Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Compleanno d’autore, all’insegna del glamour e del jet set, gli stessi che hanno contraddistinto la sua storia. La pasticceria Cova, la più famosa di Milano, spegne duecento candeline con un party esclusivo targato Ruinart, nel garden interno della storica sede di via Montenapoleone 8. Oggi come allora, Cova rimane sinonimo d’elite e gusto, e i 200 anni appena compiuti lo certificano ancora un volta.

Dai tempi del Risorgimento al ventunesimo secolo, la pasticceria Cova porta in alto lo stendardo di un luogo sofisticato e impegnato, che negli anni ha visto passare personalità illuminate e nomi influenti di ogni campo, da Giuseppe Verdi ai ministri degli anni duemila. Allo stesso ritmo di crescita dell’intera Milano, ne è diventata fucina di pensiero e filosofia. Dal 1817 ad oggi, duecento anni da protagonista, gli ultimi dei quali abbinata a una realtà di altissimo profilo: dal 2013 Cova è entrata infatti a far parte del gruppo LVMH (Louis Vuitton Moët Hennessy S.A.), multinazionale specializzata in beni di lusso, che aveva battuto la concorrenza di Prada. Sono rimasti come soci e nel management il titolare Mario Faccioli e le figlie Paola e Daniela, a testimonianza di una passione e una tradizione che hanno portato l’ex confetteria ad aprire punti a Hong Kong, Shanghai, e Tokyo.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Partner ideale per la celebrazione è stato Ruinart, a sua volta una delle istituzioni della realtà del beverage di primo livello: la maison di champagne più antica del mondo, fondata nel 1729 dal monaco benedettino Dom Thierry Ruinart, nel Cova Garden ha riscaldato gli ospiti con un Brut Rosè, in un pomeriggio di relax e convivialità di gusto, grazie anche al DJ Set di Matteo Ceccarini. Da anni al fianco di Cova, Ruinart si è confermato la proposta adatta per happening e incontri di rilievo, con uno champagne fresco e allo stesso tempo di carattere grazie all’assemblaggio di Chardonnay e Pinot Nero.

Immancabili, ovviamente, gli assaggi dei dolci Cova, esempio perfetto della filosofia della pasticceria: materie prime eccellenti e cura del dettaglio, dalla presentazione alla location, per permettere agli ospiti un’esperienza unica, al centro dell’attenzione. Benessere, interpretazione e emozione, le chiavi del successo di Cova dal 1817. Duecento di questi giorni.

 

© Riproduzione riservata

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

dodici − due =