’esclusiva “Water Collection”. Con l’alleanza fra i marchi Norda e Gaudianello, infatti, la “carta delle acque” è diventata oggi ancora più completa e senza paragoni: ben sette acque ed altrettante esclusive bottiglie, diverse per tipologia e look, in grado di soddisfare qualsiasi richiesta, anche la più esigente.

Yoga Fruttycao torna vincitore dall’edizione 2011 di Eurochocolate, il più importante evento dedicato al cioccolato e al cacao che si è tenuto con grande successo a Perugia dal 14 al 23 ottobre. Aggiudicandosi il premio Eurochocolate Awards come “Miglior Prodotto Innovativo dell’anno”, ex-equo con Philadelphia Milka, Fruttycao ha centrato subito l’obiettivo di un grande riconoscimento decretato da un evento di alto prestigio nel settore del cioccolato e del cacao. Anche quest’anno, nell’ambito della manifestazione più golosa dell’anno, si è rinnovato l’appuntamento con gli Eurochocolate Awards, l’evento esclusivo dedicato alle istituzioni, agli sponsor e ai partner che giovedì 20 ottobre (nel corso della serata di “gola” presso l’Hotel Giò Jazz Area di Perugia) ha assegnato vari premi alle aziende e ai professionisti partecipanti.
Nella foto, a sinistra, Mario Panzani, Marketing Manager Bevande Retail di Conserve Italia, riceve il premio Eurococholate Awards 2011 per Yoga Fruttycao.

È stata un’edizione “da Guinness”, quella di Host 2011 che si è chiusa a fieramilano: non solo per ilrecord mondiale di 623 caffè espressi serviti in un’ora, ma anche per i tanti numeri significativi della manifestazione. In particolare, le presenze di Visitatori, tutti professionali, hanno raggiunto quota 125 mila; di queste il 34% sono state di Visitatori esteri, provenienti da 153 Paesi. I mq di superficie espositiva netta erano quest’anno100 mila, +10% rispetto al 2009, mentre le aziende partecipanti sono state 1.600 (+17%), delle quali 190 new entry e con una quota di espositori esteri in crescita del +21%. Registrata una crescita straordinaria nei settori pane, pasta e pizza con un +46% e nel settore caffè con un incremento del +27%.

Per la prima volta il brand Sant’Anna è leader di mercato anche a valore nel canale della GDA. I dati Symphony IRI Group aggiornati a settembre 2011 evidenziano che per la prima volta la marca globale Sant’Anna (Sant’Anna con Sant’Anna Bio Bottle, la speciale bottiglia di origine vegetale) risulta leader anche a valore. La quota a valore del brand Sant’Anna nel mese di settembre è di 11,4 punti percentuali. Ormai da tempo Sant’Anna è leader di mercato a volume, leadership che si conferma a settembre con una quota del 10,5%.Soprattutto i dati di crescita della marca Sant’Anna evidenziano il dinamismo dell’Azienda Fonti di Vinadio rispetto al mercato di riferimento: a fronte di un mercato che registra un +1,3 a valore e +1,9% a volume, Sant’Anna mette a segno un trend di crescita superiore al 7% su entrambi i fronti. Un tasso di crescita importante, che evidenzia come la marca piemontese, ormai distribuita a livello capillare in tutta Italia, stia continuando a conquistare nuovi consumatori.

Acqua Minerale San Benedetto sostiene la cultura. Domenica 6 Novembre 2011 alle 18.00, al Teatro La Fenice di Venezia, Norma Winstone, una delle più importanti cantanti jazz di tutti i tempi, insieme al pianista italiano Glauco Venier e al sassofonista tedesco Klaus Gesing, interpreterà dal vivo i brani di Stories Yet To Tell, l’ultimo album del trio. Norma Winstone è un’artista che unisce la propria indiscussa maestria ad una gamma espressiva di straordinaria ampiezza che le permette qualunque abilità si possa desiderare da una cantante jazz Il sodalizio musicale con Klaus Gesing e Glauco Venier è nato nel 2001, nel 2004 il trio ha pubblicato Chamber Music a cui son seguiti Distances e Stories Yet to tell.

Disaronno, l’icona del bere con stile nel mondo, ospita i finalisti della prima edizione del contest Disaronno Mixing Star, in occasione del Film Festival di Roma, il 29 e 30 Ottobre 2011.Mixing Star è un’entusiasmante sfida di talenti che invita bartender professionisti a dimostrare la propria creatività e abilità nel creare il miglior cocktail Disaronno. DISARONNO svelerà inoltre ‘The Mixing Star Hall of Fame’, una collezione dei cocktail dei migliori bartender che Disaronno ha incontrato nel mondo durante la prima edizione della competition. Durante Mixing Star, ogni bartender ha mostrato la propria abilità nel preparare il classico Disaronno Sour ma anche il proprio signature cocktail mettendo in evidenza la grande versatilità di Disaronno. Tutti questi fantasiosi ed esclusivi mix sono stati pubblicati nella “The Mixing Star Hall of Fame”, un’immancabile raccolta per tutti i bartender e appassionati di mixologia.

Hanno tutte superato un secolo di storia le 20 cantine cooperative aderenti a Fedagri che oggi hanno ricevuto dal presidente nazionale di Fedagri Maurizio Gardini (cfr Foto) il riconoscimento per i loro “100 anni di vite” in occasione dell’Assemblea nazionale del settore vitivinicolo in corso a Pollenzo. In questa speciale classifica delle cantine più longeve d’Italia, il primo posto è occupato dalla Cantina Oleggio, costituita nel 1891 nell’omonima cittadina in provincia di Novara, area dalla millenaria tradizione vitivinicola, per iniziativa di Bernardino Balsari che riuscì a convincere un piccolo gruppo di viticoltori tra cui il sindaco ed il farmacista della città a fondare una cooperativa per produrre e vendere il vino in comune. Nel 1999 la cantina si è fusa con la Cantina Sociale di Fara Novarese – fondata nel 1954 da 91 viticoltori – dando vita alla Cantine dei Colli Novaresi, che oggi conta 190 soci e fattura più di 1 milione di euro all’anno, vinificando 6.000 quintali delle principali uve delle colline novaresi: Nebbiolo, Vespolina, Boarda, Croatina.

Il consumo procapite di vino in Cina è di 1 litro all’anno, ma il tasso di crescita annuo è del 20%. Per le cantine cooperative Fedagri la strategia di penetrazione vincente per il mercato cinese è di vendere il valore immateriale dell’Italia “La battaglia più importante per la predominanza nel comparto vinicolo tra Italia e Francia si combatterà su suolo cinese. È nel Paese orientale che si sta giocando il destino di molte imprese francesi, presenti già da almeno un paio di decenni ma anche di aziende italiane seriamente intenzionate a conquistare una fetta del mercato del Sol Levante e il gusto dei consumatori cinesi, sfruttando il valore positivo attribuito al marchio Italia”. Lo ha dichiarato Franco Cutrupia, presidente della Camera di Commercio Italiana in Cina, nel corso del suo intervento all’Assemblea Nazionale del Settore Vitivinicolo di Fedagri-Confcooperative, in programma oggi a Pollenzo (Cuneo).

Dopo un 2010 costellato di successi, EasyBräu esordisce al SIMEI 2011 (Milano, 22/26 novembre 2011, Pad. 11/Stand S30) con l’obiettivo di proseguire nella propria straordinaria crescita e spirito di internazionalizzazione. L’azienda Impiantinox di Sarcedo (VI), che ha creato il brand EasyBräu per seguire direttamente il settore di business legato alla progettazione, costruzione e fornitura di impianti per la produzione di birra artigianale, si presenta al Salone Internazionale Macchine per Enologia ed Imbottigliamento con le sue Sale Cottura per la produzione di birra artigianale.

Si sa, in Italia, oltre al buon cibo, quello che non deve mai mancare a tavola è una bottiglia di vino, meglio se rosso, toscano e…. acquistato online! Questo è quanto è emerso da un’indagine interna di eBay.it, il sito di ecommerce più grande al mondo, che, a qualche giorno dalla fine del periodo della vendemmia, ha analizzato quali sono stati i vini più apprezzati dai nostri connazionali in questi primi 9 mesi dell’anno. Il vino rosso italiano è risultato il più acquistato in assoluto, con una spesa di oltre 2.3 milioni di euro (solo da gennaio a settembre). A seguire, nella classifica dei vini più gustati, si trovano le bollicine di Champagne e Spumante, quindi i Vini Bianchi e i Vini da dolci. Guardando alle inserzioni al momento online dei soli vini rossi italiani, oltre il 91% è in vendita a prezzo fisso, di cui oltre il 40% da Venditori Affidabilità Top, i venditori professionali più eccellenti classificatisi tali per la qualità del servizio offerto.

Lo stile inglese nell’arte di offrire e degustare il tea è da sempre il dna del marchio Whittington, che con cura e attenzione costante si dedica a questo rito specificamente per il canale Ho.Re.Ca. Conoscere questo affascinante mondo è possibile da oggi sul nuovo sito internet dedicato www.whittingtontea.com . Il sito racconta con un approccio moderno il rituale del tea, un prodotto dalla storia millenaria, protagonista nella vita quotidiana delle più antiche civiltà. Il prodotto è protagonista con la qualità garantita Whittington e la variegata gamma di gusti di tea, tisane ed infusi che questa marca propone ai professionisti del fuori casa.

Prende il via sulla stampa quotidiana italiana la nuova campagna pubblicitaria di illycaffè firmata dall’agenzia Saatchi & Saatchi. E’ una campagna integrata, che approderà anche su tv e web. È l’occasione per lanciare il nuovo posizionamento della marca – LIVE HAPPilly – che racconta quanto i piccoli gesti quotidiani possano trasformarsi in istanti di pura rivelazione, dove tutto ciò che accade intorno all’improvviso appare straordinario, dando vita a momenti di felicità. Come degustare una tazzina di buon caffè e lasciarsi andare al piacere dei sensi che si fonde con quello intellettuale ed estetico: il piacere di illy.LIVE HAPPilly è un claim di respiro internazionale, che punta a conquistarsi uno spazio nel cuore delle persone, aggiungendo gusto e bellezza alla loro vita quotidiana, con piccoli sorsi di felicità.

Partesa On the Road 20°, il grande viaggio per festeggiare i 20 anni di Partesa, continua la sua avventura itinerante – nella migliore tradizione On the Road – con la mostra fotografica Lontano, davanti agli occhi a Milano dal 27 ottobre al 7 novembre 2011 al Ristorante Bianca in Via Bartolomeo Panizza 10. Inaugurazione giovedì 27 ottobre dalle 18 alle 20. Tutti i giorni dalle 12 alle 15 e dalle 19 alle 23.

Da sabato 22 ottobre e per 9 settimane, l’Acqua minerale Sant’Anna è protagonista di una serie di 9 telepromozioni in onda su Rai Tre il sabato alle 20:10 all’interno del talk show condotto da Fabio Fazio “Che tempo che fa”, quest’anno alla nona edizione. Al centro delle telepromozioni è Sant’Anna Bio Bottle, il prodotto più innovativo introdotto sul mercato dalla marca leader nazionale del settore. Si tratta di una speciale bottiglia che sembra in tutto e per tutto identica alle più comuni bottiglie di Pet, ma anziché essere prodotto con il petrolio è fatta di uno speciale biopolimero di origine vegetale che Acqua Sant’Anna importa dagli Stati Uniti e che, dopo l’uso, si può conferire nella raccolta dell’organico e si dissolve in ambiente di compostaggio in meno di 80 giorni, senza lasciare tracce inquinanti nell’ambiente.

Una nuova Miss da oggi porta in alto i colori e soprattutto il gusto dell’Italia. Non è alta, non è snella, non è mora e nemmeno bionda, ma ha vinto su tutte le altre validissime concorrenti: segni particolari, bellissima e… buonissima! Si tratta della vincitrice del sondaggio Miss Colazione d’Italia, indetto da Essse Caffè in occasione dei festeggiamenti per i 150 anni dell’unità d’Italia, che voleva sondare i gusti degli italiani in fatto di colazione e che ha visto la Colazione Classica aggiudicarsi al primo posto. Caffè, cappuccio e brioche (o dolce) costituiscono il buongiorno preferito dalla maggioranza dei votanti – che si sono espressi sul social network di facebook, all’interno della Fan Page Colazione d’Italia, e attraverso interviste fatte ad operatori e consumatori – la classica colazione all’italiana insomma, che ha primeggiato sulle altrettanto apprezzate colleghe in gara: colazione salutista, colazione salata, colazione regionale e colazione d’oltreoceano. Il pasto della mattina differenzia le abitudini delle persone per le diversità che si riscontrano fra le regioni ma nello stesso tempo unisce, come ha dimostrato appunto il grande interesse sviluppatosi attorno al concorso; la colazione si è dimostrata ancora una volta una delle tradizioni alimentari più radicate del Paese, qualcosa che ancora unisce gli italiani, così come il caffè, ormai simbolo indiscusso del made in Italy.

“Ancora una volta l’Istat ci fornisce un quadro impietoso sulle vendite al dettaglio – afferma Giovanni Cobolli Gigli, Presidente di Federdistribuzione, l’organizzazione che raggruppa la maggioranza della Distribuzione Moderna Organizzata in Italia – Per il quarto mese consecutivo dobbiamo registrarne un calo: un -0,3% ad agosto che ci conferma come per il 2011 la diminuzione dei consumi sia diventata un fenomeno ormai inarrestabile, specchio di una situazione nella quale le famiglie si ritrovano con meno soldi e con preoccupazioni per il futuro, frenando così gli acquisti. Dall’inizio dell’anno, escluso il mese di aprile che ha avuto un trend anomalo per l’effetto della Pasqua posticipata rispetto all’anno scorso, non c’è stato un solo mese con variazioni positive rispetto al 2010: complessivamente le vendite sono calate dello 0,7%, coinvolgendo in questo trend tutte le formule distributive.

È il re tra le piccole abitudini fuori casa degli italiani, il caffè. Ed è tra i protagonisti anche di Host 2011, a fieramilano a Rho fino a martedì 25 ottobre. Un protagonista “da Guinness” visto che, proprio qui a Host, in un’appassionante corsa contro il tempo oggi Gianni Cocco e Danilo Torres sono entrati per primi nell’albo del mitico primato, con 623 caffè serviti in un’ora – completi di tazzina e cucchiaino. Ma i primati del caffè, la bevanda diventata simbolo nel mondo del saper vivere italiano, sono tanti: secondo dati FIPE – Federazione Italiana Pubblici Esercizi, gli italiani ne consumano al bar ben 7 miliardi di tazzine, che richiedono 46 milioni di chilogrammi di materia prima. Una vera e propria industria che, in 140 mila bar, dà lavoro in tutta Italia a 322 mila persone – l’equivalente di una grande multinazionale.

Comesterogroup, azienda europea leader nella produzione di sistemi di pagamento, ha scelto l’edizione di Host 2011 per il suo debutto in grande stile nel mercato delle macchine da Bar e HoReCa. Nel settore delle macchine da Bar c’è oggi un bisogno di sicurezza molto sentito. I torrefattori devono confrontarsi quotidianamente con i danni subiti dalle vendite di miscele sui canali paralleli. I danni subiti sono duplici: danni economici, legati alle vendite di caffè, ma anche danni di immagine, perché vengono compromessi gli ingenti investimenti sostenuti per legare il brand a miscele di qualità superiore. Il sistema di deconto e sicurezza Apollo XL, nasce proprio per rispondere a questa esigenza. Installando Apollo XL sul loro parco macchine, i torrefattori possono avere la certezza dell’esclusiva nelle vendite del caffè e ottenere altri numerosi vantaggi: l’incremento dei profitti, la possibilità di elevare i livelli del controllo di gestione e la garanzia di legare il loro brand solo a miscele di qualità superiore.

Si conclude con un successo tutto al femminile l’edizione 2011 del Premio Ceres4Art: sono Sabrina Milazzo e Tamara Ferioli, infatti, le due vincitrici del concorso, che si aggiudicano rispettivamente il Premio Giuria Popolare e il Premio Giuria Tecnica 2011. Rolling Strong (cfr foto), di Sabrina Milazzo, è stata l’opera più votata dagli utenti web sul sito www.ceres4art.it, mentre Her Ceres’ Voice, di Tamara Ferioli, è stata l’opera più apprezzata dalla giuria tecnica, composta dal curatore del premio Luca Beatrice, la curatrice Valentina Pesati, il musicista Boosta, il Direttore Creativo di Pbcom Duri Bardola e il Responsabile Strategie Musicali di MTV Luca De Gennaro. Qualità, innovazione, ricerca e contemporaneità sono stati i criteri alla base del voto espresso dalla giuria.Rolling Strong, realizzata con la tecnica dell’olio su tela, esprime tutto il realismo stilistico di una pittrice raffinata, che unisce meticolosità a disinvoltura, contemplazione a esibizionismo. Le gambe di una ragazza, vestite da moderni anfibi, tengono ferma una bottiglia di Ceres vuota, che giace per terra.

Enoteca Italiana (Ente Nazionale Vini), attraverso il suo braccio operativo di Shanghai Yishang Wine Business Consulting, avrà un ruolo fondamentale nella costituzione di un network di enoteche italiane in Cina. Lo sancisce l’accordo di collaborazione strategica firmato sabato 22 ottobre a Pechino tra Claudio Galletti, presidente di Enoteca Italiana e Sen Liu, presidente di Beijing Zhengyuan Youshi (società leader per la distribuzione del vino italiano) per realizzare in Cina ben 100 enoteche “Made in Italy” (cfr foto). L’accordo è stato illustrato in una conferenza stampa con la presenza di Francesco Ye (rappresentante di Yishang Wine Business Consulting), Giovanni Pugliese (export manager Enoteca Italiana) e di Fabio Carlesi (segretario generale di Enoteca Italiana); nel corso della conferenza è stato illustrato il progetto nato con l’obiettivo di insediare una catena di enoteche nelle città più importanti della Cina, oltre Pechino e Shanghai.

Dall’incontro di Lavazza con Electrolux, l’azienda svedese leader mondiale degli elettrodomestici, nasce la nuova macchina per il sistema espresso A Modo Mio che unisce eleganza, stile, tecnologia e unicità di gusto. Disponibili in due modelli – le versioni Favola™ e Favola Plus™ – le nuove macchine espresso Lavazza A Modo Mio si presentano lineari, compatte e con finiture di alta qualità. Eccellente sintesi tra forma e funzionalità, permettono di ottenere l’autentico e perfetto espresso italiano secondo le regole Lavazza.

I temi più nuovi e interessanti per l’Espresso Excellence tornano ancora una volta in scena con ospiti internazionali e case history di successo. Dal 26 al 27 Ottobre Nuova Simonelli ospiterà il secondo evento internazionale “COFFEE QUALITY REVOLUTION” che si focalizzerà sul tema “How quality impacts profits” (“Quale impatto ha la qualità sulla marginalità”) e con gli interventi di esperti internazionali come Tracy Allen (CEO Brewed Behaviour, SCAA Selected Supertaster – USA) , Alejandro Mendez (World Barista Champion 2011 – El Salvador), Raul Rodas (World Barista Finalist 2010 – Guatemala), Federico Bolaños (Founder Viva Espresso; Q Cupper – El Salvador), Gwilym Davies (World Barista Champion 2009 – Great Britain) e Prof. Sauro Vittori (Preside Facoltà di Chimica – Università di Camerino).

Le maggiori aziende alimentari del mondo si sono ritrovate a Cibus Tec per aggiornare le proprie scelte impiantistiche e tecnologiche ed innovare i propri processi produttivi e di confezionamento alimentare. Nelle quattro giornate della fiera sono state presentate le innovazioni tecnologiche del comparto sia nei padiglioni espositivi, totalmente rinnovati, sia nei numerosi appuntamenti convegnistici, primo su tutti il Congresso Mondiale del Latte “Summilk”, che ha richiamato a parma i 1500 protagonisti mondiali del settore lattiero caseario.In aumento espositori (+7%) e visitatori (+10%), selezionati da un Comitato di Orientamento delle aziende espositrici, invitati e accolti dal Welcome Desk di Fiere di Parma, che in tal modo ha anche svolto una funzione sussidiaria dell’ICE, l’ormai abolito Istituto del Commercio Estero.

Nespresso. il leader nel mercato del caffè premium porzionato, presenta un innovativo Grand Cru. Dhjana, edizione limitata del 2011, offre a tutti gli amanti del caffè una nuova esperienza di degustazione. Questa espresso nuovissimo è il risultato del Nespresso AAA Sustainable Quality Program, in collaborazione con produttori di caffè. Da oltre sette anni, il programma AAA lavora con Rainforest Alliance per proteggere il futuro di questi caffè eccezionali, sostenere gli agricoltori che coltivano il caffè in modo più responsabile per la protezione ambientale. Dhjana, la nuova miscela disponibile in edizione limitata, si presenta come un caffè ricco, complesso e sfaccettato, che incarna tutti i benefici promossi dal programma Nespresso di qualità sostenibile AAA™. Intenso ed equilibrato, Dhjana rivela nella tazza la sua ricca personalità, nella quale si compendia armoniosamente il carattere aromatico delle sue diverse regioni di provenienza.

Per il terzo anno consecutivo Caffè Hag è sponsor ufficiale del Festival Internazionale del Film di Roma che si terrà dal 27 ottobre al 4 novembre presso l’Auditorium Parco della Musica. “Dopo il successo delle precedenti edizioni – ha dichiarato Roberta Cigana, senior brand manager di Caffè Hag – si è consolidata la sponsorizzazione del Festival Internazionale del Film di Roma. Per il terzo anno consecutivo Caffè Hag è sponsor ufficiale del Festival Internazionale del Film di Roma che si terrà dal 27 ottobre al 4 novembre presso l’Auditorium Parco della Musica. “Dopo il successo delle precedenti edizioni – ha dichiarato Roberta Cigana, senior brand manager di Caffè Hag – si è consolidata la sponsorizzazione del Festival Internazionale del Film di Roma.

Entrare in un locale nuovo e originale, di atmosfera, con un servizio di eccellenza, capace di mixare le caratteristiche e l’offerta di luoghi diversi. Poter scegliere tra hotel e resort dove rilassarsi in Spa di qualità, con diverse opzioni di relax. Sono i desidarata che i clienti del fuoricasa – sempre più evoluti e consapevoli – chiedono agli Operatori dell’ospitalità di soddisfare. Come? Con l’innovazione e la creatività innanzitutto, “specialità” del Made in Italy, ma anche con una allure internazionale in grado di rispondere alle esigenze di mercati sempre più globalizzati. È il messaggio forte lanciato dal convegno I nuovi valori dell’offerta fuori casa: innovazione, qualità e servizio nelle opinioni dei consumatori, che ha inaugurato la 37a edizione di Host.

Le etichette di Tenuta Sette Ponti e Feudo Maccari registrano un record di vendite all’estero nel 2011 e invadono gli USA con un Road Show nelle città più importanti e prestigiose locations. Il valore delle etichette di Tenuta Sette Ponti (Toscana) e Feudo Maccari (Sicilia), proprietà vinicole dell’imprenditore aretino Antonio Moretti (cfr foto acacnto), è ormai riconosciuto in tutto il mondo. A confermarlo sono i dati relativi all’export, che a settembre 2011 registrano una crescita del 36% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le vendite continuano a crescere negli USA e in Canada, così come sui mercati asiatici e nelle europee Germania, Francia e Svizzera. Buoni segnali arrivano anche dal Regno Unito dove i dati relativi alle vendite tornano ad essere positivi, dopo un periodo di generale flessione.

A più di un anno dall’inizio della Campagna di Promozione del Sughero in Italia, da una rilevazione Demoskopea, svolta di recente, emerge un dato significativo che potrebbe sorprendere, soprattutto in questo momento di difficile situazione economica: oltre la metà degli italiani intervistati (57%), sarebbe disposta a spendere di più per una bottiglia di vino tappata con il sughero.Questo dato conferma come, nella percezione comune, il vino tappato con il sughero acquisti in immagine (77%) e in valore (79%) e come la tappatura realizzata con questo materiale sia strettamente collegata alla qualità del vino (74%) e ne protegga le caratteristiche (71%).Anche la ritualità carica di charme ed eleganza che lo stappare una bottiglia chiusa con il sughero evoca nell’immaginario collettivo è un gesto molto gradito. Circa il 90%, infatti, ritiene che stappare e annusare il tappo renda ancora più piacevole il consumo del vino. Meno sorprendente ma altrettanto significativo, inoltre, il fatto che la quasi totalità degli intervistati dichiara di ritrovare nel sughero un richiamo alla tradizione (97%).

Gemeaz Cusin con il proprio marchio Ticket Gemeaz aderisce a COBES il “Comitato Buoni Pasto, Voucher Sociali e Servizi” che Confindustria Federvarie ha di recente costituito al proprio interno. Le aziende che aderiscono al COBES sono imprese italiane tutte operanti nel settore dei buoni pasto con marchi ben noti (Gemeaz Cusin , Qui! Ticket, Repas Lunch Coupon, Ep) che si sono riunite per rafforzare la propria rappresentanza a livello nazionale ed internazionale impegnandosi a favorire, compatibilmente all’evolversi degli scenari economici attuali, l’incremento del valore defiscalizzato del buono pasto, nell’interesse delle famiglie e dei dipendenti delle aziende pubbliche e private.

BEVERFOOD NEWS –All’edizione 2011 della Fiera Host (Milano – Rho) Tonino Lamborghini® sarà presente con la linea Caffè&Hospitality. Presso lo stand – Hall 14 Stand A21 B22- sarà inoltre possibile assaggiare il nuovo Tonino Lamborghini Energy Drink. Tonino Lamborghini® Energy Drink è una bevanda formulata per apportare la giusta energia a chi desidera vivere con intensità ogni istante della giornata senza dover mai rinunciare al proprio stile. Dal 1981, reinterpretando la filosofia e la simbologia identificativa di famiglia, Tonino Lamborghini dà vita a un nuovo marchio di prestigio. Traendo ispirazione dalle sue precedenti esperienze professionali nel campo della meccanica e del design, estende il concetto di lusso a prodotti capaci di evocare un mondo caratterizzato da tecnologia e innovazione: orologi, cellulari, profumi, complementi d’arredo, accessori fashion e sportivi, un universo coordinato di stile che esprime il Puro Talento Italiano.

Caffè Vergnano sarà presente alla prossima edizione di Host, Salone internazionale dell’ospitalità professionale che si terrà presso Fieramilano (Rho) dal 21 al 25 Ottobre 2011 (PAD 9, STAND D 27- D35). Moltissime le novità presenti nello stand: dal nuovo concept relativo ai Coffee Shop alle finali del concorso Best Barista fino alla presentazione del nuovo prodotto Èspresso®. Nello spazio accogliente del nuovo stand, sarà inoltre possibile sedersi con calma, bere un caffè e scoprire il mondo Caffè Vergnano con tutte le linee di prodotto per i canali horeca, retail, vending – ocs.

Il Gruppo Montelvini di Venegazz chiude il secondo quadrimestre con un incremento delle vendite nei mercati esteri del 25 %, confermando un 2011 fortemente positivo e denso di novità per la cantina, come la prima vendemmia della nuova Docg Montello Rosso. Montelvini sta registrando un forte interesse per i propri vini nel panorama internazionale. “Siamo veramente soddisfatti dei risultati raggiunti -spiega Armando Serena, presidente del Gruppo (nella foto Serena in abito giapponese) – Nel Paese del Sol Levante siamo presenti nei migliori ristoranti e di recente sono stato invitato al Righa Royal Hotel di Osaka, uno degli alberghi pi rinomati del Paese, molto apprezzato dalla famiglia imperiale e dove soggiornano i capi di stato da tutto il mondo. C’è stata un’accoglienza fantastica per i nostri vini. Ma i consensi arrivano anche da Usa e Canada: Montelvini è stata al centro dell’attenzione dei media nazionali, che hanno dedicato dei servizi speciali alle nostre bollicine”.

Ecolab aiuta a produrre alimenti sicuri, di elevata qualità e in grado di soddisfare o superare gli standard richiesti. La dimensione multinazionale di Ecolab ha permesso all’azienda di implementare le migliori formulazioni, grazie alla continua ricerca e innovazione. Ecolab fornisce un’offerta a 360°, con particolare attenzione verso soluzioni sostenibili, incentrate sull’ottimizzazione dei consumi sia di prodotto chimico sia di risorse (acqua, energia, reflui), offrendo al cliente costi e servizi altamente competitivi.

Dall’antica ricetta delle birre speciali create nella Fabbrica di Pedavena nasce Dolomiti Speciale, pensata per occasioni speciali. Le pregiate materie prime si fondono nel lento processo di affinamento, esaltando le note di caramello e fiori di luppolo e anche in questa versione limitata e prestigiosa, la Birra Dolomiti viene prodotta nel rispetto dell’ambiente circostante e con l’utilizzo di materie prime legate al territorio. La coltivazione dell’orzo viene seguita attentamente dalla Fabbrica di Pedavena, e la sua crescita è monitorata dagli esperti al fine di ottenere solo il prodotto migliore.

Dopo la partenza di Giugno in linea con la media degli anni precedenti e un luglio che ha fatto temere il peggio, l’estate 2011 si chiude in bellezza con un agosto positivo e un settembre eccezionale. Un’estate bizzarra dal punto di vista meterologico e uno scenario economico contingente caratterizzato da una prudenza nei consumi, che hanno coinvolto sia il canale moderno che il canale Horeca, hanno contribuito nell’estate 2011 a una sostanziale staticità del mercato del beverage, con un progressivo annuo che si attesta al 31 agosto a +1,50% a volume e +3,2% a valore per il totale Merceologie Bevande (fonte CDA Datawarehouse).

Sei bevande per offrire un sapore diverso in ogni momento della giornata, da oggi con l’irresistibile novità della cioccolata. Eraclea presenta Cioccolata, la dolce novità che arricchisce la linea Il piacere espresso: una preziosa e ricca selezione di sapori, sei bevande ricercate e preparate con i migliori ingredienti naturali, per offrire un sapore diverso in ogni momento della giornata. Gustose ma anche pratiche, disponibili in busta monoporzione o per macchina, le proposte Eraclea Il Piacere Espresso sono subito pronte per essere servite, in tazza piccola o grande, anche shakerate. E da quest’anno il mondo del Piacere Espresso si amplia: dall’esperienza Eraclea arriva la Cioccolata di Piacere Espresso, la golosa proposta Eraclea che permette di preparare e servire una cioccolata di alta qualità con l’efficienza e la resa commerciale di un sistema espresso. Per preparare al meglio Cioccolata di Piacere Espresso, Eraclea ha pensato anche ad una nuova macchina dedicata, ad erogazione singola. Pratica e semplice da utilizzare, la nuova macchina garantisce una cioccolata di qualità con un minimo ingombro: la soluzione ideale per locali ad elevata rotazione.

In occasione della giornata mondiale dell’alimentazione, Ferrarelle SpA sostiene la mostra fotografica, allestita presso la sede della FAO, che porta la firma del celebre artista Peter Menzel e dell’agenzia milanese LUZ Photo. “Il giro del mondo in 80 pasti” il nome del lavoro fotografico da cui è tratta la mostra: ciascun pannello descriverà i pasti consumati giornalmente da 80 diversi testimonial scelti tra i 5 continenti, passando dalle 800 calorie consumate in Kenya da un guerriero Masai alle 12.300 assunte in Gran Bretagna da una casalinga.

Che aria tira nel settore del caffè a due giorni dall’apertura a Milano di Host e del Salone Internazionale del Caffè? L’Istituto Nazionale Espresso Italiano ha raccolto in un documento il punto di vista di alcuni dei suoi soci. “Negli ultimi due anni abbiamo visto alzarsi a dismisura i costi delle materie prime, fattore che ha costretto ad aumentare i prezzi dei prodotti che ci competono, e la si è fatta sempre più agguerrita – commenta Gianluigi Sora, presidente dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano – Qualità e innovazione sono la risposta ai momenti duri e l’andamento del mercato, in generale, sembra darci ragione: export e Italia stanno rispondendo bene a questi cardini che costituiscono la filosofia dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano da sempre e se la ragione sta nei numeri, credo che stiamo dalla giusta parte”.

Biancoblù Basket Bologna è lieta di annunciare l’ingresso nel pool degli sponsor di Mokarabia, storico e prestigioso marchio di caffè, simbolo dell’eccellenza bolognese nel mondo. Mokarabia sarà ‘Top sponsor’ della Conad Biancoblù Bologna, e fornirà inoltre il caffè per i bar del PalaDozza durante le partite interne. “La nostra azienda guarda da sempre allo sport bolognese con grande interesse. Il progetto di rilancio del simbolo e dello spirito Fortitudo da parte della Biancoblù Basket – ha dichiarato Marco Zanetti, amministratore delegato di Mokarabia – hanno subito catturato la nostra attenzione, e abbiamo ritenuto importante farne parte. Siamo lieti di questa partnership, che non ha soltanto una natura meramente commerciale: rilanciare la Effe scudata vuol dire restituire a basket city uno dei suoi simboli storici e ricreare aggregazione sociale attorno a questi colori.”

Cynar, l’amaro vero ma leggero, genuino e conviviale, rinnova il suo sito e lo fa insieme ai suoi eclettici testimonial: Elio e le Storie Tese. Modernità, ironia ed italianità, che contraddistinguono da sempre il brand, sono gli elementi che hanno ispirato Kiver per il restyling dell’intero sito. La novità più divertente è la sezione “The Artichoke Files”, il diario segreto di Elio e le Storie Tese, giunto alla sua ultima puntata. I video, caricati on line da luglio fino ad ottobre 2011, rappresentano una sorta di backstage del tour, e sono ambientanti nelle varie tappe: ricordi che affiorano alla memoria dei protagonisti durante i viaggi in macchina, surreali riflessioni e ironici interventi della band sulle varie città protagoniste interessate dal tour.

Distilleria Caffo, la storica azienda di Limbadi (VV) produttrice del Vecchio Amaro del Capo, si è trasformata in set per un giorno per una protagonista d’eccezione: Maria Grazia Cucinotta. All’interno della storica azienda calabrese sono state infatti girate alcune scene di «La moglie del sarto», film diretto da Massimo Scaglione di cui Distilleria Caffo è partner della produzione. Sabato 15 ottobre la bellissima attrice ha recitato una parte del suo copione tra i locali aziendali. A fare da sfondo alle riprese sono state le botti che contengono il Vecchio Amaro del Capo, prodotto di punta dell’azienda. Tra le comparse di questo ciak anche alcuni dipendenti della Distilleria, che approderà sul grande schermo, facendo un balzo indietro nel tempo. La pellicola è ambientata, infatti, negli anni Cinquanta: Maria Grazia Cucinotta è la vedova di un sarto che bussa alle porte del Cavaliere Caffo nel tentativo di vedergli alcuni abiti da lavoro.

Il successo dei prodotti alimentari made in Italy nei mercati internazionali è dovuto anche alla dinamicità dell’industria meccanica per la lavorazione ed il confezionamento del cibo, un comparto in crescita che fa della costante innovazione tecnologica il suo punto di forza. 4 miliardi di euro di ricavi complessivi, con una quota export superiore all’80%, leader sui mercati internazionale assieme ai tedeschi, questo comparto ha la sua forza nell’innovazione tecnologica: il 43% delle imprese alimentari italiane, infatti, rinnovano i macchinari ed investono in packaging e design e ciò si è tradotto, nel periodo 2010-2011, in un aumento del 18% dell’export per le aziende innovatrici. E’ quanto è emerso dal convegno inaugurale di “Cibus Tec 2011 Technologies & Solutions for the food industry”, sulla base di un indagine census sull’incidenza dell’innovazione tecnologica nel comparto alimentare presentata da Istat e Cariparma.

Il Gruppo 24 ORE sarà presente all’edizione 2011 di Host, che si svolgerà a Milano dal 21 al 25 ottobre, con uno Stand (Padiglione 10 – stand L121), dove gli operatori professionali potranno consultare tutta la ricca produzione editoriale dedicata al mondo della ristorazione, del fuori casa e dell’hotellerie: “Ristoranti. Imprese del gusto”, “Bargiornale”, “Ristorazione Collettiva” e “Pianetahotel” dedicheranno a questa manifestazione speciali ed approfondimenti sulle novità tecnologiche e produttive, sugli appuntamenti collaterali previsti nel corso della manifestazione e sugli eventi Fuori Salone, così da consentire agli operatori del settore di pianificare nel modo più efficace la propria visita a questo importante appuntamento dedicato all’ospitalità professionale.

Dal 21 al 25 Ottobre, Torrefazione Musetti partecipa alla Fiera HOST, al padiglione 9, stand D16 – E23. Già dal primo giorno di fiera, saranno visibili molte novità dal punto di vista grafico e di packaging. Durante il weekend, è possibile partecipare alle attività dello stand a contatto diretto con la famiglia Musetti, scambiando opinioni e toccandone con mano l’esperienza, la conoscenza e la cordialità. Lunedì e Martedì, la cake designer Molly impreziosirà la vita dello stand con esibizioni di pasticceria creativa, per dare spazio alla fantasia e al divertimento. Durante l’intero periodo della manifestazione, presso lo stand si potrà assistere ad esibizioni di decorazione latte e caffetteria decorativa svolte dai nostri barman professionisti. Gustando un buon caffè, scegliendo tra numerosi metodi di preparazione adatti a soddisfare le diverse esigenze, tutti i visitatori che passeranno al nostro stand potranno ricevere in omaggio divertenti e preziosi gadgets.

Coca-Cola HBC Italia annuncia la conclusione del primo progetto di coinvolgimento della comunità locale (partner di business, autorità, scuole, dipendenti e media): “Coca-Cola pro sa Sardigna”. La Sardegna rappresenta, infatti, la prima area in cui l’azienda leader nelle bevande in Italia ha definito e sviluppato un piano territoriale a supporto del business, coerente al proprio impegno ambientale, che da marzo ha coinvolto 120 punti vendita isolani della grande distribuzione delle catene Auchan, Isa e Pellicano sull’isola e oltre 2.000 esercizi commerciali sardi. Il piano “Coca-Cola pro sa Sardigna” ha avuto inizio con il concorso “Disegna Coca-Cola in Sardegna”, rivolto ai licei e agli istituti d’arte dell’isola e patrocinato dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione e dell’Assessorato alla Difesa dell’Ambiente della Regione. Oggetto del concorso è stato il legame tra la regione – il suo ambiente, la sua natura, la sua storia – e Coca-Cola HBC Italia. L’opera vincitrice riproduce la famosa bottiglia Contour di Coca-Cola arricchita da un bordo verde che richiama il tema ambientale e dalla quale escono 23 piccoli “Mori” che, nel loro insieme, vanno a comporre la sagoma della Sardegna. La sua illustrazione, divenuta immagine simbolo dell’intero progetto, è stata utilizzata per brandizzare oltre 2.000 frigovetrine in altrettanti esercizi commerciali sardi.

32 Via dei birrai, il celebre micro-birrificio artigianale di Pederobba (TV), presenta la terza edizione del catalogo con all’interno l’anteprima sulle nuove evoluzioni del marchio e le inedite soluzioni per il riutilizzo del packaging. 32 Via dei Birrai rappresenta la perfetta equazione tra gusto e design, tra ricerca e metodo, senza mai sconfinare nella massificazione industriale.. 32 Via dei Birrai rappresenta un nuovo linguaggio nell’infinito panorama del mondo birraio. Azzera e ridefinisce il consueto. Decontestualizza il concetto usuale di “birra”. Diventa design indossato da una bottiglia.

Acqua Minerale San Benedetto continua ad associare il suo nome allo sport e a sposare i più importanti eventi podistici italiani come la Venicemarathon, giunta alla 26a edizione che avrà luogo domenica 23 ottobre. La Maratona di Venezia, la prima maratona italiana riconosciuta dalla Association of International Marathons and Road Races (AIMS), inserita nel calendario internazionale della IAAF, ogni anno vede aumentare la partecipazione di pubblico e coinvolge tutta la città. Con partenza da Stra e arrivo nel centro storico di Venezia, gli atleti attraversano uno dei luoghi più ricchi al mondo di suggestioni storiche, culturali e paesaggistiche. Anche quest’anno San Benedetto sarà presente alla Maratona di Venezia in veste di Fornitore Ufficiale per reidratare i partecipanti, professionisti e non, con l’Acqua Minerale Naturale nei formati da mezzo litro e Libera, la bottiglia studiata su misura per gli sportivi grazie al tappo Push & Pull ed alla presa squeezable.

In occasione della presentazione alla stampa della Guida Ristoranti d’Italia 2012 del Gambero Rosso e della tanto attesa consacrazione delle “Tre Forchette 2012”, Birra Moretti, che da quest’anno è sponsor della Guida, assegna oggi un riconoscimento speciale al ristorante italiano il cui sommelier ha dimostrato una spiccata sensibilità per il mondo della birra. Il premio “Ristorante con Sommelier attento al mondo della birra” va a Giuseppe Palmieri, sommelier dell’Osteria Francescana di Modena, tempio dell’alta cucina guidato dallo Chef Massimo Bottura. “Le specialità Birra Moretti interpretano alla perfezione in cucina la volontà di promuovere questa florida stagione della gastronomia italiana contemporanea. Sono alleate di tutti noi Chef, Sommelier e uomini di Sala che, con grande passione, cerchiamo di fissare nella memoria culinaria di tutti i gourmet e i gourmand del mondo le eccellenze della tradizione gastronomica del nostro Paese.” – afferma Giuseppe Palmieri.

Durante la fiera Host 2011 presso il Pad.9 stand H 36 – L 35 la Madacaf presenterà la nuova linea di macchine professionali con lʼ innovativo sistema ITC, le macchine a cialde dal design compatto e moderno ed i distributori per bevande solubili. Il tutto rigorosamente Made In Italy. La Ditta Madacaf International srl nasce dallʼesperienza trentennale nel settore delle macchine da caffè. Con il passare degli anni, infatti, lʼazienda pensa bene di estendere la conoscenza acquisita non solo a livello locale, ma anche mondiale. Dal 2001, anno di realizzazione della prima macchina Madacaf, lʼazienda continua ed amplia la sua produzione, sintesi di approfonditi studi e dellʼapplicazione delle più moderne tecnologie.

In occasione della fiera Host 2011 un angolo di Sicilia sarà presente presso il Pad. 9 stand H 28 – L 27 per la degustazione del vero espresso Siciliano dal gusto avvolgente e dalla crema vellutata, la densa cioccolata calda e le creme fredde. Durante la manifestazione la Torrefazione Ionia s.p.a. presenterà la sua nuova linea Gran Gourmet, selezione dei migliori chicchi di caffè Arabica, dedicata agli amanti delle note fiorite e fruttate tipiche delle migliori qualità. Bere un espresso Ionia Gran Gourmet significa, fermare il tempo ed assaporare con tutti i sensi il sublime gusto aromatico di questa miscela. Un espresso di classe per i soli intenditori… La Torrefazione Ionia da oltre 50 anni delizia i palati più esigenti delle diverse parti del mondo con il suo gusto inconfondibile ed unico. La cultura del caffè, la ricerca della qualità, la tradizione e le più moderne tecnologie si fondono insieme per inebriare con il profumo delle sue miscele ogni istante della giornata.

Leader in Italia nella produzione e fornitura di prodotti di Visual comunication nel settore del FOOD & DRINK, Neon-consulting, Azienda partner di numerose torrefazioni nazionali ed internazionali, parteciperà per la seconda edizione consecutiva alla fiera internazionale HOST, che si terrà a Milano (polo fieristico Rho) dal 21 al 25 Ottobre, offrendo ai propri visitatori una vetrina di prodotti che racchiude le tecnologie e le soluzioni che l’Azienda produce, presso il padiglione 9 – stand S. 05. Neon-consulting propone una vasta gamma di soluzioni per l’identificazione interna ed esterna dei punti vendita, dalle insegne luminose tradizionali contraddistinte da una indiscussa qualità tecnica e percepita, alle varie novità per l’utilizzo interno ed esterno che vedono l’impiego di tecnologie eco-compatibili e a basso consumo energetico.

A Host 2011 (21-25 ottobre a Fiera Milano) Panafè, il marchio di punta della Commerciale Adriatica, sarà presente allo stand Q27 nel padiglione 9 per presentare le proposte più innovative nel settore delle macchine del caffè, La gamma di macchine per preparare l’espresso italiano con cialde e capsule a marchio Panafè, è stata progettata ed è costruita da Commerciale Adriatica per offrire a tutti un elettrodomestico efficiente, di elevato contenuto tecnologico e facile da usare. Un prodotto che conquisterà sia i venditori sia gli utilizzatori finali con un funzionamento sempre impeccabile. Queste macchine Panafè specifiche per la linea Vending sono nate, sin dal progetto, per l’erogazione del caffè porzionato. Una nuova serie che è stata pensata all’insegna della sostenibilità, per garantire consumi energetici ridotti e basso impatto ambientale. Senza trascurare la cura della forma: un mix perfetto di design innovativo e praticità che fa di ogni nostro modello una macchina affidabile, garantita e di lunga durata su cui contare sempre. I progettisti della Commerciale Adriatica hanno sviluppato queste macchine Panafè con molti obiettivi a cominciare dall’ottimizzazione del rendimento.

Parte domani, martedì 18, la manifestazione fieristica “Cibus Tec 2011 – Technologies & Solutions for the food industry”, manifestazione di riferimento internazionale per il settore meccano-alimentare, presso le Fiere di Parma fino al 21 ottobre. Cibus Tec è stata organizzata in parziale concomitanza con “Summilk – Il Congresso Mondiale del Latte” i cui 1300 delegati visiteranno la fiera nelle giornate del 18 e 19 ottobre. Cibus Tec approda alla sua 72° edizione con una veste totalmente rinnovata: da esposizione di tecnologie diviene anche evento di confronto tra gli operatori del settore per studiare soluzioni tecniche, per individuare trend di consumo e aprire nuovi mercati esteri. Complementare al successo del made in Italy alimentare, il settore delle macchine e tecnologie per il settore alimentare è cresciuto del 4,5% nel 2010 con quasi 4 miliardi di euro di ricavi complessivi, con una quota export superiore all’80%.

Dal 16 ottobre “Macchinetta Amore Mio” sarà il tormentone dei milioni di utilizzatori di distributori automatici. Televisione, web, carta stampata, affissioni, ma anche gli stessi bicchieri utilizzati dagli operatori del settore, saranno i mezzi utilizzati per la prima campagna pubblicitaria interamente dedicata al mondo del Vending. A promuovere questa iniziativa è Confida, l’associazione di categoria che, in seno a Confcommercio, Imprese per l’Italia, rappresenta le aziende Italiane della distribuzione automatica. Sei gli spot televisivi realizzati, ambientati in contesti d’uso tipici del Vending: ospedali, fabbriche, uffici e luoghi di transito. Protagonista, ovviamente, la “macchinetta”, il distributore automatico. La macchinetta è luogo di ritrovo e appuntamento immancabile per milioni di Italiani che quotidianamente la utilizzano per spezzare il ritmo di una giornata di lavoro, per ritrovare energia e concentrazione, o più semplicemente per scambiare due chiacchiere e un sorriso nella pausa caffè.

La settima edizione del Concorso Enologico Internazionale ‘Emozioni dal Mondo: Merlot e Cabernet Insieme’ ha confermato le caratteristiche di internazionalità e rappresentatività dell’edizione 2010. Ben 201 i vini presentati dai produttori di tutto il mondo (15 i paesi rappresentati: Spagna, Francia, Italia, Germania, Serbia, Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Israele, Malta, Sud Africa, Chile, Perù, Turchia) per essere sottoposti al giudizio di giudici di varia estrazione (tecnici e giornalisti) altamente qualificati provenienti da 18 nazioni (Perù, Nuova Zelanda, Repubblica Ceca, Italia, Croazia, Serbia, Slovenia, Francia, Lettonia, Malta, Israele, Germania, Austria, Lussemburgo, Belgio, Ungheria, Slovacchia, Polonia). I 63 giudici, suddivisi in 7 commissioni hanno confermato il primato di ‘Emozioni dal Mondo: Merlot e Cabernet Insieme’ per quanto riguarda il rapporto tra il numero di degustatori e il numero di campioni degustati. Le due Gran Medaglie d’Oro alla Slovenia e a Mantova, le 56 Medaglie d’Oro distribuite su 7 Paesi.

I lusinghieri risultati che arrivano dalle degustazioni di quest’anno confermano che l’Umbria è una delle regioni vinicole più convincenti per la proposta qualitativa che ogni vendemmia i produttori offrono con le proprie bottiglie. I simboli dell’eccellenza sono 9, come l’anno scorso, ed è un numero importante per una regione piccola in termini di estensione, la cui viticoltura di qualità è da ascrivere ad appena qualche decennio fa. Con una rapida analisi dei singoli territori ci accorgiamo di come il Montefalco Sagrantino, rosso simbolo dell’Umbria, mostri in maniera più precisa i passi da gigante che alcune aziende stanno compiendo per arrivare al massimo traguardo qualitativo: assaggiamo sempre più dei vini che non temono le criticità in termini di potenza ed estrazione tannica che il vitigno – specie da giovane – dà, e riescono a offrire delle etichette dalle chiare caratteristiche di eleganza e finezza.

F.lli Gancia spa, la storica azienda di Canelli, leader nel settore degli spumanti, vara un piano di rafforzamento della struttura finanziaria della società che prevede un aumento di capitale da 5 milioni di euro e un finanziamento da un pool di banche nell’ambito di una più ampia strategia che punta sul ritorno al core business delle bollicine e dei vini piemontesi. La società piemontese punta ad un ritorno all’utile entro il 2013 e i dati positivi di crescita la crescita del nei primi 6 mesi 2011 sono in linea con questo obiettivo. Lo hanno annunciato il management societario presentando l’operazione di ricapitalizzazione finalizzata ad assicurare un migliore equilibrio alla struttura finanziaria e produttiva e a dare più forza alla sua capacità di competere sul mercato. L’aumento di capitale di 5 milioni di euro, deliberato dall’assemblea dei soci il 16 maggio 2011, è stato interamente sottoscritto a fine luglio 2011 dalla famiglia Gancia che detiene il 100% della società, anche se ha ormai delegato la conduzione aziendale a manager esterni. Un impegno finanziario che è stato integrato da un nuovo finanziamento a medio-lungo termine di 10 milioni di euro, erogato da un pool di 5 banche.

CMA è il gruppo leader mondiale nel mercato delle macchine per caffè espresso professionali, con una produzione di oltre 30 mila macchine anno, presente sul mercato con il marchio Astoria. “CMA oggi produce e distribuisce macchine per caffè espresso tradizionali e super automatiche in tutto il mondo dedicandosi con passione e continuità alla crescita della cultura dell’espresso, ponendo massima attenzione a tutte le persone coinvolte nel settore: il coltivatore di caffè, il torrefattore, il tecnico, il barista, fino al cliente che gusta il suo caffè espresso: unico!” afferma l’ingegner Andrea Bianchin, direttore commerciale. CMA è un punto di riferimento per “baristi, torrefattori e distributori di attrezzature di tutto il mondo, ma si rivolge anche ai grandi gruppi internazionali e catene di coffe shop, per cui progettiamo e sviluppiamo prodotti ‘private label’, cioè con marchio personalizzato”.

Il Veneto si conferma un territorio di grande vitalità, testimoniata da una significativa presenza di territori e aziende che giungono ai Tre Bicchieri per la prima volta. Le locomotive regionali sono sempre le stesse, Valpolicella e Soave, zone che nel corso dell’ultimo ventennio hanno saputo percorrere un sentiero dove le uve locali e le tradizioni hanno trovato la giusta sinergia per giungere ad alti risultati. L’Amarone è il consueto campione, capace di affrontare le difficoltà vendemmiali potendo contare su una fase di appassimento perfettamente conosciuta dalle aziende, che sanno così offrire vini dal profilo più disponibile, come per la vendemmia 2006, o più esuberante e potente come per la 2007. Qui accanto a nomi storici della denominazione come Allegrini o Bertani, ecco l’exploit di aziende meno conosciute ma di assoluto valore, come Ca’ La Bionda dei fratelli Castellani o Musella di Maddalena ed Emilio Pasqua, senza dimenticare Carlo Venturini che, a Monte dall’Ora con il suoSaustò, dimostra come classe e finezza sono raggiungibili anche con la tecnica del Ripasso.

Impianti completi per la produzione e il riempimento di bottiglie in PET per birra, destinate al mercato russo. È questa l’ultima novità lanciata sul mercato del beverage da Sacmi. Grazie alle competenze sviluppate negli anni dalle diverse imprese del Gruppo riunite in Sacmi Beverage, è stato messo a punto, infatti, un sistema chiavi in mano in grado di realizzare ogni fase della lavorazione per un prodotto che finora non era mai stato proposto con questo tipo di confezionamento. Ad aver finora impedito questa evoluzione era il fatto che, non avendo un consumo immediato, la birra all’interno delle bottiglie in PET rischiava di deteriorarsi. Diversa, però, la situazione sul mercato russo, che presentando dinamiche di logistica e distribuzione più rapide, non espone la bevanda alcolica a questo tipo di rischio.

“100% frutta, 100% vetro, 100% design, 300% vere emozioni: come il packaging può essere usato in qualità di strumento creativo per un’efficace comunicazione di marca”. Questo sarà il tema centrale della relazione che O-I e true fruits GMbH terranno il prossimo 18 ottobre a Wiesbaden in occasione del terzo German Packaging Summit. La stretta collaborazione fra le due società è diventata una storia di successo nella comunicazione di brand, che è stata premiata con diversi prestigiosi riconoscimenti internazionali per il design e il packaging, fra cui il red dot design award nel 2009. true fruits, con sede a Bonn, ha lanciato per prima gli smoothies sul mercato tedesco nel 2006 ed è diventata da allora uno dei produttori di maggior successo in Germania.

Altoga, l’Associazione Lombarda Torrefattori), torna protagonista ad Host 2011, il Salone internazionale dell’ospitalità professionale, in programma in Fieramilano dal 21 al 25 ottobre, con il Coffee Village.. Nel Coffee Village (che attende gli operatori del settore in visita ad Host-presso il padiglione 18), Altoga darà vita a seminari e corsi tenuti dalla “Professional Coffee Academy”, la scuola di formazione di Altoga., con corsi che spaziano dal controllo sulla qualità del caffè alla degustazione delle varie miscele, fino a dimostrazioni sui segreti per decorare e rivestire un cappuccino. E proprio dai corsi della scuola Altoga che provengono i due finalisti che si contenderanno il Guinness World Records di Londra. I due concorrenti, Torres Nieto Patricio Danilo e Giovanni Cocco, che hanno sostenuto l’esame di “Maestro del Caffè” presso l’Aicaf di Brescia lo scorso anno.

Ispirata alla tradizione enologica italiana e volta a valorizzare le radici locali, il territorio e la tipicità, l’opera dà un segnale preciso ai consumatori e al mercato (italiano ed estero), che apprezza sempre più i livelli qualitativi e il rapporto qualità-prezzo che gli autoctoni esprimono. La Guida è unica, nel panorama italiano, per molti aspetti: è la sola dedicata ai vini da vitigni autoctoni e si basa su un processo di selezione eccezionale per impegno e per trasparenza. ViniBuoni d’Italia anche quest’anno ha aperto le degustazioni alla vicina Istria croata a riconoscimento del grande lavoro che i vignaioli di oltrefrontiera stanno portando avanti. Inoltre, novità assoluta, è presente la sezione dedicata agli spumanti italiani metodo classico curato dall’Onav (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino).

Piccola flessione nel numero dei Tre Bicchieri totali per la Toscana. Ma le annate a rappresentare i vari territori quest’anno hanno dato risultati un po’ a macchia di leopardo, non consentendo quella generale omogeneità qualitativa che aveva caratterizzato la regione nella Guida dello scorso anno. In Chianti Classico il 2009 ha dimostrato di essere un millesimo faticoso e arcigno, con vini un po’ tronchi, soprattutto nelle zone più calde della denominazione, mentre le Riserva dell’annata 2008 mancavano in genere di quel pizzico di spalla in più di cui la tipologia avrebbe bisogno per imporsi, potendo contare invece sulla raffinata fisionomia. Certo, eccezioni ci sono, eccome, tutte in chiave di estrema eleganza e succosa distensione, ma certo l’annata 2007 aveva reso le cose più semplici.

“Dove, Come e Quando Pulire”. Questo sarà il percorso formativo dove verranno smentite molte credenze popolari sul caffè. Costantemente presente dove si parla di qualità e nei maggiori eventi mondiali rivolti alla Caffetteria, Asachimici – Pulycaff sarà in “ prima linea “ durante la manifestazione B2B più attesa del 2011: HOST, Milano dal 21- 25 Ottobre alla Fiera Milano di Rho. Durante queste giornate Asachimici – Pulycaff presenterà i suoi prodotti a tutto il mondo dell’ospitalità, tenendo work-shop inerenti la pulizia delle attrezzature da Caffetteria e Miscelazione.

In occasione del Salone Internazionale del Caffè 2011, PRO.VE.MA. presenterà nel suo stand (pad. 9P stand Q16 S15) una ampia gamma di macchine per il settore alimentare e del caffè in particolare. La novità esposta per la prima volta in fiera è la macchina “Big Vacuum” semiautomatica per realizzare il sottovuoto per packaging a partire da 10 kg, con anche la possibilità di insufflazione di azoto. Questa macchina risponde alla esigenza dei torrefattori di garantire la qualità del prodotto anche durante la movimentazione e lo stoccaggio del caffè. Realizzare il sottovuoto anche in queste fasi assicura la conservazione dell’aroma e delle qualità organolettiche del caffè.

La Riserva Ducale 2007, lo storico Chianti Classico di Ruffino, festeggia i suoi primi ottant’anni di storia con un tour nelle enoteche italiane: una degustazione itinerante che si sposterà in molte città, tra cui Roma, Firenze, Torino, Milano, Genova, Bergamo. La prima tappa sarà a Firenze il 15 ottobre. Tante le enoteche ambasciatrici che apriranno le loro porte ad appassionati e curiosi per far conoscere l’illustre vino, dando vita all’evento “Riserva Ducale in tour”, un vero e proprio momento di toscanità itinerante. Infatti, la Riserva Ducale è un vero simbolo di toscanità le cui radici affiorano nella Toscana di fine Ottocento, quando vino significava semplice alimento, uve bianche e nere vinificate insieme, pigiatura con i piedi. Ruffino già a quei tempi produceva un vino di grande ambizione, per le occasioni speciali, da conservare in cantina in un lento riposo.

Yoga lancia sul mercato italiano il primo succo di frutta arricchito con cacao. Con questa nuova linea di succhi Yoga unisce alla genuinità della frutta la bontà e l’energia del cacao e inventa una bevanda unica e gustosa. Una novità assoluta in tre golose varianti. Pera & Cacao, Fragola & Cacao, Mela, Banana & Cacao, nati per soddisfare tutti i palati; una ghiotta novità da provare nel pratico brik da 125 ml. FruttyCao si propone come la merenda ideale per i bambini ed i ragazzi, una merenda gustosa e nutriente, con le stesse calorie di un normale succo.

Pepsi, storico marchio internazionale di Cole, ha sviluppato un progetto innovativo nel corso del 2011, con la promessa di fornire ai giovani una piattaforma per esprimere le proprie idee per migliorare la loro quotidianità e quella della comunità che li circonda e soprattutto di realizzare i 3 progetti ritenuti più interessanti dal popolo del web.Da marzo a luglio 2011, Pepsi ha creato infatti una piazza virtuale, dove poter raccontare i propri bisogni e i propri sogni, per migliorare il proprio mondo. Tra le idee caricate sul sito, una battaglia all’ultimo voto tra gli utenti ha decretato i tre progetti vincitori e Pepsi li trasformerà in progetti concreti nel 2012.Le tre idee che si sono aggiudicate la vittoria del concorso permetteranno a molti giovani italiani di poter godere di nuove infrastrutture per trascorrere il tempo libero e forniranno un’opportunità per migliorare la loro vita quotidiana lavorativa o personale. A partire da Ottobre inizierà la ricerca di partner e fornitori e la stesura dei progetti definitivi, per poi partire nel 2012 con le tre realizzazioni.

Italcaffè spa, la torrefazione spezzina produttrice di caffè espresso in miscele di qualità, sarà presente a HOST 2011 alla fiera di Milano Rho dal 21 al 25 ottobre 2011 al Padiglione 9P/1 Stand H27. Per l’occasione Italcaffè avrà modo di presentare Aroma Espresso e Aroma Bar, i nuovi caffè confezionati sottovuoto in sacchetto da 1.000 grammi e muniti di valvola salva aroma destinati specificamente al mercato della ristorazione. Si tratta di due miscele di caffè dal gusto pieno e corposo con un aroma intenso. La società ha ottenuto importanti certificazioni qualitative ai massimi standard nel campo alimentare e – in coerenza con questi standard – è impegnata nell’adozione di severe norme di controllo del processo di lavorazione definite a livello europeo.

Proiettata ormai da tempo nei mercati internazionali e mondiali, Miscela d’Oro, storica torrefazione messinese dal 1946, ha deciso di partecipare alla fiera internazionale HOST, che si terrà a Milano (polo fieristico Rho) dal 21 al 25 Ottobre, riservandosi uno spazio ampio e confortevole per poter ospitare i partner che la rappresentano nel mondo. E dopo avere esposto nel 2007 l’originalità delle sue immagini, quest’anno presenta in 140 mq. i suoi ambiziosi progetti aziendali. Uno stand nuovo, fresco, pulito, progettato e ideato dall’arch. Antonio Virgilio di Messina che ben conosce la mission aziendale della famiglia Urbano rispettando fedelmente l’immagine creata da Oliviero Toscani.

AAT SpA (con il marchio Oranfresh®) rinnova la propria linea di distributori automatici nella tecnologia e nell’operatività con l’obiettivo di rendere pratico e remunerativo il business dell’healthy food, grazie ad un prodotto d’eccellenza come il succo d’arancia fresca appena spremuto.
Oranfresh® sul grande palcoscenico dell’Host 2011 presenterà la rinnovata OR Juice Take Away, che fornisce al cliente un contenitore (della capacità massima di 400 cc) sigillato termicamente per l’asporto, proponendo il consumo di succo d’arancia fresca al target che preferisce gustarlo lontano dal distributore, a casa propria od in ufficio piuttosto che in palestra.

Insieme ai maestri della fotografia internazionale, da 20 anni Lavazza firma calendari unici divenuti portavoce d’eccellenza per parlare dell’Azienda non solo all’Italia, ma al mondo. E’ dal 1993, infatti, che i più grandi fotografi ne hanno condiviso l’entusiasmo, la passione e la tensione alla massima qualità. Grazie a tutti loro il Calendario è diventato oggetto di collezione e, dall’edizione 2002 – con le immagini di David LaChapelle – è divenuto firma e cifra stilistica della campagna pubblicitaria internazionale di Lavazza. Le immagini dei calendari sono, da allora, scese nelle piazze più importanti del mondo, vestendo i palazzi delle maggiori città europee, e rendendole quasi dei musei en plen air. Helmut Newton, Ellen von Unwerth, Ferdinando Scianna, Albert Watson, David LaChapelle, Jean-Baptiste Mondino, Annie Leibovitz, Eugenio Recuenco, sono alcuni dei nomi che hanno reso possibile questo percorso e che vengono celebrati insieme a Lavazza in una mostra alla Triennale di Milano fino al 9 novembre 2011. Il progetto Lavazza “con te partirò” si compone di una mostra, di una monografia fotografica – edita da Rizzoli e Rizzoli International – e di un progetto digitale: filo conduttore comune il viaggio e la seduzione, con la figura femminile a guida di un percorso verso un mondo parallelo.

The Lavazzers è il titolo della ventesima edizione del Calendario Lavazza che, per festeggiare un traguardo così importante, ha riunito 12 maestri della fotografia che hanno reso grande negli anni il Calendario Lavazza. Erwin Olaf, Thierry Le Gouès, Miles Aldridge, Marino Parisotto, Eugenio Recuenco, Elliott Erwitt, Finlay MacKay, Mark Seliger, Annie Leibovitz, Albert Watson, David LaChapelle, Ellen von Unwerth. Sono loro, entusiasticamente, a essersi messi in gioco celebrando, con un autoscatto, il loro rapporto più intimo con il caffè Lavazza.

Disponibile da ottobre in GDO, il pack per il Natale 2011 conterrà cinque bottiglie Warsteiner Premium Verum 0,66lt e, in omaggio, lo speciale bicchiere “Warsteiner Tulpe” serigrafato con tre temi diversi – ideale per la collezione. Warsteiner, brand di birra Premium riconosciuto a livello internazionale, propone la confezione speciale per le feste di Natale 2011 con il prodotto fiore all’occhiello dell’Azienda, Warsteiner Premium Verum. Il pack natalizio, che contiene cinque bottiglie Warsteiner Premium Verum (0,66lt) e, in omaggio, il tipico bicchiere “Warsteiner Tulpe” serigrafato con tre temi natalizi, sarà in vendita in edizione limitata nelle più importanti catene della grande distribuzione a partire dal mese di ottobre.

La COSMAI COFFEE GROUP S.r.L., società italiana che opera nell’ambito della torrefazione e distribuzione del caffè di alta qualità, è felice di essere presente anche quest’anno a HOST 2011 alla fiera di Milano Rho (padiglione 18P/1, stand L79M80). In tale occasione COSMAI presenterà quattro nuovi prodotti: la serie “THE ORIGINS”, una pregiata selezione di caffè “monorigine” pensati per intenditori che amano assaporare caratteristiche aromatiche esclusive, dove inedite fragranze e profumi si fondono in caffè unici e preziosi, coltivati in una singola piantagione o “fazenda”.

HOST è il punto di riferimento per gli operatori di tutto il mondo nel mondo dell’ospitalità. Ospite d’onore è la cultura del caffè, fatta di esperienza e tecnica, di conoscenza e rispetto della natura. Ricerca, controllo della qualità e attenzione alla formazione professionale degli operatori, fanno del gusto italiano il punto di forza dell’evento. Essse Caffè sarà presente alla manifestazione (che si terrà dal 21 al 25 ottobre 2011 alla Fiera di Milano Rho), con lo STAND H12 L11 presso il PAD 9P . L’azienda bolognese presenterà il progetto “Colazione d’Italia” per decidere insieme quali sono le colazioni e gli abbinamenti preferiti dagli italiani e le differenze regionali e immaginare quale sarà la colazione tipo del futuro, confrontandosi con i Maestri pasticceri dell’Accademia AMPI, il tutto accompagnato dalla degustazione delle miscele Essse Caffè. Ci sarà anche l’opportunità di fare formazione grazie ai corsi, che saranno tenuti anche in lingua inglese. Verrà inoltre presentata la nuova collezione di tazze dedicate al 150° anniversario dell’Unità d’Italia e la nuova preparazione a base di caffè, sempre in onore del tricolore Italy Connection.

Dalla collaudata tecnologia di Aurelia nasce la seconda generazione dell’ammiraglia Nuova Simonelli. Si tratta di Aurelia II T3, la macchina per caffè espresso professionale dedicata ai baristi più esigenti perché garantisce delle prestazioni ancora più evolute in termini di precisione, qualità estrattiva, flessibilità di utilizzo e ripetibilità del risultato.

Lo straordinario successo della Fabbrica della Birra Tenute Collesi non si arresta. A settembre durante la premiazione all’International Beer Challenge di Londra il birrificio artigianale italiano, nonostante l’agguerrita concorrenza internazionale, ha visto aggiudicare numerosi premi alle sue pregiate birre: sono ben tre le birre sul podio con quattro riconoscimenti. La medaglia d’Argento è stata assegnata alla Birra Ambrata Fiat Lux, mentre sono state attribuite ben due Medaglie di Bronzo alla Birra Rossa Ubi e alla Birra Nera Maior, a quest’ultima anche la Medaglia di Bronzo nella sezione Design and Packaging, un premio che ha riconosciuto la raffinata eleganza del design italiano. La bottiglia della nera Maior Collesi ha vinto la medaglia di Bronzo all’IBC di Londra nella sezione Design and Packaging a conferma della riconosciuta e raffinata eleganza del design italiano.

La spa Cesare Trucillo , l’azienda salernitana famosa per la produzione di caffè di alta qualità, sarà presente con il proprio stand alla fiera Host 2011, il Salone Internazionale dell’Ospitalità Professionale, che si terrà dal 21 al 25 Ottobre 2011 nei padiglioni di FIERAMILANO, Rho. Ampio spazio sarà dato alla qualità dell’ espresso Trucillo. Allo stand dell’azienda (PAV 09- Stand G27) si potranno degustare le speciali miscele della casa, preparate ad arte dai professionisti del Centro Formazione, che quest’anno si avvale di un ospite internazionale, il campione mondiale di Latte Art Mr. Bruno Koo di Hong Kong. Il centro formazione della Cesare Trucillo è il fiore all’occhiello dell’azienda, il luogo dove confluiscono i saperi, esperienza, abilità, tecnologie, ricerche. Esso è stato voluto per diffondere la cultura del caffè e trasmettere, attraverso corsi di formazione, le conoscenze che servono a eccellere nell’arte dell’espresso, mettendo a disposizione tutta l’esperienza e il know how Trucillo.

CEM Industries, l’azienda riminese specialista negli impianti di refrigerazione industriale, sarà presente con il proprio stand alla fiera Host 2011, il Salone Internazionale dell’Ospitalità Professionale, che si terrà dal 21 al 25 Ottobre 2011 nei padiglioni di FIERAMILANO, Rho. Nell’occasione l’azienda presenterà le principali novità della sua produzione, tra cui alcune fontane ed erogatori di acque destinate al settore vending, come i modelli Aurora Vending, Fonte 100 Vending, Fonte 130 Vending, Fonte 160 Vending. La società esporrà a Host 2011 presso il padiglione 18, stand F104.

Caffita System S.p.A., azienda italiana produttrice di capsule da caffè monodose, sarà presente con il proprio stand alla fiera Host 2011, il Salone Internazionale dell’Ospitalità Professionale che si terrà dal 21 al 25 Ottobre 2011 nei padiglioni di FIERAMILANO, Rho.

Nell’occasione l’azienda, che è attiva da diversi anni nel mercato del caffè porzionato tramite la produzione e commercializzazione del proprio sistema semi-aperto a marchio Caffitaly System, presenterà l’innovativo sistema di deconto SD by Caffitaly System, studiato appositamente per proteggere le attività di gestione dei propri clienti, attuali e futuri, ed i nuovi modelli di macchine da caffè, studiati e realizzati per gli operatori appartenenti al segmento Vending – OCS.

Caffita System è presente a Host 2011allo stand S16-T23, padiglione 9P.

E’ noto a chiunque viaggi come l’espressione “espresso italiano” sia spesso apposta in maniera indiscriminata a caffè che di italiano non hanno proprio nulla. Una realtà che denota una carenza di reale cultura del prodotto, talvolta persino una certa malafede.Negli ultimi anni molto si è fatto per cercare di difendere in modo più efficace questo simbolo del made in Italy. L’Istituto Nazionale Espresso Italiano, in collaborazione con l’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè e il Centro Studi Assaggiatori, ha codificato nel 1998 il profilo dell’Espresso Italiano Certificato e ha poi avviato una certificazione in merito.Lo sforzo dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano non è caduto nel vuoto: oggi quel profilo sensoriale ha una legittimità internazionale. Ma se vogliamo difendere la tradizione dell’espresso italiano dobbiamo chiamare a raccolta tutti coloro che, pure in paesi lontani dal nostro, credono in questo prodotto e nella sua cultura.

Nutis srl, l’azienda napoletana specializzata nella produzione e commercializzazione di semilavorati per i locali dell’Horeca, sarà presente all’Host 2011 per presentare alcune importanti novità, tra cui le capsule aromatizzate, il caffè dietetico, il caffè afrodisiaco e la cremina di caffè calda. Nutis SRL è un’azienda che dal 1999 propone prodotti e soluzioni innovative per l’ Ho.re.ca, attraverso la produzione e distribuzione di semi-lavorati che ruotano attorno al mondo del caffè e dei suoi derivati, della cioccolata, delle granite, del tè, dei gelati e della dolciaria.

Molta luce qualitativa e parecchio buio produttivo in Piemonte. Nel senso che crescono le aziende impegnate a fare vini seri ma la crisi nelle vigne è notevole, soprattutto in quelle aree in cui barbera e dolcetto sono le uve principali, ormai svendute a prezzi da fame. E non è che la situazione dei vini più blasonati sia esattamente brillante, considerato che parecchie cantine hanno affrontato il difficile momento calando decisamente i listini, con conseguenze che vedremo nei prossimi anni. Data la premessa, la superficie vitata in produzione in Piemonte continua a calare, scendendo da 52.000 a 48.000 ettari negli ultimi cinque anni. E ovviamente si tratta per lo più di abbandoni di vigneti collinari di pregio che richiedono lunghe lavorazioni manuali e che non consentono di svendere le uve a 30 centesimi al chilo. Col che la produzione complessiva piemontese non è diminuita, assestandosi attorno ai 3 milioni di ettolitri (ufficiali, in quanto c’è chi ritiene che si produca molto di più) nel 2010.

A seguito delle edizioni ospitate con grande successo in ogni parte del mondo, e dopo 55 anni, questo evento torna in Italia con un tema improrogabile e di grande attualità: riunire gli esperti del settore lattiero per offrire il loro contributo ad una Sicurezza Alimentare Sostenibile. A Parma, dal 15 al 19 Ottobre 2011, Il World Dairy Summit 2011- Summilk darà ai partecipanti la possibilità di essere protagonisti dei diversi campi del comparto lattiero caseario: Latte e derivati dovrebbero, per l’alto valore nutritivo, essere elementi essenziali nell’alimentazione di tutte le popolazioni. Garantire la sicurezza degli alimenti quotidiani e farlo in maniera sostenibile è una sfida per il settore lattiero-caseario che implica la ricerca di una migliore gestione degli allevamenti, della salute e dell’alimentazione animale e l’applicazione sostenibile della scienza e della tecnologia alla produzione di latte e derivati.

Nel mercato italiano degli ultimi anni, si è evidenziato un notevole incremento del consumo di bevande salutistiche, aumento dovuto al bisogno di sentirsi sempre in forma e al desiderio di purificare il proprio corpo. Con un consumo procapite di oltre 11 litri all’anno il tè freddo rappresenta in Italia la seconda bevanda analcolica più consumata dagli italiani dopo la cola e i consumi crescono a tassi maggiori rispetto a quelli delle altre bevande (+1,8% di volumi a fronte di una crescita del mercato delle bevande analcoliche solamente del 0,7%). Lipton Ice Tea anche nel 2011 si è confermato un player importante nell’arena competitiva della categoria ed ha voluto ancora una volta innovare al fine di dare maggior valore al consumatore e cercare di andare incontro alle sue esigenze.

In esclusiva all’Host 2011 di Milano, la presentazione dell’ultima superautomatica Necta, frutto di 50 anni di innovazione tecnologica e gusto per l’espresso italiano. Cresce e si struttura la presenza di Necta all’interno del canale Ho.Re.Ca, obiettivo strategico di primaria importanza accanto al settore Vending & Office Coffee Service, in quanto territorio elettivo per sperimentare e raggiungere traguardi sempre più ambiziosi di automazione e design applicati al piacere dell’autentico caffè espresso italiano.

Fin dall’inizio ha puntato sulla tostatura singola: lavorare, cioè, singolarmente ogni qualità di seme così da creare delle miscele in cui ogni componente è tostato nel pieno rispetto delle proprie qualità organolettiche, ottenendo dei caffè equilibrati per corpo, gusto e acidità. Materie prime importate direttamente dal Sud America, Asia ed Africa sottoposte ad un processo di lavorazione interamente automatizzato e monitorato elettronicamente in ogni sua fase.“Disponiamo di una vasta selezione di miscele: da quelle più ricercate, create per un pubblico di nicchia, fino a quelle rivolte ai segmenti di mercato più sensibili al prezzo.” dichiara Sandro Spadola, direttore generale di Caffè Moak. “Ad oggi il 75% del fatturato proviene dal mercato interno e il 25% da quello estero” prosegue Spadola. Negli ultimi anni le novità proposte da Caffè Moak sono state tante, e non solo in termini di prodotti.

Sono 20 le classi italiane vincitrici della prima edizione del concorso “STORIA DI UNA BOTTIGLIA”, lanciato nelle scuole primarie lo scorso aprile dal Gruppo Sanpellegrino per sensibilizzare i bambini al rispetto nei confronti dell’ambiente, mostrandogli cosa si può fare con le bottiglie una volta che sono state utilizzate. Per partecipare al concorso, promosso in collaborazione con Giunti Progetti Educativi e Corepla – Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio ed il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica, le scuole primarie di tutta Italia sono state invitate a realizzare una storia che raccontasse le avventure di una bottiglia di acqua minerale. Così i bambini hanno dato libero spazio alla loro fantasia e immaginazione inventando storie in cui le bottiglie protagoniste dei racconti vanno alla scoperta del mondo, vengono trasportate dalle onde del mare, mangiate da uno squalo, si trasformano magicamente in un bambino e vengono utilizzate dai pescatori come galleggianti per le barche…

Appuntamento a cadenza biennale, leader a livello mondiale per tutto ciò che rappresenta in modo completo e sinergico la galassia dell’ospitalità professionale, HOST vede quest’anno la partecipazione dell’Associazione CSC con uno stand ancora più ampio, che propone il nuovo logo – integrato dall’headline “Best coffees for espresso” – realizzato dallo studio grafico spagnolo Pati Nunez Associati di Barcellona.

Il nuovo arrivato di Tenuta Sant’Antonio si chiama Télos il Bianco. Da questi giorni, è disponibile in un’edizione limitata di 12.000 bottiglie. La veste grafica della bottiglia, volutamente essenziale e elegante, suggerisce l’identità di questo vino “franco”, dall’animo sincero e senza aggiunta di solfiti, una sottrazione che punta alla purezza e quindi alla qualità e digeribilità del prodotto. Un’idea che riveste anche la nuova bottiglia nella sua ricercata semplicità: il candore dell’etichetta, la chiarezza del testo e la raffinatezza del cartellino sono tocchi di classe riservati a un vino delicato, dal sapore fresco e dalla gradazione alcolica del 12,5%.

Air Dolomiti, Compagnia italiana del Gruppo Lufthansa, ed Ersa, l’Agenzia regionale per lo sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia, hanno siglato una collaborazione per far conoscere e divulgare il Friulano e gli altri vini del Friuli Venezia Giulia attraverso una serie di eventi promozionali.Nello Spazio Italia all’aeroporto di Monaco di Baviera è stata allestita, fino al 17 ottobre, un’elegante area espositiva di 40 mq personalizzata nell’arredo delle pareti, delle vetrine e del desk informativo dove vengono offerti flyer che illustrano la straordinaria varietà e l’elevata qualità dei vini del Friuli Venezia Giulia, descrivendo la peculiarità delle diverse aree di produzione, le otto zone DOC della regione e i sette Consorzi che le tutelano.

Lentamente ma con costanza la Calabria, considerata sino a qualche anno una delle meno brillanti sotto il profilo vitivinicolo, sta accorciando le distanze con le altre regioni d’Italia. I tempi, quando si decide di cambiare assetti e filosofia produttiva sono ovviamente lunghi, soprattutto se fatti con serietà e rigore, ma i risultati delle nostre degustazioni di quest’anno indicano chiaramente come il percorso intrapreso da molte delle cantine calabresi stia dando ormai ottimi risultati. Tante luci e qualche ombra nella nostra annuale ricognizione della Basilicata da bere. Da una parte assistiamo a un progressivo rimescolamento di gerarchie aziendali e territoriali, dall’altra dobbiamo fare i conti con la fase più acuta della crisi economica, col suo portato di scissioni familiari, cantine che passano di mano o addirittura sono costrette a chiudere. Mai come questa volta ci siamo trovati di fronte a tante etichette già valutate in altre edizioni della Guida o, all’inverso, a un numero così alto di campioni da botte: probabile segno di quanta fatica si faccia anche in Lucania ad armonizzare i tempi della vigna con quelli del mercato.

Dal primo novembre la Centrali Produttori Latte Lombardia S.p.A., , potrà utilizzare promozionalmente sulle confezioni da litro Carton Bottle delle sue referenze bestseller di latte fresco “LatteMilano Alta Qualità” e “LatteMilano Parzialmente Scremato” un testimonial d’eccezione: Il Re Leone. La partnership, siglata con The Walt Disney Company Italia, nasce dalla volontà congiunta di Centrali Produttori Latte Lombardia S.p.A. e Disney Italia di promuovere i valori di una sana e corretta alimentazione soprattutto tra i bambini e nelle famiglie. L’iniziativa sarà “a scaffale” in contemporanea con il lancio nelle sale cinematografiche italiane del grande classico Disney, per l’occasione impreziosito dalla magia del 3D.

All’ANUGA, la più grande e importante fiera internazionale del cibo che si svolge in questi giorni nella città tedesca di Colonia, il Consorzio Aceto Balsamico di Modena ha presentato agli operatori commerciali e ai consumatori di tutto il mondo la bottiglia di forma unica che sarà possibile da oggi reperire in commercio per il prodotto IGP. “Non si tratta di una novità assoluta – afferma il Presidente del Consorzio, Cesare Mazzetti – in quanto la bottiglia consortile è stata ideata anni fa per scopi promozionali. Essa è sempre stata utilizzata durante manifestazioni, per doni oppure per essere fotografata a fini istituzionali. Insomma, si tratta di una bottiglia che ‘impersona’ l’Aceto Balsamico di Modena IGP. La novità sta nel fatto che da oggi essa viene ceduta ai Soci del Consorzio, che la potranno offrire sul mercato con una qualità di prodotto rispondente a criteri minimi e verificati dal Consorzio stesso, e con un confezionamento unico, in grado di assicurarne la diffusione e l’immediata riconoscibilità”.

Con il “WinCC-to-zenon Converter”, COPA-DATA, lo specialista dell´automazione, mette a disposizione della sua clientela uno strumento che permette di convertire semplicemente i progetti realizzati con WinCC e di importarli in zenon. Basato su un Wizard, il “WinCC-to-zenon Converter” aiuta coloro che usano il software di automazione WinCC di Siemens a passare in modo semplice e sicuro a zenon, il sistema HMI/SCADA di COPA-DATA.

L’Altamarca trevigiana – dicono gli esperti – è ideale per il fitwalking,l’arte del camminare utile per fare movimento, osservare il paesaggio e svolgere attività giornaliera come coadiuvante della salute. Il territorio collinare, le stradine bianche fra le vigne, le vie tranquille dei campi e dei borghi rurali sono gli ambienti ideali. Il “pianeta WALK-IN” sta avendo sempre più successo fra le persone di mezza età. E’ una forma di praticare il cammino che ne evidenzia tutte le potenzialità. Il termine inglese significa letteralmente “camminare per la forma fisica”; è il denominatore comune per tutte le attività di cammino che escono dalla normale locomozione quotidiana e diventano attività sportiva, per il tempo libero, per il divertimento, per il fitness, per la salute, per il benessere.

Per il vino romagnolo si tratta di una svolta assolutamente positiva per dare un nuovo impulso al settore. Era molto che se ne parlava e finalmente, dopo l’approvazione da parte del Ministero delle Politiche Agricole avvenuta il 22 settembre, l’8 ottobre 2011 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 235 il Decreto di riconoscimento della nuova denominazione di origine controllata dei vini “Romagna”. Denominazione che, oltre a prevedere la modifica della Docg Albana di Romagna in “Romagna Albana”, accorpa in un unico disciplinare, oltre all’Albana spumante, le Doc Sangiovese, Trebbiano, Cagnina e Pagadebit, variandone la denominazione in “Romagna Sangiovese”, “Romagna Trebbiano”, “Romagna Pagadebit”, “Romagna Cagnina”. Il disciplinare “Romagna” riunisce quindi tutte le attuali denominazioni, con l’obiettivo di salvaguardare e promuovere con maggiore efficacia, sul mercato nazionale e internazionale, i territori dei vini e ovviamente i prodotti a Denominazione di Origine.

All’interno di un percorso di rinnovamento dell’immagine, di ricerca costante delle qualità e dell’attenzione al consumatore, Musetti partecipa all’edizione 2011 della fiera Host portando numerosi spunti di novità e collaborazioni a tutto tondo. Quest’anno, caffè Musetti ha rinnovato la sua immagine inserendo forme e colori del logo in modo attivo all’interno dei progetti di comunicazione ed allineando tutti gli items con una nuova identity grafica forte e chiara. Ora crediamo che con questo restyling del marchio sia più esplicito il carattere dell’azienda: amiamo il caffè e la tradizione del caffè ma nello stesso tempo siamo proiettati al futuro e ad una innovazione rivolta con efficacia alla qualità. In continuità con questo percorso presenteremo il nuovo packaging dei prodotti in grani e dei macinati.

Da ottobre 100.000 bottiglie di Amaro Ramazzotti invadono supermercati, ipermercati e Cash&Carry di tutta Italia e regalano due USIM 3 con 60 minuti di chiamate e 60 SMS gratis al giorno per sei mesi. La promozione è supportata da un’irriverente campagna radio firmata Ranzani. Amaro Ramazzotti, l’amaro italiano che ha conquistato il mondo con la sua carica ironica e decisamente unconventional, lancia l’originale promozione Chiama i tuoi amici con Ramazzotti, in collaborazione con 3 Italia, operatore leader in Italia nel settore delle telecomunicazioni mobili UMTS. Da ottobre 2011 a marzo 2012 coloro che acquisteranno una bottiglia di Amaro Ramazzotti avranno in regalo due USIM ricaricabili di 3, ciascuna con già attiva l’opzione “Gente di 3” che include ben 60 minuti di chiamate e 60 SMS al giorno per 6 mesi verso tutti i numeri 3.

Confezioni e confezionatrici devono essere adattate le une alle altre in modo ottimale per ottenere la qualità più elevata e il massimo rendimento delle macchine, quindi è logico che i produttori di macchine e i fornitori delle confezioni collaborino strettamente fin dall’inizio. Per questo la Krones AG di Neutraubling (Germania) ha stipulato un contratto di cooperazione con la A&R Carton Bremen GmbH di Brema, produttore tedesco di cartoni pieghevoli e specialista delle confezioni multipack.

Continua la prestigiosa collaborazione con l’associazione gastronomica “Le Soste”, capitanata dal celebre Gualtiero Marchesi. Un riconoscimento di alto livello per l’acqua minerale di alta montagna più leggera d’Europa. “Le Soste” pubblicano ogni anno un prezioso vademecum che raggruppa i migliori ristoranti di alta cucina italiana nel mondo. Per l’occasione l’edizione 2011 ha Plose come sponsor unico, a ribadire il forte rapporto tra i due partner.

Quest’anno sono 18 le aziende lombarde a salire sul podio dei Tre Bicchieri. Un numero importante che testimonia come il grande lavoro di programmazione e di ristrutturazione di molte zone e di moltissime aziende, stia procedendo in modo spedito. Dalla progettualità alla pratica con determinazione ed entusiasmo, insomma. Lo si percepisce fino dalla Valtellina, dove sono tre le aziende premiate, ma solo una di queste, Mamete Prevostini, ottiene il nostro premio con un eccellente Sforzato, l’Albareda ’09. Gli altri due, Nono Negri con il Valtellina del Vigneto Fracia ’08 e Arturo Pelizzati Perego – Ar.Pe.Pe – con uno splendido Sassella Stella Retica Riserva ’06. A conferma che il vino da appassimento non è l’unica possibilità di Grand Vin sulle Alpi Retiche, ma anzi il nebbiolo – o chiavennasca – qui si può esprimere “normalmente” ad altissimo livello. L’unico bianco fermo premiato della regione è una conferma, è il Lugana Selezione Fabio Contato della Provenza, che si unisce alla foto di gruppo lombardo veneta che insieme ad altri due vini della denominazione festeggia lo stato di questo fragrante bianco gardesano.

Arriva il riconoscimento più atteso, assegnato alle cantine che si distinguono in modo particolare per come interpretano valori (organolettici, territoriali, ambientali e identitari) in sintonia con Slow Food. Due informazioni aggiuntive per meglio far comprendere la metodologia di lavoro. Questo riconoscimento è assegnato dopo una o più visite in cantina e dopo la degustazioni in almeno 3 fasi diverse durante l’anno della batteria presentata da ogni singola azienda. Guida Slow Wine è l’unica guida italiana che effettua tutte le visite a tappeto. Accanto alla normale scheda, redatta per tutte le aziende, nel caso della Chiocciola vengono dedicate 700/800 battute per spiegare la motivazione della scelta, questo perché è giusto far capire ai lettori il senso di ogni singola scelta in questo campo.

Il marchio USA Coca-Cola, famoso in tutto il mondo per la bibita scura alla cola, conquista per il dodicesimo anno consecutivo, la vetta della classifica Best Global Brands, i 100 migliori marchi mondiali. Gli altri primi posti della Top10 sono monopolio del settore tecnologico: IBM, Microsoft, Google, GE, Intel, Apple, Hewlett-Packard, Disney, con l’eccezione di McDonald’s (sesto posto). Il marchio Coca-Cola vale (secondo la valutazione di Interbrand, l’istituto internazionale che annualmente compila questa classifica) ben 71,8 miliardi di dollari. mentre Ibm (secondo posto) vale 69,9 miliardi e Microsoft (terzo) 59 miliardi. Non va benissimo per i marchi italiani, che, nonostante la tanto sbandierata forza del Made in Italy, hanno una presenza marginale all’interno della classifica Interbrand. Gucci (8,7 miliardi) è al trentanovesimo posto, Armani (3,7 miliardi) al novantatreesimo e Ferrari (3,5 miliardi) al novantanovesimo.

Un’affermazione importante anche quest’anno quella del Friuli Venezia Giulia, che vede ben 26 vini sul podio dei Tre Bicchieri. A conferma di una reputazione ormai consolidatissima di regione di grandi bianchi, solo uno di questi vini è rosso. E allora iniziamo proprio da questo dal Colli Orientali del Friuli Sacrisassi Rosso ’09 di Flavio e Silvana Basilica, una straordinaria coppia di vignaioli appassionati che anche in passato ci aveva regalato grandi emozioni. Il resto, dicevamo, è bianco. Con un vitigno che si impone all’attenzione, il Friulano. Se lo troviamo in purezza nei tre Colli Orientali, il ’09 di Ronc di Vico, lo splendido Vigne Cinquant’anni ’09 di Le Vigne di Zamò, e nel ’10 di Ronchi di Manzano, e nel Collio nella splendida interpretazione del ’10 di Franco Toros, non dobbiamo dimenticare che è l’ingrediente principale degli uvaggi e dei blend, a cominciare dal Collio Bianco.

Eraclea, la storica marca leader della cioccolata calda all’italiana, parteciperà con uno stand nel Centro Storico di Perugia all’edizione 2011 di Eurochocolate, l’irrinunciabile e attesissimo appuntamento per tutti gli amanti del cioccolato. Presso lo stand Eraclea i visitatori di Eurochocolate potranno immergersi in un viaggio sensoriale attraverso tutte le deliziose cioccolate della gamma Antica Cioccolateria, una linea che si distingue per gli ingredienti accuratamente selezionati, i cacao migliori e l’inconfondibile consistenza densa e cremosa della vera cioccolata all’italiana, quella inventata dalla storica marca Eraclea. La gamma propone ben 32 gusti, articolati tra Cioccolata Fondente, al Latte o Bianca con irresistibili abbinamenti per soddisfare i gusti più diversi e la voglia di varietà. Sarà possibile degustare i gusti più tradizionali e acquistare tutti i 32 gusti della linea tra i quali gli abbinamenti più originali proposti dalla selezione Qualità Unica, che utilizza alcuni ingredienti tipici della gastronomia italiana, come ad esempio il pistacchio di Bronte, il peperoncino di Calabria o le nocciole del Piemonte.

Xcelsius è un rivoluzionario sistema di erogazione del caffè, oggi disponibile su Classe 9, che consente un controllo della temperatura molto preciso e sofisticato progettato da Rancilio LAB. Si tratta di una novità assoluta per il settore, quella di poter effettuare delle erogazioni modificando in modo dinamico la temperatura dell’acqua durante l’erogazione stessa: il cosiddetto TEMPERATURE PROFILING. Si tratta di una nuova frontiera per le macchine del caffè, che consente di esplorare possibilità sensoriali totalmente nuove: infatti la temperatura dell’acqua per l’estrazione del caffè è uno dei principali parametri che influenzano il risultato in tazza dal punto di vista gustativo, e quindi variare la temperatura in modo controllato durante l’erogazione consente di esaltare o nascondere vari aromi della singola miscela di caffè.

Caffè River, a conferma delle sempre crescenti richieste di formazione e informazione nel settore, inaugura il suo Punto di Formazione Permanente con un corso di Patente per diventare assaggiatori di caffè, organizzato per giovedì 13 ottobre. Caffè River, con sede ad Arezzo, è torrefazione e fornitore di servizi di formazione e assistenza per il bar, e ha inaugurato recentemente il Punto di Formazione Permanente Iiac numero 30. Il centro di formazione e ricerca sul caffè sarà gestito e coordinato da Kira Peruzzi, assaggiatrice Iiac. All’interno di questo nuovo centro, per gli appassionati sarà possibile anche visitare il museo storico di oggetti riguardanti il caffè come macinini d’epoca, tostacaffè, caffettiere e macchine d’antiquariato.

La prossima edizione di InterBev si svolgerà in ottobre 2012 a Las Vegas – Nevada e sarà organizzata da NuernbergMesse North America, filiale americana del Gruppo NuernbergMesse che amplia ulteriormente il proprio portfolio internazionale. Oltre 300 rinomate aziende esporranno le novità ed i prodotti all’avanguardia agli oltre 3.000 operatori specializzati attesi. Il salone biennale InterBev dedicato all’industria delle bevande vanta una lunga tradizione, la prima edizione si tenne nel 1920 nel mezzo del proibizionismo, quando gli organizzatori della fiera invitarono ad assaporare drinks analcolici. Da allora il salone si è consolidato sul mercato nordamericano divenendo vetrina ideale per i prodotti e le innovazioni e vero e proprio punto di riferimento di settore.

Il mercato del vino guarda ad Est con l’8^ edizione di Vinitaly Tour Russia (www.vinitalytour.com) in programma a Mosca il 12 e 13 ottobre prossimi. Un appuntamento ormai tradizionale, atteso dai produttori italiani e dagli operatori russi per fare il punto della situazione di mercato, quest’anno divisa tra successo dell’export italiano e difficoltà burocratiche all’importazione. Due gli educational organizzati presso il Centro Conferenze del Swissotel Krasnye Kholmy a Mosca: “Stato dell’arte della distribuzione di vino in Russia: dialogo con importatori, distributori e stakeholders” e “I migliori strumenti per promuovere il vino italiano sul mercato russo: media specializzati, horeca, wine bloggers”. Un centinaio le aziende presenti tra cantine con propri banchi di assaggio e importatori pronti a intrecciare rapporti commerciali per conquistare nuovi consumatori in quello che è il quinto mercato mondiale per importazione di vini dopo Germania, Regno Unito, Usa e Francia.

Un grappolo d’uva stilizzato, una bottiglia dalla linea morbida, un’etichetta semplice, ma essenziale e un elegante font. Da oltre 20 anni questi elementi hanno caratterizzato l’immagine della linea di grappe monovarietali firmate “Specialista del Vitigno Unico”. Questi, recentemente rivisitati dall’agenzia ARTEFICE in chiave moderna e fresca, contraddistinguono lo stile raffinato di Grappa Frattina e la sua nuova identità di marca, pur mantenendo l’eleganza che da sempre contraddistingue il brand. Ma il restyling della bottiglia e del marchio rappresenta solo il punto di partenza. Infatti, quest’anno Frattina guarda al futuro con tante attività studiate e pianificate per sostenere il brand e rispondere alle esigenze dei clienti e dei consumatori. Sempre più evidente l’etichetta romboidale con una pennellata di colore che permette di riconoscere subito il vitigno di provenienza ed evidenzia la grande varietà di vinacce usate per la distillazione. Rosso – Chardonnay, Arancione – Moscato, Bianco – Pinot Bianco, Viola – Nero D’Avola, Giallo – Prosecco, Verde – Greco di Tufo e Oro – Cabernet Barricata. Proprio quest’ultima, che da anni si presentava in bottiglia nera, dopo il restyling è in vetro trasparente, per mostrare il suo tipico colore ambrato e per trasmettere così il proprio carattere forte, tipico dei distillati più preziosi.

Guala Closures, multinazionale italiana leader mondiale nella produzione di tappi a vite in alluminio per vino, olio e spirits, ha finalizzato oggi l’acquisizione dal fondo di Private Equity Enterprise Investors del 70% della società polacca DGS SA, attiva nella produzione di chiusure in alluminio. Il restante 30% rimarrà in capo all’attuale presidente del Board e azionista della Società.

Il Consorzio Promozione Caffè, l’associazione tra i produttori e i torrefattori, nata nel 1988 per promuovere, sviluppare e consolidare l’immagine del caffè, divulgando informazioni corrette dal punto di vista medico-scientifico – ha decretato tre giornalisti vincitori e riconosciuto tre menzioni d’onore, nell’ambito della 14° edizione del Premio DeCoffea. La Giuria DeCoffea, composta da Riccardo Renzi, Responsabile del Corriere Salute; Renato Mannheimer, Sociologo; Bruno Gambacorta, lnviato del TG2; Evelina Flachi, Nutrizionista; Eugenio Cialfa, in rappresentanza della Fondazione per lo Studio degli Alimenti e la Nutrizione; Pietro Migliaccio, Nutrizionista, Dietologo e Specialista in gastroenterologia e Luigi Saquella, Presidente del Consorzio Promozione Caffè, ha effettuato un’accurata selezione tra ben 280 articoli e servizi radio-televisivi dedicati al tema del caffè, per poi premiare i più meritevoli, per chiarezza espositiva, rigore scientifico e ricchezza dei contenuti.

Profonda esperienza, grande flessibilità produttiva, forte dinamismo commerciale, ottimo rapporto qualità/prezzo del suo vasto assortimento, elevato livello di servizio, capacità di cogliere i gusti dei consumatori e gli orientamenti e le opportunità di sviluppo dei mercati: sono questi i principali fattori-chiave del successo di Caldirola. Ad essi va aggiunta quella che sta diventando una leva sempre più strategica: l’export.Per questo, Casa Vinicola Caldirola non poteva mancare alla 31° edizione di Anuga, la più importante fiera food&beverage a livello internazionale che vede quest’anno l’Italia nella veste di paese partner, dove presenterà la propria crescita sui mercati di tutto il mondo.

Il beverage raddoppia a SAPORE 2012. La manifestazione, che si terrà a Rimini Fiera da sabato 25 a martedì 28 febbraio, cresce infatti ulteriormente riproponendosi come punto di riferimento per gli operatori interessati all’universo della birra e delle bevande in genere.Selezione Birra & Beverage aumenta quindi i propri spazi, proponendo in anteprima tutte le novità che caratterizzeranno il 2012. La nuova formula ha dunque risposto al meglio alle mutate esigenze del mercato, puntando i riflettori sulle specialità birrarie italiane ed estere e sui prodotti artigianali, anticipando come sempre le mode e le tendenze del momento. I dati dimostrano infatti che il consumo di birra pro capite è rimasto invariato negli ultimi anni. Ciò invece che si è modificato è il comportamento di chi beve la birra. Il livello conoscitivo dei vari prodotti si è ulteriormente alzato e il pubblico ricerca maggiormente specialità , prodotti di nicchia, birre dalle caratteristiche particolari, come quelle senza glutine, solo per citare un esempio tra i tanti.

Constellation Brands, Inc. (NYSE: STZ), l’importante multinazionale americana specializzata in vini di qualità, ha oggi annunciato di aver acquisito il rimanente 50,1% dell’azienda vinicola toscana Ruffino dalla famiglia Folonari per una cifra di circa 50 milioni di euro. Constellation dà il suo benvenuto ai circa 130 dipendenti Ruffino ed è adesso proprietaria del 100% del marchio Ruffino e della storica struttura produttiva di Pontassieve, presso Firenze. I vini continueranno a essere prodotti nei circa 600 prestigiosi ettari vitati dei Tenimenti Ruffino in Toscana. “Ruffino, fondata nel 1877, è un marchio italiano internazionalmente riconosciuto che rappresenta un punto di riferimento per i vini italiani” – afferma Rob Sands, presidente e CEO di Constellation Brands, Inc. – “Intendiamo proseguire il cammino della famiglia Folonari e continuare a valorizzare la qualità e l’immagine che hanno saputo portare in Ruffino.”

Iniziare la giornata con un bicchiere di succo d’uva a colazione accontenta il palato, ma è un gesto che fa bene alla salute. Si tratta di un progetto portato avanti dalle imprese vitivinicole del gruppo “Enoteca Fattoria Amica”– Coldiretti Cuneo. Coinvolge anche la Scuola Enologica di Alba e prevede di sottrarre un po’ d’uva alla vinificazione per produrre il succo d’uva, e punta a diversificare le produzioni delle aziende, per ampliare la gamma delle offerte e quindi per approcciare tutta la famiglia, compresi i bambini. E’ anche ulteriore sbocco di mercato per l’uva che deriva dagli stessi vigneti che originano le DOC e DOCG note ed affermate. Gli agriturismi ed i ristoranti locali potranno quindi servire succo d’uva a kmO, insieme o in sostituzione degli altri succhi di frutta.

Quale sarà il futuro del Prosecco? La crescita dei consumi continuerà ai ritmi che ne hanno decretato il successo nell’ultimo decennio? Che effetto avrà sul mercato l’entrata in produzione dei nuovi vigneti piantati durante gli ultimi tre anni? E’ proprio nelle fasi favorevoli del mercato che le aziende più attente pianificano lo sviluppo. Per questo la Bosco Viticoltori ha commissionato a Doxa Advice una ricerca sugli atteggiamenti e comportamenti di consumo di Prosecco da parte del consumatore statunitense. “Negli U.S.A. il consumo di Prosecco sta crescendo a ritmi vertiginosi” secondo Lorenzo Biscontin, direttore Generale della cantina di Salgareda (TV) “il punto è capire in che misura questo trend continuerà anche nei prossimi anni ed i risultati della nostra ricerca sono molto promettenti.”

Oggi le etichette abruzzesi non hanno niente dell’ingenuità, anche sgraziata, di una volta, ma sono diventate interessantissime e molto ben lavorate, marcate da un forte e vitale rapporto con una natura irruente. Il Montepulciano d’Abruzzo è il padrone di casa: un grande vino rosso che cambia fisionomia assecondando il territorio da cui proviene. Si va dai vini freschi della montagna, scolpiti dal freddo e dalla roccia, ai quelli ricchissimi alimentati dal sole, forgiati dalla luce e dal calore, fino ai salmastri rossi sul mare. Il Trebbiano d’Abruzzo, dopo anni di banalità e appiattimento su alte rese, sta conoscendo una nuova giovinezza con etichette più importanti, ambiziose e godibilissime, spesso rese più intriganti dalla pratica della fermentazione spontanea. Il Pecorino ha saputo non lasciarsi imbrigliare da un successo incredibile e virare verso profumi più complessi e minerali, quasi da piccolo Riesling del Mediterraneo.

Per protestare contro il D. L. sulle intercettazioni (denominato “anti-intercettazioni“, “anti-blog“, “ammazza-internet“, “legge-bavaglio“, …), in discussione in Parlamento nei prossimi giorni, Wikipedia in lingua italiana, la famosa e super consultata enciclopedia online, ha deciso di autosospendersi e dalla giornata di ieri qualsiasi ricerca viene indirizzata verso la pagina in cui si può leggere il comunicato con le motivazioni. La protesta di Wikipedia, in sostanza, dice che se il provvedimento fosse approvato potrebbe costringerla alla chiusura. Con il risultato che per salvare la faccia di pochi, a rimetterci sarebbe tutto il popolo del web abituato alla “enciclopedia libera”. Riportiamo di seguito il testo integrale del comunicato di Wikipedia Italia

Il gruppo McDonald’s, ledaer nel settore della ristorazione fast food, prosegue nei piani di sviluppo in Italia programmando oltre 235 milioni di euro in due anni, di cui 135 quest’anno, per aprire una sessantina di ristoranti. Dall’inizio dell’anno McDonald’s Italia ha inaugurato 12 nuovi ristoranti e conta di aprirne altri 13 entro la fine dell’anno. In tutto saranno 25 per un investimento di 100 milioni. A questi vanno aggiunti 35 milioni per i rinnovi strutturali. Quest’anno Big Mac acquisterà metà degli immobili commerciali, ma l’anno prossimo salirà al 70%. Per il prossimo anno si conta di aprire altri 30-32 ristoranti, compreso quello in stazione Centrale a Milano: manca solo la firma. E da oggi Big Mac, con l’obiettivo di ampliare la base clienti, lancia l’hamburger stellato: due panini, Adagio e Vivace, e un dessert, Minuetto, firmati da Gualtiero Marchesi (cfr foto accanto).

Dal 15 ottobre al 10 dicembre Warsteiner mette in palio tecnologia all’avanguardia della Loewe home entertainment selection. L’autunno di Warsteiner è pieno di sorprese all’insegna del gusto, del design e dell’intrattenimento. Dal 15 ottobre al 10 dicembre, con l’acquisto di una confezione 3-pack contenente tre bottiglie 0,33l Warsteiner Premium Verum, sarà possibile partecipare al concorso “Warsteiner Gold Chances”. Durante le otto settimane della promozione on-pack esclusiva per il canale della GDO, Warsteiner mette in palio diversi, prestigiosi premi tecnologicamente all’avanguardia, a marchio Loewe, tra cui n. 3 Lettori Blu ray Loewe Blu Tech Vision Interactive, n. 3 DR + DVB-T Loewe Viewvision, n. 2 TV Loewe Connect 26 e, come premio per il vincitore finale, un TV Loewe entertainment center.

Idrosafe è la novità di Idroricerche per la purificazione dell’acqua. Questo sistema fornisce acqua ultra pura 24 h su 24 h in un unico passaggio, ponendosi come vantaggiosa alternativa ai classici due – tre passaggi di micro filtrazione a cartuccia. Idrosafe è di semplicissimo utilizzo e offre costante sicurezza, con costi di gestione drasticamente ridotti rispetto ai sistemi tradizionali.

Andy Luotto, lo chef-attore italo-americano protagonista dell’eccellenza enogastronomica Made in Italy sceglie come unica birra artigianale la “Birra di Parma” di Cantine Ceci. Noto per la sua passione per i sapori semplici rivisitati con quel tocco di creatività che veste bene i piatti, Andy Luotto si è letteralmente innamorato della fresca bionda e della conturbante rossa prodotte, in collaborazione con il Birrificio del Borgo, con i lieviti del Lambrusco. Sebbene l’offerta sia ricca di ottime birre di produzione italiana, la preferenza dello chef ricade proprio sulla bionda permense “Perché è molto fresca, leggera, gustosa – afferma lo chef, già amante di Otello Nero di Lambrusco e degli altri vini e spumanti di Cantine Ceci – e perfetta per qualunque abbinamento, sia per le cene gourmet che per i grandi e spettacolari catering che realizzo in giro per l’Italia”. Cresce quindi il numero degli chef che scelgono il gusto della Oro della Bronzo firmate Ceci; anche il noto cuoco di Via Veneto a Roma, Filippo La Mantia infatti, l’ha inserita nel suo menù come unica birra artigianale.

La prima «università del vino» italiana si trova sulle colline dell’ Oltrepò Pavese nello storico polo logistico di Riccagioia, tra i comuni di Torrazza Coste e Montebello della Battaglia. A gestirlo una società mista pubblico-privata composta dall’ Ersaf, dalle Camere di Commercio di Pavia, Bergamo e Brescia, dall’ Unione dei Comuni di prima collina, dall’ Unioncamere Lombardia e dalle Università di Milano e Pavia insieme ad importanti cantine private, cooperative ed associazioni di produttori viticoli. In meno di un anno si sono gettate le basi di una piccola rivoluzione.Dopo gli accreditamenti, gli accordi istituzionali e l’attivazione del sito web www.riccagioia.it, arriva la notizia che Regione Lombardia finanzierà la sua quota di attività annuali con 700mila euro: l’assessorato regionale all’Agricoltura contribuirà così al rilancio di una storica struttura totalmente ristrutturata, nonchè di un’innovativa forma di partnership tra istituzioni, cantine e operatori del settore vitivinicolo.

Il Lazio quest’anno, anche senza brillare in modo particolare, allinea una serie di novità interessanti e stimolanti in prospettiva, che vanno dalle azienda premiate a un più ampio ragionamento su zone e vitigni. Un nome nuovo infatti si aggiunge alla lista dei pochi ad aver ottenuto i Tre Bicchieri in regione. È quello della Casale Marchese, che con il Clemens ’09, blend di malvasia e chardonnay realizzato nella zona dei Castelli Romani, ottiene il nostro premio, a riprova delle possibilità di questo territorio. Discorso più complesso evidentemente per quanto riguarda denominazioni, zone e vitigni, a partire da un Frascati che continua a ridisegnare le sue caratteristiche produttive alla ricerca di un maggiore potenziale qualitativo, potenziale che però deve essere sfruttato con maggiore decisione dalle aziende della denominazione.

Si terrà il 14 novembre la seconda edizione della giornata di approfondimento sul settore horeca. Si parlerà di innovazione e specializzazione. Un sondaggio on line per partecipare da protagonisti. L’analisi della concorrenza e la verifica delle strategie messe in campo dai competitor sono operazioni che, prima o poi, qualsiasi imprenditore è chiamato a compiere. Tanto più in un contesto in continua evoluzione caratterizzato da un pesante turnover, come è quello dei pubblici esercizi. In particolare, in questi ultimi anni, siamo stati testimoni di un cambio generazionale che ha portato a nuove configurazioni nella proprietà e nella gestione. Scattare un’istantanea del settore e fornire ai moderni imprenditori gli strumenti più attuali per stare sul mercato è quanto si propone la seconda edizione del Summit horeca – Imprese fuori casa “Innovazione e specializzazione in un mercato che cambia”, organizzato dal Gruppo 24 Ore in collaborazione con Bargiornale, Pianetahotel, Ristoranti, Ristorazione Collettiva e Bar University, in calendario il prossimo 14 novembre presso la sede del Sole 24 Ore (via Monte Rosa 91 – Milano).

Le Marche hanno sempre più una vocazione bianchista. Il Verdicchio dei Castelli di Jesi fa la parte del leone. È nella sua natura: oramai anche i più critici sono arresi al fatto che ci si trova davanti a una delle più interessanti varietà a bacca bianca, se non la più interessante tout court, come sembrerebbe voler dire il premio di miglior bianco dell’anno al Vecchie Vigne di Umani Ronchi. Il merito va ascritto alla sua versatilità. Tra i premiati le versioni d’annata offrono una vitalità che non vira mai verso l’esuberanza. Il tempo poi è un fedele alleato, capace di fornire eleganza e complessità. Non c’è stile che predomini sugli altri: c’è chi predilige un registro freschissimo (Tavignano e Monteschiavo) o più potente (Marotti Campi), chi la finezza a tutti i costi (Garofoli, Sartarelli) senza ricorrere all’uso del legno. E chi preferisce affidarsi a barrique e tonneau (Santa Barbara e La Distesa) raggiungendo per altre vie pari eleganza e cifra personale.

È il grande appuntamento dedicato all’ospitalità internazionale: Nuova Simonelli partecipa ad Host 2011, il salone dell’ospitalità in programma a Milano dal 21 al 25 ottobre prossimi dove l’azienda si prepara a celebrare i suoi 75 anni di attività e a condividere con i visitatori le sue nuove tecnologie. Attesissima la presentazione della nuova macchina per caffè espresso Aurelia II dotata della sofisticata tecnologia T3, un sistema altamente innovativo che offre una lettura precisa della temperatura dell’acqua, garantendo massima precisione, pieno controllo e stabilità termica.

Tra poco meno di due mesi apriranno i cancelli dell’edizione 2011 di SIMEI-ENOVITIS, i saloni internazionali specializzati dedicati all’enologia, all’imbottigliamento e alle tecniche di viticoltura e olivicoltura. Da martedì 22 novembre a sabato 26 novembre 2011, nei padiglioni 9-11-13-15 della prestigiosa Fiera Milano a Rho su una superficie di oltre 35.000 mq. occupati, 647 aziende provenienti da 24 nazioni si daranno infatti appuntamento per la più importante manifestazione fieristica nel settore delle macchine e attrezzature per le lavorazioni in cantina del mondo. Gli ultimi dati aggiornati sono più che confortanti: oltre 50.000 visitatori attesi di cui il 20% provenienti dall’estero e un forte aumento del numero di espositori rispetto alla precedente edizione del 2009, con un incremento anche di aziende espositrici e marchi esteri.

Una birra speciale per brindare all’espressione artistica. Duvel, tra le birre belghe più apprezzate nel mondo, ha promosso “Il corpo delle donne: art exhibition”, mostra d’arte organizzata da Spazio Laghetto e curata dalla giovane Victoria Genzini, ispirata all’omonimo documentario di Lorella Zanardo. Esposte le opere di artisti internazionali, affermati ed emergenti, che esprimono attraverso l’arte il loro personale punto di vista sulla rappresentazione della figura femminile al giorno d’oggi (Spazio Laghetto, Milano – dal 21 al 30 settembre 2011). Come una donna, delicata, ma allo stesso tempo forte e dal carattere inconfondibile, Duvel, che in Belgio non è nuova ad eventi di questo tipo, è tra i protagonisti della mostra e conferma la solidità del binomio birra-arte. Durante il vernissage e nel corso dell’evento gli ospiti della mostra hanno potuto degustare birra Duvel, la speciale strong ale belga, specialità importata in esclusiva per l’Italia da Dibevit Import, leader italiano nell’importazione delle migliori birre provenienti da tutta Europa.

In occasione di Host, Dalla Corte festeggia i suoi primi 10 anni di attività, un decennio che “è stato costantemente contrassegnato dall’innovazione e dalla capacità di anticipare i tempi, di capire con largo anticipo cosa i migliori baristi di tutto il mondo chiedono a una macchina espresso: massima stabilità termica, controllo preciso di tutti i parametri ed estetica: una complessità alla quale uniamo un’estrema semplicità costruttiva, quindi costi di gestione estremamente contenuti – afferma Paolo Dalla Corte titolare con la sorella Elsa dell’azienda -. Consapevoli dell’importanza di non sprecare materie prime né energia, offriamo al mercato macchine riciclabili al 90% e per primi abbiamo affidato a un ente terzo – IMQ – la realizzazione di un sistema di analisi dell’efficienza energetica, al quale abbiamo sottoposto le nostre apparecchiature: i risultati testimoniano l’orientamento verso un utilizzo responsabile e attento, ma soprattutto verificabile, dei consumi”. Dopo il successo di evolution, le alte prestazioni di dc pro, con Host 2011 l’azienda compie un ulteriore importante passo avanti: infatti al Sistema espresso (macchina per caffè connessa al macinacaffè per controllare e regolare quest’ultimo), è stato dedicato il nuovo dc one, il macinacaffè singolo interamente progettato e costruito nello stabilimento di Baranzate alle porte di Milano.

I vini bergamaschi e lombardi si fregiano di importanti riconoscimenti internazionali. La settima edizione della manifestazione ‘Emozioni dal Mondo: Merlot e Cabernet Insieme’, organizzata da Vignaioli Bergamaschi in collaborazione con il Consorzio Tutela Valcalepio e che avrà luogo a Bergamo il 14 e 15 ottobre, ha infatti ottenuto il patrocinio dell’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino e del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, che si aggiungono a quello dell’Assessorato regionale all’Agricoltura e della Commissione regionale “Agricoltura”. Questi riconoscimenti lo rendono ufficialmente l’unico Concorso Enologico Internazionale al mondo interamente dedicato ai vini a base Merlot e Cabernet.

Il ruolo chiave che spetta alle tecnologie nella lotta contro la fame nel mondo, in particolare delle tecnologie del packaging, della conservazione e del processo alimentare, espresse in IPACK-IMA, è il tema centrale dell’azione che la mostra sviluppa con la prestigiosa collaborazione delle Nazioni Unite. È di grande rilievo l’annuncio della presenza alla prossima edizione di IPACK-IMA del Direttore Generale di UNIDO Kandeh K. Yumkella, che ha accettato l’invito degli organizzatori a tenere il discorso di apertura del Convegno Internazionale “PACKAGING TECHNOLOGIES TO ENHANCE FOOD SAFETY AND FOOD SECURITY IN AFRICAN COUNTRIES”, realizzato con il coinvolgimento di esperti di UNIDO, WFP, FAO e IFAD coordinati dal Prof. Claudio Peri, come momento di grande qualificazione dell’edizione 2012.

Pago Italia, filiale della multinazionale che opera nel settore dei succhi di frutta premium e leader nel canale Ho.Re.Ca, presenta il nuovo esclusivo gusto della stagione autunno-inverno 2011/2012: Pago Mora Selvatica, la Limited Edition che, per soli sei mesi a partire da ottobre, offrirà un’esperienza sensoriale unica e tutta la naturalità e il benessere contenuto in questo prezioso frutto, famoso per i suoi riconosciuti effetti benefici. Servire ai propri clienti una piccola pausa a base di Pago Mora Selvatica Limited Edition significa conquistarli con un prodotto esclusivo, di prima qualità, dalla consistenza cremosa e dal gusto fresco e stuzzicante, che offre un perfetto equilibrio tra note dolci ed acidule.

Speciale il valore del Premio Artusi dell’edizione di quest’anno che coincide con una doppia ricorrenza: il Centenario Artusiano e il 150° dell’Unità d’Italia. Il Premio Artusi di quest’anno va a un “mercante di utopie”. È Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, nella cittadina natale di Pellegrino Artusi, Forlimpopoli, sabato 8 ottobre alle 17,30 a Casa Artusi per ritirare il prestigioso riconoscimento di caratura internazionale. Un premio che è un omaggio che il Comune di Forlimpopoli assegna ogni anno a chi contribuisce, con il pensiero e la sua azione, alla riflessione su cibo e dintorni. E a consegnarlo sarà un altro “visionario”, se così possiamo definirlo: Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, gastronomo, giornalista, scrittore, tra i primi in Italia a mettere al centro della riflessione il cibo. Petrini, infatti, è l’ideatore del Salone del Gusto e di Terra Madre, entrambe a Torino, tra i primi nel nostro paese a proporre un riflessione sociale e culturale del cibo.

Fonti del Vulture, storica azienda specializzata nell’estrazione e nella distribuzione di acqua minerale, acquisita nel 2006 dalla joint venture Coca-Cola Hellenic e The Coca-Cola Company, si rafforza ulteriormente nel territorio lucano con lo sviluppo dello stabilimento di Rionero in Vulture, in provincia di Potenza. Alla presenza di Vito De Filippo, Presidente della Regione Basilicata, e di Pasquale Carrano, Presidente di Confindustria Basilicata, è stato infatti inaugurato oggi l’ampliamento dell’impianto che dal 2006 ha prodotto oltre 2.167.616.000 bottiglie. Ammontano 16 milioni di euro nell’ultimo bienno gli interventi per il miglioramento della qualità, della sicurezza e della tutela dell’ambiente, che hanno permesso a Fonti del Vulture di raddoppiare la produzione e raggiungere performance significative, diventando una delle più importanti aziende nel mercato nazionale delle acque minerali.

Acqua Minerale San Benedetto lega anche per il 2011 il suo nome alla Maratona d’Italia “Memorial Enzo Ferrari”, tra i principali eventi podistici italiani in programma a Carpi domenica 9 Ottobre. La partenza è fissata davanti alla Galleria Ferrari di Maranello, e la maratona proseguirà per i comuni di Ubersetto, Formigine, Casinalbo, Saliceta San Giuliano, Modena, Campogalliano e Soliera, fino ad arrivare al traguardo fissato nella piazza Martiri della città di Carpi. Un percorso suggestivo nel suo snodarsi nel verde dell’Emilia Romagna e aperto ad atleti professionisti e amatoriali.

L’ottava edizione di Grapperie Aperte ha fatto il pieno. Complici anche il cielo sereno e le temperature elevate, ancora una volta nelle 40 distillerie che hanno aperto le porte si può brindare al successo di questa manifestazione dedicata al nostro distillato di bandiera, organizzata dall’Istituto Nazionale Grappa con la collaborazione dei soci di tutta Italia. Le prime stime sull’afflusso dei visitatori parlano di oltre trentamila appassionati, a conferma di un grande interesse per la cultura e la tradizione che la Grappa racchiude in sé e che ogni alambicco racconta a modo suo. L’afflusso maggiore si è registrato nelle regioni tradizionalmente più legate alla Grappa, come il Piemonte, l’Alto Adige, il Trentino ed il Veneto, anche se le regioni più periferiche rispetto al “triangolo della grappa” si sono comunque distinte per numero di visitatori, superiori agli altri anni e per originalità degli eventi proposti a corollario delle visite e delle degustazioni.

La prestigiosa Guida francese dei Vini Gilbert & Gaillard ha assegnato la medaglia d’oro a tre prosecchi Zardetto per aver ottenuto un punteggio superiore a 80/100. La Guida, famosa per le sue pubblicazioni su vini francesi e internazionali, uscirà nel mese di settembre in quattro edizioni: francese, inglese, cinese e giapponese. Distribuita in oltre 20 paesi in tutto il mondo, la guida dà accesso a oltre 35.000 degustazioni. “Sono orgoglioso di questo nuovo riconoscimento”, commenta Fabio Zardetto, titolare dell’azienda “che conferma i nostri prodotti all’apice dello scenario internazionale; tre spumanti a base prosecco, tre differenti espressioni del territorio, uniti da un’unica visione di qualità che si ricolloca nella tradizione, tramandatami da mio nonno, che nel 1934 iniziò a fare vini. I nostri clienti in tutto il mondo, che da sempre ci scelgono, non potranno che esserne gratificati, e noi con loro.”

Arriva, fresca di stampa, la nuova Guida de L’Espresso I Vini d’Italia 2012, edizione numero undici. Piemonte e Toscana ai vertici della classifica regioni, rispettivamente con 46 e 45 vini d’eccellenza reciprocamente. Ma la Guida ai Vini d’Italia 2012 dell’Espresso è molto altro ancora. Mappe, guida alla degustazione e all’abbinamento col cibo, recensione di vini e aziende di qualità. Con ampio spazio ai “Migliori acquisti”, la tabella che segnala i vini dal rapporto qualità/prezzo più favorevoli dell’anno, perché si può bere bene, anzi benissimo, senza spendere più di 15 euro. Che vita è quella di chi non ha vino? Questo fu creato per la gioia degli uomini: allegria del cuore e gioia degli uomini è il vino bevuto a tempo e a misura. Sin dall’Antico Testamento troviamo esortazioni a gioire del vino, nelle giuste dosi e nei momenti opportuni. Per quanto riguarda la scelta del vino, invece, meglio affidarsi a testi decisamente più… laici e attuali.

Se c’è un vino che simboleggia il carattere del vignaiolo trentino, meticoloso nella cura della vigna, disposto a sacrificarsi per coltivare gli appezzamenti migliori anche se più difficili, e che poi in cantina opera con la cultura di uno scienziato e la sensibilità di un artista, questo vino non può essere che un Trento Doc. Sarà perché qui le cuvée di metodo classico hanno una consuetudine antica, sarà che il “global warming” qui si sconfigge semplicemente piantando in alto, ma è certo che siamo in una delle zone più vocate d’Italia alla spumantistica.

Il Rosso e il Bianco dell’anno rappresentano le migliori espressioni di vigne molto vecchie. Il valore del tempo fa la differenza. Partiamo dal Rosso, il Carignano del Sulcis Sup. Arruga ’07 di Sardus Pater (http://www.cantinesarduspater.it), che racconta una vigna antichissima coltivata ad alberello sull’isola di Sant’Antioco, a pochi passi dal mare. Il vino è uno straordinario rapporto di eleganza, mineralità e profondità gustativa: ha messo tutti d’accordo. Stesso discorso per il Bianco dell’anno che è il risultato eccezionale della valorizzazione di un patrimonio antico: il Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Vecchie Vigne ’09 della cantina Umani Ronchi (http://www.umanironchi.com/it/) offre una complessità gustativa che nessuna tecnica è in grado di riproporre.

Dal 1° ottobre è in onda la prima campagna tv Lavazza dedicata specificamente ai prodotti della Distribuzione Automatica destinati agli uffici. Protagonisti i soliti Paolo Bonolis e Luca Laurenti in una spedizione speciale in un ufficio sulla terra. Grazie ad una scala che unisce simbolicamente il Paradiso alla terra i due si presentano di fronte alla macchina del caffè per chiarire agli stupiti impiegati che le cialde “di fuori sono tutte uguali, ma dentro no!”, riaffermando così l’eccellenza dell’espresso Lavazza anche negli ambienti di lavoro. “Il tuo angolo di Paradiso, anche quando lavori” è il claim della nuova campagna Lavazza.

Il Brasile, principale produttore mondiale di caffè, ritorna al vertice del più importante organismo internazionale nel settore del caffè, grazie alla nomina di Robério Oliveira Silva, 48 anni, quale direttore esecutivo dell’ICO (International Coffee Organisation). Olivera Silva succede al colombiano Néstor Osorio, dimissionario nel 2010, a seguito della sua nomina ad ambasciatore della Colombia presso le Nazioni Unite. Il nuovo direttore ICO proviene dal ministero dell’Agricoltura in Brasile, dove finora ha ricoperto al carica di direttore del dipartimento del caffè. La sua designazione è avvenuta al termine della 107.ma sessione del Consiglio, dopo il ritiro degli altri candidati. “Intendiamo rafforzare la cooperazione tra paesi produttori e lavorare per la crescita del consumo di caffè,” ha dichiarato Silva (cfr foto accanto), subito dopo la elezione.