Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Si celebra venerdì 22 ottobre in tutto il mondo lo ChampagneDay 2021, un evento globale per festeggiare lo bollicine più blasonate. Tante le iniziative messe in piedi per questa ricorrenza, degustazioni brindando virtualmente con la comunità mondiale degli appassionati, il Comité Champagne ha messo a disposizione una piattaforma online champagneday.champagne.com dove conoscere gli eventi promossi da bar, ristoranti ed enoteche.

Eventi, condivisione nei social network, aperitivi e degustazioni virtuali e in presenza, al motto dell’hashtag comune #ChampagneDay. Tanta formazione con la possibilità di iscriversi a Champagne MOOC, il primo corso online gratuito per conoscere lo Champagne. Il Bureau du Champagne Italia ha organizzato il webinar “L’arte dell’abbinamento”, con l’ambasciatore dello Champagne per l’Italia 2007 Nicola Roni che guiderà gli ospiti un percorso di formazione per scoprire come scegliere il giusto abbinamento tra gli Champagne e le ricette più raffinate.

Anche in Italia si brinderà, il nostro paese è il quinto mercato al mondo delle bollicine francesi, dopo Usa, Uk, Giappone e Germania, con 6,9 milioni di bottiglie importate nel 2020, con una flessione del -17% sul 2019 e una conseguente diminuzione del fatturato del -19%, a 146,8 milioni di euro, secondo i dati forniti dal Comité Champagne. Ecco alcune bollicine per festeggiare lo #ChampagneDay 2021, ricordando di fare scorte in vista delle festività dei prossimi mesi, visto che qualche enoteca parla già di difficoltà di approvvigionamento.

 

Champagne Collection 242 Louis Roederer

La rivoluzione in casa Roederer si chiama Champagne Collection 242, un progetto con cui la Maison Louis Roederer ha alzato l’asticella. Collection sintetizza la ricerca dell’eccellenza, con un lavoro maniacale su ogni singola parcella, insieme a nuova idea di libertà con un solo scopo, creare il miglior vino possibile con ogni blend. Una selezione millesimata, dando spazio ad appezzamenti con priorità a quelli che seguono pratiche vitivinicole sostenibili e che risultano più adatte a comporre l’assemblaggio ogni millesimo. Ogni anno la migliore qualità per conferire un’identità nuova al vino, ogni grappolo utilizzato nella composizione di Collection è sottoposto a rigorosa selezione. La collezione si contraddistingue anche per la creazione di una “resérve perpétuelle”, iniziata a partire dall’annata 2012, arricchita ogni anno con l’ultima vendemmia e conservata, al riparo dall’ossigeno, in tini di acciaio inox di grande capacità. Un’esclusiva del catalogo Sagna, partner in Italia della Maison Roederer.

 

Champagne Bollinger B13

B13 è un Blanc de Noirs fatto esclusivamente di Pinot Noir, che incarna l’eccellenza dei vigneti della Montagne de Reims. La Cuvée è composta da soli 5 cru di cui il 92% sono Grands Crus e l’8% Premiers Crus. L’edizione limitata B13, che sta per Bollinger 2013, è una cuvée millesimata ispirata alla vendemmia 2013, che è stata unica per le sue condizioni climatiche senza precedenti. Inverno molto lungo segnato da neve e gelo, una primavera mite e umida seguita da un’estate torrida intervallata da violenti temporali. Una bollicina pulita e precisa, un’espressione unica dell’interpretazione del Pinot Nero di Maison Bollinger che con i suoi vigneti, rende omaggio ai valori ambientali ed enologici. In Italia gli Champagne di Bollinger sono distribuiti dal Gruppo Meregalli.

 

Champagne Blanc de Craie Henri Giraud

Il Blanc de Craie di Champagne Henri Giraud è un Blanc de Blanc prodotto esclusivamente con Chardonnay proveniente dalla Vallée de la Marne, 55% dal grand cru di Ay e dalla Montagne de Reims. Villaggi con un terroir ricco di gesso, craie in francese, che conferiscono minerali e concentrazione al vino. Lo Champagne è prodotto da vini fermentati in barriques della foresta di Argonne e uova di cemento. Un Blanc de Blancs molto più strutturato del solito con eleganti profumi di fiori, note di pesca e frutti tropicali. Al palato è intenso con una spiccata sapidità. Bollicina a tutto pasto, lasciato affinare in cantina dopo un paio di anni dalla sboccatura si evolve in uno champagne con ricche note di miele e frutta matura, con un palato cremoso e sentori di crema pasticciera. Scansionando il QR code sulla retro-etichetta è possibile visionare le analisi del vino che certificano l’assenza di pesticidi. Nel portfolio di Ghilardi Selezioni.

 

Cuvée n° 744 Extra Brut Champagne Jacquesson

Comincia tutto da qui, da Jacquesson. Un progetto rivoluzionario, ogni anno un’unica cuvée, numerata e rappresentativa, ogni volta, delle diverse vendemmie. “Incontrare Jean-Hervé e Laurent Chiquet, proprietari della Maison, quando stavamo cercando qualcosa di diverso dai soliti Champagne, è stata una vera fortuna”, afferma Pietro Pellegrini, dell’omonima società di distribuzione che commercializza il prodotto in Italia. Assemblaggio di vini di una stessa vendemmia, provenienti da decine di parcelle, si completa con alcuni dei loro predecessori: i “vins de réserve”, conservati in cantina per diversi anni. In questo processo diventa fondamentale catturare il meglio di ogni annata, evitando di negare le variazioni proprie di ogni raccolto. Le Cuvées vengono numerate per datarle e per metterne in evidenza le differenti personalità, la n° 744 Extra Brut è relativa all’annata 2016, con ve raccolte ad Aÿ, Dizy, Hautvillers (55%), Avize e Oiry (45%). Vini  aromatici e gustosi, con una menzione particolare per i Pinot noir, veramente ottimi, assemblaggio completato con “vins de réserve”.

 

Brut Nature Champagne Lallier

Il Brut Nature di Champagne Lallier senza l’aggiunta della liqueur de dosage, riflette le nobili origini con freschezza e delicatezza della maison. Uno champagne che sintetizza perfettamente l’arte del buon bere e del buon mangiare. Vitigni 38% Chardonnay e 62% Pinot Noir della zona CrusAÿ, Verzenay, Bouzy, Ambonnay, Avize, Cramant, Oger. Assemblaggio19% vini di riserva, sboccatura alcuni mesi prima della commercializzazione, senza zuccheri aggiunti. Colore dorato e scintillante, al naso si percepiscono sentori delicati, di agrumi e fiori bianchi. Leggere note di miele evocano la sua maturità e portano al naso sensazioni soavi e piacevoli. La bocca è dritta e franca, accompagnata da un perlage cremoso che evoca le sue nobili origini. Il Brut Nature si abbina di forma più giusta con i cibi salati piuttosto che dolci, un gran vino gastronomico. Champagne Lallier è entrato a far parte di Campari Group dal 2020.

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Ice Cube - Made of Coolness - Ghiaccio alimentare

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

3 × uno =