Pinterest LinkedIn

Di palazzo in palazzo per assaporare la storia e la cultura di una città di frontiera con un fascino d’altri tempi; lasciarsi conquistare da aromi e profumi del più nobile fra i vini rossi valtellinesi, lo Sforzato, prodotto da uve nebbiolo, passeggiando tra le vie, seguendo un itinerario alla scoperta dei tesori che Tirano e la Valtellina racchiudono. Splendidi paesaggi, tradizioni che il tempo ha preservato, testimonianze storiche. Con Sforzato Exhibition tutto questo è possibile: per tre giorni (da venerdì 27 a domenica 29 settembre) il borgo ai confini con la Svizzera, ,si anima con le degustazioni, con i convegni, con la musica, con le passeggiate tra vigneti e meleti, con il folkore e l’intrattenimento.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Insieme al Valtellina Superiore, lo Sforzato o Sfursat di Valtellina, è una delle due docg della provincia di Sondrio; l’ha ottenuta nel 2003, primo fra i passiti rossi secchi italiani. È il risultato della selezione delle migliori uve nebbiolo che subito dopo la vendemmia vengono poste per circa tre mesi su graticci in locali asciutti e ben ventilati detti “fruttai”. All’appassimento seguono venti mesi di invecchiamento e affinamento in legno e bottiglia e solo a quel punto questo rosso con grado alcolico minimo del 14% è pronto per la degustazione. Lo Sforzato, dal colore granato scuro, con profumi intensi, è ottimo come vino da meditazione. Come per il Valtellina Superiore, le uve nebbiolo utilizzate per la produzione dello Sforzato vengono coltivate sul versante retico della provincia di Sondrio, tra Berbenno e Tirano, nei vigneti ospitati sui caratteristici terrazzamenti, sostenuti da muretti a secco. Con i suoi 2500 chilometri di muretti a secco che sostengono i vigneti terrazzati nei quali crescono le uve nebbiolo che diventano vini rossi nobili e corposi quali il Valtellina Superiore e lo Sforzato, la provincia di Sondrio rappresenta una delle aree terrazzate più estese e più suggestive del mondo vitivinicolo.

 TIRANO: LA MAGIA DELL’ARTE, LO SPETTACOLO DELLA NATURA

 Storico crocevia tra le Alpi, antico borgo dal fascino discreto che conquista per l’atmosfera calda e accogliente, Tirano è una città d’arte ricca di palazzi storici e di chiese, racchiusa nella cinta muraria voluta da Ludovico il Moro, patrimonio mondiale dell’Unesco quale stazione di partenza del trenino rosso del Bernina, riconosciuta per le sue bellezze e per le sue peculiarità da Città Slow e Città del Vino. La bellezza del paesaggio naturale, la ricchezza della tradizione enogastronomica incontrano l’arte e la storia, creando un connubio che conquista i visitatori. Passeggiare tra le vie del centro storico, ammirare suggestivi scorci, visitare i palazzi nobiliari, scoprire le cantine nelle quali si affinano i prestigiosi vini rossi di Valtellina per vivere intense emozioni. Situata al confine con la Svizzera, Tirano è diventata un importante centro turistico facilmente raggiungibile sia da Milano che da St. Moritz ed è meta di pellegrinaggi per la presenza della cinquecentesca Basilica eretta nel luogo in cui la Madonna apparve a Mario Omodei, nel 1504. La città è abbracciata dalle coltivazioni tipiche, fortunate perché baciate dal sole e accarezzate dal vento: l’uva sui terrazzamenti vitati, le mele negli avvallamenti

 +info: www.sforzatoexhibition.it/ Ufficio stampa: Emanuela Zecca press@sforzatoexhibition.it

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo: No. 3 London Dry Gin  - Food is The Key - distribuito in Italia da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina