Pinterest LinkedIn

Cosa chiede il mercato nordamericano ai produttori di macchine da caffè Made in Italy?
Ce lo raccontano due grandi aziende con una forte presenza nell’area. Il dilagare dello specialty e l’attenzione al caffè di qualità, ma anche le difficoltà di reperire il personale. L’analisi dei dati e l’IoT e una grande attenzione all’assistenza: sono le tendenze di un mercato polarizzato raccontate da due protagonisti dell’export nel mercato nordamericano.

 

 

“I nordamericani cercano due aspetti: la qualità e le conoscenze – dice Andrea Clerici, direttore commerciale di CimbaliL’interesse verso gli Specialty Coffee è sempre più radicato e la ricerca di un caffè di qualità non è più appannaggio di bar o caffetterie, ma si allarga alle catene, in ufficio, negli spazi di coworking, nelle strutture per lo sport, la salute e il benessere, nelle boutique e nel mondo del take-away: il caffè è diventato onnipresente. Il caffè di qualità è ora una priorità per le aziende, in quanto utile a instaurare relazioni con i clienti. Le macchine per caffè, oggi, non devono più soddisfare solo i professionisti, ma chiunque”.

 

 

Il mercato tende a polarizzarsi: “Si cercano modelli di fascia bassa e con un buon rapporto qualità-prezzo, che offrano un buon caffè a un prezzo conveniente (una soluzione di solito attuabile nei ristoranti), o modelli di punta, di fascia alta, utilizzati per ‘fare scena’ intorno al bancone”. È cambiato l’atteggiamento e aumentato l’interesse per le superautomatiche. “Grazie ai miglioramenti tecnologici, hanno una resa sempre migliore, dall’estrazione del caffè alla montatura del latte, e assicurano un risultato di alta qualità e uniformità in tazza, indipendentemente da chi prepara il caffè. È importante perché oggi in molte situazioni si assiste a un continuo turnover degli operatori. Questo fattore, insieme alla connettività Internet of Things, ha cambiato le regole del gioco per molte catene. Infatti, la macchina, grazie alla connessione Wi-fi, comunica e consente di monitorare da remoto tutte le sue funzionalità e performance”.

Cimbali per il mercato nordamericano ha ideato una superautomatica con connettività Bluetooth e molte funzioni che offrono ai clienti un caffè personalizzabile a seconda dei gusti, con i chicchi macinati sul momento per garantire la massima qualità in tazza e in grado di erogare bevande calde e fredde, in diverse quantità, da 12 a 24 once.

 

 

“In USA oggi si vuole innovare senza stravolgere, semmai aggiungere. – spiega Tommaso Natale, Marketing & Communication Manager La Marzocco -. Il progetto di connettere le macchine tramite app ne è un esempio: lavoriamo sull’efficacia nel recuperare dati sensibili nell’utilizzo della macchina e su una manutenzione predittiva, senza perdere la manualità del barista, plus principale dei nostri prodotti. Riteniamo che sia proprio la lettura e la conoscenza dei dati che possa portare a un sempre migliore utilizzo delle macchine da caffè”. Quanto ai prodotti più richiesti, il mercato Nordamericano cerca qualità, comodo utilizzo e lunga durata. “Le macchine più vendute sono la Linea Classic e la Linea PB. Piacciono il sistema a doppia caldaia che permette stabilità termica sul lungo periodo e quindi la qualità del caffè in tazza e le performance della caldaia vapore, molto utilizzata dagli americani per montare i vari tipi di latte”.

Fonte: host.fieramilano.it/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Nino Negri Vigna Francia - Valtellina Superiore - Vite di Roccia - Segui su Instagram

Scrivi un commento

due × uno =