Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Vino e ristorazione sono due alleati che quando remano nella stessa direzione portano in alto. Negli ultimi anni sono in aumento le proposte di ristoranti con alle spalle una cantina vinicola, come nel caso della Taverna Re Manfredi che ha aperto i battenti a Matera dal 2019, nell’anno in cui la città era capitale Europea della cultura.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Taverna Re Manfredi prende il nome dal brand lucano di vino della cantina Terre Degli Svevi di Venosa che fa parte del Gruppo Italiano Vini. Siamo in Basilicata nel cuore di Matera nel Sasso Caveoso, uno dei due gioielli della città patrimonio Unesco che tutto il mondo ci invidia. Taverna Re Manfredi accoglie i suoi ospiti tra le sue spettacolari volte di sasso, un tempo questa era una dimora tipica lucana, la ristrutturazione ha mantenuto lo spirito del passato con un’anima contemporanea.

Tanta tradizione con le ricette tipiche del territorio che vengono rielaborate con semplicità e modernità. Dall’estate 2020 alla guida della Taverna Re Manfredi c’è il restaurant manager Matteo Sintini, scuola di cucina internazionale Alma ed esperienze importanti in Italia e all’estero prima di prendere in mano le redini di questo progetto strategico per il Giv con uno staff che arriva da tutta Italia con un background diversificato. “Stiamo ripartendo questa estate, Matera come tutte le mete culturali ci ha messo un po’ ad ingranare, considerando che la Basilicata è stata una delle ultime regioni a riaprire la ristorazione siamo comunque soddisfatti di come sta procedendo la stagione estiva”.

Tanto caldo quest’estate durante il giorno, Taverna Re Manfredi è il posto giusto per una sosta rigenerante a pranzo o per vivere un’esperienza culinaria di livello la sera. Un ambiente intimo e accogliente, dove si respira la storia, un crocevia di esperienze e provenienze differenti. “Portiamo in tavola la nostra tradizione mentre esploriamo tecniche, sapori e tipicità della terra che ci ospita. Facciamo tanta ricerca sulla territorialità e stagionalità- continua Matteo Sintini- andando a cercare personalmente produttori che ci consentono di avere materie prime di altissimo livello che con passione studio vengono rielaborate per presentare dei piatti frutto di contaminazioni di tecniche e sapori, con un menù che cambia in base alla disponibilità dei prodotti”.

I muri a vista delle sale della Taverna Re Manfredi, scavate nel sasso dalla mano dell’uomo, sono la cifra artigianale che si ritrova in ogni piatto, quando il tempo lo consente è possibile godere appieno del sole e della brezza mediterranea nella corte interna. Affascinante la grotta all’interno dove vengono lasciate ad affinare le bottiglie della cantina Terra degli Svevi e degli altri prodotti del Giv. “Il vino è una parte importante della nostra proposta, siamo in contatto quotidiano con la cantina Terre Degli Svevi che si trova a Venosa a circa 30 km da noi, proponendo tutta la gamma di vini dai grandi rossi di Aglianico che sono il cavallo di battaglia vinificati anche in rosato,  il bianco Re Manfredi  con Muller Thurgau e Traminer Aromatico, vitigni tipicamente nordici che in Basilicata hanno trovato un terroir ideale, oltre a tutti i prodotti del Giv. La nostra proposta beverage sta puntando anche alla miscelazione e ai distillati di qualità che sono sempre più richiesti dalla clientela e completano la nostra offerta”.

Un’insegna che sta scalando le posizioni delle classifiche gastronomiche, come dimostrano i riconoscimenti importanti arrivati come le Due Forchette della guida del Gambero Rosso e l’inserimento nel Registro delle Eccellenze Italiane nella sezione ristorazione. Il prossimo passo conquistare i gourmet locali. “Storicamente l’abitante di Matera non frequenta i sassi, pensa che siano un’attrazione turistica- chiosa Sintini- stiamo cercando di conquistare la clientela locale facendoci conoscere”.

INFO www.tavernaremanfredi.it

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Vuoi un caffè sostenibile? Scegli Fairtrade!

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

sedici − 3 =