Pinterest LinkedIn

In base a uno studio realizzato da AssoBirra sui consumi delle donne in 11 Paesi (europei e non), si scopre che l’Italia e’ la nazione con la maggior platea di bevitrici (circa il 60% del totale) e con il minor consumo procapite di birra (appena 14 litri). Un modello simile al nostro si ritrova solo in Francia, Svezia e Gran Bretagna, mentre agli ultimi posti di questa “classifica della responsabilità” troviamo Irlanda, Russia e Repubblica Ceca, dove i livelli di consumo oltre che molto alti sono inseriti in stili di approccio all’alcol meno corretti e moderati.

 

 

Nel dettaglio, precediamo per numero di appassionate diverse realtà in cui la tradizione birraria e’ fortemente radicata: Francia (58%), Irlanda (55%), Gb, Usa, Spagna e Svezia (intorno al 50%) e poi, più indietro, Brasile (41%), Repubblica Ceca (30%), Germania (29%) e Russia (20%). Mentre sul fronte dei consumi procapite ‘in rosa’, con i loro 14 litri le italiane sono lontanissime dagli eccessi di irlandesi (64 litri), spagnole e ceche (56 litri), dai 40 litri circa di russe, tedesche e statunitensi, precedendo anche inglesi (22 litri) e francesi (16 litri). Se tre indizi fanno una prova, l’Italia e’ nel gruppo di testa anche tra i Paesi in cui le donne eleggono la birra come bevanda alcolica preferita in assoluto. Dietro la Spagna, inarrivabile, al 44%, in Italia, Usa e Germania 1 donna su 4 preferisce la birra anche al vino.

Risultato incredibile anche solo a pensarsi fino a pochi anni fa. “Negli anni Ottanta – spiega Alberto Frausin, presidente di AssoBirra – trovare una ragazza che bevesse un bicchiere di lager senza storcere la bocca per l’amaro era un’impresa quasi impossibile. Allora, 3 donne su 4 la consideravano una bevanda di nessun interesse, decisamente lontana dal loro gusto. Oggi i numeri ci dicono, senza equivoci, che più della metà delle nostre connazionali ormai la bevono, conoscono e apprezzano, contro il 25% appena degli anni Ottanta, anche per il venir meno di antichi pregiudizi, come l’errata convinzione che la birra gonfi o ingrassi”. Questo “fenomeno Italia”, di dimensioni e caratteristiche inaspettate, e’ stato ulteriormente approfondito dalla ricerca Astra Ricerche/AssoBirra, ‘Il lato femminile della birra’, realizzata su un campione di 700 donne rappresentative della popolazione nazionale. Nel costruire l’identikit dell’appassionata di birra, si rileva un innalzamento dell’età’ media, che si concentra, come per i maschi, nella fascia tra i 25 e i 55 anni. Mentre, pur nel quadro di una sostanziale omogeneità territoriale, Sud e Triveneto sono le aree geografiche dove la birra e’ più apprezzata dalle donne. Chiara e leggera: la tipologia di birra preferita dalle donne e’ la classica chiara (Lager o Pils, 80%), mentre circa il 7,6% sceglie i profumi delicati e speziati di blanche e weizen (7,6%). E solo il 10% cerca i sapori più forti e decisi di una bock rossa o di birre più strutturate.

+info: www.agi.itwww.assobirra.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Sigep - The Dolce World Expo 21-25 Gennaio 2023 Fiera di Rimini - 44° Salone Internazionale della Gelateria, Pasticceria, Panificazione Artigianale e Caffè - The Italian Way to Live Dolce

Scrivi un commento

dodici − due =