Pinterest LinkedIn

Sei ristoranti italiani nella prestigiosa classifica The World’s 50 Best Restaurants 2022, la graduatoria che da vent’anni mette in fila il gotha mondiale della ristorazione. Questo uno dei responsi arrivati nella serata di martedì 18 luglio da Londra, dove a trionfare è stato il ristorante Geranium di Copenaghen al The World’s 50 Best Restaurants 2022, il premio sponsorizzato da S.Pellegrino e Acqua Panna arrivato alla ventesima edizione. Lo chef Rasmus Kofoed, nel cui staff ci sono anche tanti italiani capeggiati da Mattia Spedicato e Giulia Caffiero, splendidi protagonisti della sala e dell’accoglienza, entra così di diritto nella hall of fame The Best of the Best con i vincitori delle precedenti edizioni. Pronostico rispettato per uno dei favoriti della vigilia che ha avuto la meglio sul Central di Lima  dello chef Virgilio Martinez in seconda posizione e terzo gradino del podio per Disfrutar di Barcellona.

Dicevamo del buon risultato dell’Italia, che piazza sei ristoranti nelle prime ventinove posizioni. Era già successo tre volte nella storia dei 50 Best che l’Italia piazzasse sei ristoranti in classifica, nel 2011, 2009 e 2007, quando però la lista aveva un respiro meno internazionale. Il migliore dei 50 Best nostrani è il Lido 84 di Gardone Riviera sul lago di Garda dello chef Riccardo Camanini che sale ancora sino all’ottava posizione in classifica, dopo il debutto sensazionale in lista dell’anno scorso che lo aveva fatto entrare direttamente in quindicesima piazza. Raggiunge la top ten anche un’altra insegna storica dell’alta ristorazione tricolore, il ristorante Le Calandre di Rubano al decimo posto, punta di diamante dell’impero della ristorazione della famiglia Alajmo. Posizione numero 12 e prima volta in classifica per lo chef Mauro Uliassi dell’omonimo ristorante di Senigallia, che si è aggiudicato il premio Highest New Entry dei The World 50 Best Restaurants, annunciato sul palco insieme alla sorella Catia Uliassi dallo chef Massimo Bottura. Super performance anche quella dello chef Niko Romito e il suo ristorante Reale di Castel di Sangro in Abruzzi alla posizione numero 15, scalando ben quattordici posti in graduatoria. Nei top 20 anche il Piazza Duomo di Alba di chef Enrico Crippa, fresco della recente apertura a Doha in Quatar. Completa il sestetto della ristorazione tricolore lo chef altoatesino Norbert Niederkofler che il suo St. Hubertus di San Cassiano in Alta Badia nel cuore delle Dolomiti entra direttamente al 29° posto.

Il gran galà dei The World’s 50 Best Restaurants 2022 è andato in scena a Londra condotta dall’attore americano Stanley Tucci, uno show trasmesso in diretta in tutto il mondo che ha acceso i fari dell’alta ristorazione. Il padrone di casa William Reed nel suo intervento di benvenuto, ha sottolineato la ricorrenza storica del ventennale, senza dimenticare gli anni più recenti con l’istituzione del 50 Best Recovery durante il periodo della pandemia e l’introduzione dei Champions of Change awards.Tra i premiati a salire sul palco Leonor Espinosa, del ristorante Leo a Bogotá, vincitrice del premio The World’s Best Female Chef 2022, Alexandre Mazzia, del ristorante AM par Alexandre Mazzia di Marsiglia che ha vinto l’American Express One To Watch 2022, mentre l’attivista keniota Wawira Njiru è stata premiata con l’Icon Award. Gli altri riconoscimenti della serata sono stati il Flor de Caña Sustainable Restaurant Award è andato ad Aponiente di Cadice (Spagna), Rene Frank è stato premiato con il World’s Best Pastry Chef Award, il Gin Mare Art of Hospitality Award è stato assegnato al ristorante Atomix di New York (numero 33 nella lista), World’s Best Sommelier in the World è stato nominato Josep Roca, mentre infine l’Estrella Damn Chefs’ Choice Award è stato assegnato a chef Jorge Vallejo di Quintonil a Città del Messico.

 

The World’s 50 Best Restaurants 2022

 

1. Geranium, Copenhagen (Danimarca) – BEST RESTAURANT IN EUROPE

2. Central, Lima (Perù)  – BEST RESTAURANT IN SOUTH AMERICA

3. Disfrutar, Barcellona (Spagna)

4. DiverXO, Madrid (Spagna)

5. Pujol, Città del Messico (Messico) – BEST RESTAURANT IN NORTH AMERICA

6. Asador Extebarri, Atxondo (Spagna)

7. A Casa do Porco, San Paolo (Brasile)

8. Lido 84, Gardone Riviera (Italia)

9. Quintonil, Città del Messico (Messico)

10. Le Calandre, Rubano (Italia)

11. Maido, Lima (Perù)

12. Uliassi, Senigallia (Italia) – HIGHEST NEW ENTRY

13. Steirereck, Vienna (Austria)

14. Don Julio, Buenos Aires (Argentina)

15. Reale, Castel di Sangro (Italia)

16. Elkano, Getaria (Spagna)

17. Nobelhart & Schmutzig, Berlino (Germani)  – VILLA MASA HIGHEST CLIMBER AWARD

18. Alchemist, Copenhagen (Danimarca) – New entry

19. Piazza Duomo, Alba (Italia)

20. Den, Tokyo (Giappone) – BEST RESTAURANT IN ASIA

21. Mugaritz, San Sebastian (Spagna)

22. Septime, Parigi (Francia)

23. The Jane, Anversa (Belgio) – New entry

24. The Chairman, Hong Kong (Cina)

25. Frantzén, Stoccolma (Svezia)

26. Restaurant Tim Raue, Berlin (Germania)

27. Hof Van Cleve, Kruisem (Belgio)

28. Le Clarence, Parigi (Francia) – New entry

29. St. Hubertus, San Cassiano (Italia) – New entry

30. Florilège, Tokyo (Giappone)

31. Arpège, Parigi (Francia)

32. Mayta, Lima (Perù) – New entry

33. Atomix, New York (USA) – GIN MARE ART OF HOSPITALITY AWARD

34. Hiša Franko, Kobarid (Slovenia)

35. The Clove Club, Londra (UK)

36. Odette, Singapore

37. Fyn, Città del Capo (Sudafrica) – New entry BEST RESTAURANT IN AFRICA

38. Jordnaer, Copenhagen (Danimarca) – New entry

39. Sorn, Bangkok (Thailandia) – New entry

40. Schloss Schauenstein, Fuerstenau (Svizzera)

41. La Cime, Osaka (Giappone) – New entry

42. Quique Dacosta, Denia (Spagna)

43. Boragó, Santiago (Cile)

44. Le Bernardin, New York (USA)

45. Narisawa, Tokyo (Giappone)

46. Belcanto, Lisbona (Portogallo)

47. Oteque, Rio de Janeiro (Brasile) – New entry

48. Leo, Bogotà (Colombia)

49. Ikoyi, Londra (UK) – New entry

50. Single Thread, Healdsburg (California)

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo: No. 3 London Dry Gin  - Food is The Key - distribuito in Italia da Pallini

Scrivi un commento

19 + 16 =