Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Beer’n Gir conquista Sondrio, il festival itinerante della birra artigianale valtellinese andato in scena venerdì 17 e sabato 18 giugno ha scaldato piazza Garibaldi. Un format che è piaciuto, sia agli appassionati di birra valtellinese ma anche ai tanti nuovi estimatori che hanno scoperto le birre locali. “Siamo davvero molto soddisfatti, siamo riusciti a riempire Piazza Garibaldi ed è stata una grande soddisfazione, la riuscita dell’evento è andata veramente molto bene”– commenta Simone Bracchi, presidente dell’associazione Beertellina.

MADE IN VALTELLINA Birrificio 1816 di Livigno, Mieleria Moltoni di Villa di Tirano, Birrificio Pintalpina di Chiuro, Kanuf di Sondrio, Birrificio Revertis di Caiolo, Birrificio Valtellinese di Berbenno, Birrificio Legnone di Dubino e Bira dal Crot di Chiavenna, questi i nomi dei birrai valtellinesi che si sono alternati al bancone, con una tap list di livello con una ventina di birre. Formula con acquisto a gettoni, a scelta tra una consumazione da 0.3 la con bicchiere di plastica, oppure da 0.2 lt con la degustazione in bicchiere di vetro. ” La cosa più bella è state mettere insieme birrifici locali in tanti casi concorrenti, ma che quando stanno insieme con l’associazione Beertellina fanno rete per promuovere la birra artigianale valtellinese. Dopo due anni di stop forzato avevamo bisogno di un evento come questo per farci conoscere”.

BEER FIRM Una birra artiginale valtellinese che vince e convince, le birre sono piaciute, nelle due serate tanti giovani e adulti hanno degustato una birra ascoltando della buona musica. Una proposta ampia a variegata, dalle chiare a bassa fermentazione, alle luppolate alle rosse più strutturate alle scure passando anche per birre più insolite come le birre al sale, le affumicate e quelle prodotte con ingredienti a km 0 come la segale di Teglio, senza dimenticare il fenomeno delle Iga valtellinesi. “I principali birrifici locali producono delle birre in stile Iga, ovvero l’Italian Grape Ale, che prevede l’aggiunta di mosto di vino, nel nostro caso di Nebbiolo, che dà una caratteristica di vinosa alla birra- continua Bracchi- Sono birre che attirano molto e che possono unire ancora di più due settori che in fondo hanno lo stesso obiettivo, far bere bene”. Un movimento che sta crescendo quello della birra artigianale valtellinese, dietro nomi più noti stanno emergendo anche beer firm con tanti giovani birrai che con il loro marchio producono birra appoggiandosi a degli impianti di birrifici più strutturati in grado di gestire volumi maggiori nei loro impianti.

TAP LIST TOP Di assoluto livello di top list presente a Sondrio, tra i vari assaggi abbiamo provato una birra alla canapa del birrificio Kanuf prodotta con la canapa coltivata a Chiuro, oppure una rossa della Bira dal Crot che sta portando avanti la tradizione della birra artigianale in Valchiavenna. Tra gli assaggi più interessanti da segnalare una Winter Imperial Stout del birrificio Revertis di Caiolo, reduce da una bella performance a un concorso di birra internazionale a Barcellona. Prossimo appuntamento l’1-2-3 luglio a Teglio, al Parco Felice Chiusano andrà ancora in scena Beer’n Gir, il festival itinerante delle birre artigianali valtellinesi. Tra gli eventi proposti dall’associazione Beertellina quest’estate ci sarà anche BeerBen, una passeggiata per le vie e le corti del centro storico di Berbenno, dove a differenza delle altre edizioni non ci saranno birrifici provenienti da fuori provincia, ma saranno protagonisti ancora i birrai valtellinesi.

 

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo: No. 3 London Dry Gin  - Food is The Key - distribuito in Italia da Pallini

Scrivi un commento

dieci + sei =